Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista
Commenti: 0 - Stampa

Tacos con arista, un fast food versione fusion

I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A incarnare l’elemento messicano sono proprio i tacos, ovvero fette di pane sottile preparate con farina di mais e – in minima parte – frumento. Sono un po’ il simbolo della cucina locale, benché diffusi in tutto il mondo. Per inciso, parliamo dei tacos tradizionali, non di quelli croccanti che si trovano sotto forma di snack. L’elemento europeo è incarnato, invece, dal ripieno, che vede come protagonista l’arista. Il ripieno, infatti, non può essere definito messicano in quanto quest’ultimo si caratterizza per la presenza di carne di manzo o pesce, salsa chili, limone verde e spezie. Il ripieno, in questo caso, è più regolare e meno pesante, ma non meno gustoso. La ricetta, va detto, è molto semplice da realizzare, anche perché non impone procedimenti particolari.

Gli asparagi, per esempio, vanno semplicemente cotti al vapore, mentre l’arista va cotta come se fosse un arrosto. Senza contare il formaggio, in questo caso rappresentato dal cheddar di Bayernland. Stiamo parlando di un formaggio squisito, che valorizza appieno la ricetta tradizionale anglosassone. Il cheddar, e in particolare quello di Bayernland, è perfetto per preparazioni di questo tipo, in quanto valorizza e insaporisce, senza risultare preponderante su ingredienti vegetali o di carne. Tra l’altro, il cheddar Bayernland, come tutti i prodotti di questo brand, è realizzato con le migliori materie prime e secondo metodiche il più possibili naturali.

La bontà e la morbidezza dell’arista

Il ripieno dei nostri tacos ha come protagonista l’arista. Si tratta di una preparazione che coinvolge numerosi tagli del maiale: il filetto (che è la parte più scura e tenera), l’intercostale (taglio molto morbido e caratterizzato da una imponente marezzatura) e il controfiletto (dal sapore molto pungente). Preparare l’arista è relativamente semplice, specie se si acquista la carne già pronta per l’arrosto. La cottura avviene in due fasi: si procede dapprima con un’abbondante rosolatura nel burro, nell’olio e nel rosmarino. Successivamente, si sfuma con del vino e si aggiusta di sale e di pepe; infine si completa la cottura al forno.

Tacos con arista

La temperatura giusta corrisponde ai 170-180 gradi, mentre il tempo varia in base alla consistenza e alle caratteristiche della carne. In genere bastano una decina di minuti. In ogni caso, l’arista è pronta quando, una volta punta, rilascia un liquido trasparente. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, possono essere prese a mo’ di riferimento quelle della carne di maiale in generale. Si tratta di una carne proteica, abbastanza grassa, ma ricca di vitamine e sali minerali. In particolare, la carne di maiale contiene buone dosi di vitamine del gruppo B (niacina in testa) e di ferro.

Le proprietà nutrizionali dei pomodorini datterini gialli

Uno dei punti di forza dei tacos con arista è la presenza di alimenti che valorizzano il ripieno. Il riferimento è agli asparagi e ai datterini gialli. Gli asparagi vanno cotti al vapore, in modo da conservare la loro morbidezza e tutte le proprietà nutrizionali che li caratterizzano: vitamina C, calcio, magnesio e potassio sono alcuni degli elementi che gli asparagi apportano. Inoltre, hanno un apporto calorico davvero minimo e quasi trascurabile.

Discorso parzialmente diverso per i pomodori datterini gialli, che ovviamente non richiedono alcuna cottura. Il loro colore è associato alle ottime quantità di betacarotene, un precursore della vitamina A. Inoltre, come tutti i pomodori, contengono licopene, un formidabile antiossidante che agisce in funzione antitumorale, presente soprattutto nella buccia (che non va rimossa). Per quanto concerne il gusto, i datterini gialli si differenziano da quelli rossi e dai classici pomodori da insalata. Il gusto, infatti, è tendenzialmente dolce (ma non dolciastro) ed adatto a qualsiasi tipo di preparazione, in quanto capace di valorizzare gli altri ingredienti senza coprirli e mantenere un certo equilibrio. Ovviamente è bene non esagerare con le dosi, in caso contrario il sentore dolce risulterebbe troppo preponderante.

Come li vogliamo chiamare questi tacos? Sono dei finger food o sono da considerare un cibo da strada. Comunque rispondete i tacos sono entrati a far parte della prelibatezze che spesso vengono servite come aperitivo. Sono molto versatili oltre che buonissimi e li potete preparare con i condimenti originali oppure arrangiarli con quello che avete a portata di frigo. I miei nipotini mi chiedono spesso la cena messicana attirati dai colori e dai sapori.

Ecco la ricetta dei tacos con arista:

Ingredienti:

  • 12 tacos consentiti,
  • 200 gr. di arista a fette,
  • dodici asparagi,
  • 12 pomodori datterini gialli,
  • 12 fette di formaggio cheddar Bayernland.

Preparazione:

Per la preparazione dei tacos con arista iniziate riscaldando i tacos in una padella antiaderente, dovrebbero bastare pochissimi minuti. Poi, lavate gli asparagi e sbucciateli (usate un pelapatate per fare prima), infine cuoceteli a vapore per circa 10 minuti.

Fateli intiepidire e tagliateli in due. Ora lavate i pomodorini e tagliate in due anche questi ultimi. A questo punto non vi rimane che comporre i tacos. Adagiate le fette di arista sui tacos, poi gli asparagi e, a seguire, i pomodorini e il formaggio. Servite e buon appetito.

5/5 (401 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti