Tacos vegetariani, variante per chi non ama la carne

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta

Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i tacos messicani vengono tradizionalmente valorizzati da un ripieno di carne, e più raramente di pesce.

Tuttavia, la commistione tra cucina messicana e sensibilità vegetariana è giustificata dai fatti, ovvero dal sapore e dalla potenza organolettica di questa preparazione. L’elemento di carne è sostituito da una gradevole omelette di cipolle, che in qualche modo ne rievoca la consistenza e l’apporto proteico.

Un’omelette, per inciso, molto semplice da preparare: il composto base è formato da uova sbattute, cipolle soffritte e burro fuso.

Per il resto, il ripieno è ricco di alimenti vegetali, come le carote e le lattughe. Le prime donano un po’ di dolcezza alla ricetta, le seconde una spiccata freschezza, valorizzata da un sapore lineare ma corposo (almeno rispetto ad altre verdure).

Tutti questi alimenti, per quanto potenzialmente estranei alla ricetta originale, premiano i tacos. Essi vengono esaltati dal punto di vista organolettico, trasformandosi in uno splendido esempio di fast food creativo.

Perché abbiamo scelto il burro chiarificato?

Il burro gioco un ruolo solo all’apparenza secondario nei tacos vegetariani. Nello specifico, va sciolto e mescolato alle uova sbattute e alle cipolle soffritte, in modo da formare un’omelette gustosa e nutriente. In realtà, con il suo sapore stravolge la ricetta dei tacos, la cui variante originale non prevede questo alimento.

Dunque, è bene porre la massima attenzione sia alle dosi sia alla qualità del burro. Per l’occasione consiglio la variante chiarificata. Essa si caratterizza per la totale assenza di caseina, sostanza responsabile del sapore del burro stesso, ma anche di una certa tendenza alla sua “carbonizzazione”.

Tacos vegetariani

Per questo motivo, è sempre bene optare per il burro chiarificato se deve essere sottoposto a temperature elevate. Il burro chiarificato è anche molto grasso, quasi come l’olio, per questo motivo deve essere impiegato con estrema prudenza.

D’altronde, sono sufficienti solo 20 grammi di burro chiarificato per un’omelette che dovrebbe bastare per 10-12 tacos. Un’altra caratteristica positiva è l’assenza di lattosio, sicché questo tipo di burro può essere consumato senza alcun timore dagli intolleranti a questa sostanza.

Cos’è la salsa guacamole?

La ricetta dei tacos vegetariani, nonostante il particolare ripieno, incarna lo spirito della cucina messicana. Esso è evidente, infatti, nella guarnizione finale, che è data dalla salsa guacamole. Questo tipo di salsa può essere considerata una specialità mesoamericana, e infatti è preparata con un frutto tropicale, ossia l’avocado.

Questo frutto si caratterizza per un sapore molto riconoscibile e per la consistenza pastosa, in grado di valorizzare sia le preparazioni salate che quelle dolci. E’ abbastanza grasso, ma i suoi lipidi sono salutari, soprattutto per l’apparato cardiovascolare. La salsa guacamole è realizzata con la polpa di avocado, il pepe nero, il sale rosa e il succo di lime (un agrume simile al limone).

La salsa guacamole è ricca di sostanze nutritive, quasi tutte derivanti dall’avocado. Il riferimento è alla vitamina K, che interviene nei processi di coagulazione del sangue e di assorbimento del calcio. La salsa guacamole è anche ricca di vitamina A, che tra le altre cose esercita una funzione antiossidante.

Questa salsa apporta, inoltre, molti grassi oleici, che riducono il livello di colesterolo cattivo nel sangue (il temibile LDL). Infine, grazie alla presenza del sale rosa, è ricca di tantissimi sali minerali, che fanno bene all’organismo sotto molti punti di vista.

Preponderanti, comunque, sono il potassio e il magnesio, entrambi considerati energizzanti e capaci di migliorare le performance cognitive. La salsa, nonostante la presenza dell’avocado, è poco calorica: un etto apporta solo 35 kcal.

I tacos in versione vegetariana sono davvero buoni! I tacos sono preparate con farina di mais.

Ecco la ricetta dei tacos vegetariani:

Ingredienti per 4 persone:

  • 10/12 tacos consentiti,
  • q. b. di foglie di lattuga,
  • 2 carote,
  • 4 uova,
  • 2 cipolle,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • 4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • 20 gr. di burro chiarificato,
  • 3 cucchiai di salsa guacamole (vedi ricetta su Nonnapaperina.it),
  • un pizzico di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei tacos vegetariani iniziate pelando le cipolle e riducendole a fette sottili. Poi, passate le cipolle in una padella antiaderente insieme a due cucchiai di olio (bastano cinque minuti). Intanto sbattete le uova in una ciotola, salatele leggermente e versate anche il Parmigiano grattugiato, sale, pepe e mescolate per bene. Quando le cipolle saranno tiepide, versatele nella ciotola con le uova e mescolate per amalgamare il tutto.

Ora prendete un’altra padella antiaderente e fate sciogliere del burro, poi versate il composto ottenuto con le cipolle e le uova. A questo punto cuocete le uova così condite per pochi minuti, fino a quando non si saranno compattate. Poi, lavate con cura le foglie di insalata passandole sotto l’acqua corrente.

Lavate e sbucciate le carote, poi fatele a julienne. Ora prendete una padella antiaderente e riscaldate i tacos, dovrebbero bastare pochi minuti per lato. Infine, componete i tacos adagiando l’insalata, l’omelette che avete preparato, la carota e la cipolla affettata. Guarnite con la salsa guacamole e servite.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

sciatt

Gli sciatt, delle splendide polpettine al formaggio

Gli sciatt, una ricetta antica Gli sciatt sono delle frittelle tonde con un cuore di formaggio filante, un piatto tipico della Valtellina. Benché siano simili ai soliti pezzi di rosticceria, in...

Gyros

Gyros, il meglio dello street food greco

Gyros, la cucina greca al suo meglio Oggi vi presento il gyros, un tipico piatto greco e albanese. In Albania è conosciuto come sufllaqe. Questa ricetta è una variante fedelissima all’originale,...

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

04-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti