Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un primo unico

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca
Commenti: 2 - Stampa

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti

I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con ingredienti misti mare-terra, secondo un canovaccio diverso da quello tradizionale. D’altronde, i maccheroni sono di norma abbinati con sughi di carne. Nella fattispecie, si segnala una deliziosa combinazione di scampi e fiori di zucca. I due sapori si valorizzano a vicenda, aggiungendo delicatezza e aroma. Inoltre, questi maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono speciali per via della pasta. La lista degli ingredienti suggerisce infatti l’uso di maccheroni particolari, quelli di Campofilone. E’ una variante tipica del suddetto comune, situato nella provincia di Fermo, nelle Marche.

I maccheroni, anzi maccheroncini di Campofilone hanno conquistato da tempo la sigla IGP, a testimonianza di una eccellente qualità legata al territorio. Si caratterizzano per una lunghezza molto accentuata, che può raggiungere i 60 cm, di contro sono molto sottili. Alla luce di ciò, e del lentissimo processo di essiccazione, producono una resa eccezionale. Le capacità assorbenti sono notevoli, dunque trattengono molto bene i sughi, anche quelli più leggeri.

Le proprietà nutrizionali degli scampi

Gli scampi figurano tra i protagonisti di questi maccheroncini con fiori di zucca. Sono pesci pregiati, apprezzati per il gusto delicato, ma allo stesso tempo riconoscibile e peculiare. Sono apprezzati anche per la consistenza della loro polpa, che è tenera al punto giusto e difficilmente scuoce. Si fanno amare anche dal punto di vista nutrizionale. Certo, sono molto calorici (un etto di scampi apporta più di 200 kcal) e molto grassi (contengono 15 grammi di lipidi ogni 100 grammi). Tuttavia, i loro grassi sono buoni in quanto giovano alla salute e in particolare al sistema cardiovascolare. Il riferimento è, ovviamente, ai celebri acidi grassi omega tre.

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Ma i loro pregi non finiscono qui, gli scampi sono ricchi di proteine, che rappresentano il 17% della loro struttura. Non è una quantità da poco, se consideriamo che le carni rosse fresche superano di poco il 20%. Gli scampi si cuociono in pochi minuti, ma occorre pulirli al meglio e in modo delicato. Di base, dovreste estrarre la carne della parte inferiore, corrispondente suppergiù alla coda.

Le insospettabili proprietà dei fiori di zucca

L’altra parte del condimento dei maccheroncini con scampi è affidata ai fiori di zucca. Sono alimenti molto particolari, ricorrenti in alcune tradizioni locali e molto meno in altre. Vale la pena però integrarli di tanto in tanto nella propria dieta. Sono infatti saporiti, ma anche piuttosto leggeri. Un etto di fiori di zucca (un peso difficile da raggiungere) apporta solo 12 kcal.

Per il resto sono una vera miniera di oligoelementi, infatti contengono in abbondanza la vitamina A, le vitamine del gruppo B e la C. Inoltre sono ricchi di fosforo, magnesio e potassio. Essendo ricchi di acqua non richiedendo un’eccessiva cottura in quanto mantengono la loro idratazione. Hanno anche un effetto depurativo e detossinante. In cucina non impongono ostacoli di sorta, vanno semplicemente privati del gambo e dei pistilli, e lavati con estrema delicatezza (altrimenti rischiano di rompersi).

Ecco la ricetta dei maccheroncini con scampi e fiori di zucca:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di scampi,
  • 15 fiori di zucca,
  • 300 gr. di maccheroncini di Campofilone,
  • 0,5 lt. di bisque di scampi,
  • q. b. di stigmi di zafferano,
  • q. b. di vino bianco
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • 1 cipolla,
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei maccheroncini con scampi e fiori di zucca iniziate pulendo gli scampi. Per farlo, dovete sgusciare la coda, staccando la testa con una moderata torsione. A questo punto incidete la cartilagine del ventre su tutti e due i lati, rimuovetela e prelevate la polpa delicatamente. In alternativa potete sgusciare la coda anche asportando il primo e il secondo anello della cartilagine del ventre rivolto verso il basso. Con il pollice spingete la parte centrale della coda a mo’ di dentifricio, estraendo delicatamente la polpa dall’altro lato. A prescindere dal sistema che utilizzate, fate attenzione a non frantumare la polpa.

Una volta estratta la polpa, occupatevi degli altri ingredienti. Sbucciate i fuori di zucca rimuovendo il gambo e il pistillo interno. Lavateli con delicatezza in una ciotola piena d’acqua ed infine tagliateli a julienne. Ora pelate la cipolla e fatela a fette sottili, poi imbionditela in un tegame ben unto d’olio. Aggiungete gli scampi e il loro bisque, un po’ di sale, un po’ di pepe, il prezzemolo e sfumate con il vino bianco. Cuocete la pasta come da indicazioni sulla confezione. Un attimo prima che sia pronta, versate i fuori di zucca e un pizzico di zafferano nel tegame, mettete la pasta ben scolata e saltate il tutto a fuoco spento. I fiori di zucca, infatti, non necessitano di cottura, ma basta il semplice calore della pasta stessa. Servite il piatto caldo e buon appetito.

5/5 (471 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un primo unico

  • Gio 29 Lug 2021 | Biagio ha detto:

    Una bontà divina. Dovrebbe essere classificato come patrimonio dell’umanità un piatto cosi.

    • Gio 29 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Biagio anche mio marito ha detto la stessa cosa. Un insieme di sapori e profumi straordinario

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti