bg header

Insalata di fusilli con peperoni, un primo freddo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Insalata di fusilli con peperoni

Insalata di fusilli con peperoni e olive, un primo davvero salutare

L’insalata di fusilli con peperoni e olive si inserisce nel solco della tradizione delle paste fredde, un tipo di pietanza tipicamente estiva. Tuttavia, questo piatto, se viene ben preparato e valorizzato da ingredienti equilibrati, può dire la sua in tutti i periodi dell’anno. Ne è una dimostrazione proprio l’insalata di pasta fredda di fusilli con peperoni e olive, che propone un suggestivo caleidoscopio di sapori e di colori, in una prospettiva che premia la leggerezza e la bontà. La lista degli ingredienti non è breve, ma il procedimento è davvero semplice e alla portata di tutti.

Si tratta, infatti, di lavare e tagliare le verdure, per poi mescolarle alla pasta debitamente lessata e condita con un filo d’olio. Per ultimo si aggiungono i capperi e le olive verdi (rigorosamente denocciolate), che conferiscono al piatto un certo aroma e una spiccata sapidità. La guarnizione è garantita dalla menta, che aggiunge un tocco di freschezza. L’insalata di fusilli con peperoni e olive è un piatto corposo, ricco di nutrienti, ma niente affatto calorico. Anzi, l’unico alimento calorico, se così si può dire, è la pasta. A proposito, la ricetta si sposa anche con i fusilli senza glutine, dunque se soffrite di intolleranza o celiachia, non abbiate timore di utilizzare versioni gluten-free.

Tutti i pregi dei peperoni

Tra gli ingredienti dell’insalata di fusilli con olive spiccano i peperoni. Nello specifico, la ricetta prevede  l’impiego di peperoni rossi e gialli. Essi valorizzano la pietanza con il loro colore brillante e il sapore deciso. A proposito dei peperoni, va sfatato un mito, ossia quello secondo cui sarebbero grassi. In realtà, sono addirittura ipocalorici (un etto apporta circa 22 kcal); tale credenza è dovuta più che altro ai metodi di cottura, che li vedono spesso fritti. Anche la loro presunta scarsa digeribilità non è vera. Per aumentare la digeribilità, infatti, è sufficiente rimuovere la pellicola che li ricopre.

Insalata di fusilli con peperoni

Per il resto, i peperoni spiccano per le proprietà nutrizionali. Il riferimento è in particolar modo alla straordinaria quantità di vitamina C che apporta sostanze benefiche soprattutto per il sistema immunitario. Da questo punto di vista, i peperoni si comportano addirittura meglio delle arance. Discorso simile per il potassio, anch’esso estremamente abbondante. Non mancano, comunque, calcio, ferro e vitamine del gruppo B. Alla stregua dei peperoncini, i peperoni contengono le capsaicine, degli antiossidanti che fanno bene all’apparato cardiocircolatorio, contrastano i radicali liberi e agiscono in funzione anticancro. In occasione di questa ricetta, i peperoni vanno semplicemente mondati, asciugati, tagliati a cubetti e inseriti nella pasta.

Il delicato tocco della menta

Come ho già accennato, anche la menta gioca un ruolo importante nella ricetta dell’insalata di fusilli con peperoni e olive. Nello specifico, interviene a fine preparazione, quando viene posta a mo’ di guarnizione. La sua funzione non è solo ornamentale. Con il suo sapore caratteristico e l’aroma sostenuto, la menta valorizza la pietanza e la rende ancora più saporita, conferendole profondità organolettica. Le proprietà nutrizionali, invece, sfociano nel terapeutico e la pongono al pari delle migliori spezie.

La menta, in primo luogo, esercita una funzione digestiva. Il merito va alla quantità di fibre, che raggiunge addirittura i 30 grammi per etto (caso più unico che raro nel mondo vegetale). Inoltre, si caratterizza per le proprietà antiemetiche e per la capacità di inibire il vomito e risolvere i casi di nausea. La menta, poi, vanta proprietà analgesiche. Certo non eguaglia l’efficacia di spezie come lo zenzero, ma aiuta a sopportare sia il dolore cronico che quello acuto. L’apporto calorico, come quello delle erbe aromatiche in generale, è sostenuto, ma in genere si utilizzano dosi così contenute da non incidere minimamente sulla linea.

P.s.: gli intolleranti al nichel possono tollerare questo piatto utilizzando una pasta di mais bianco, quinoa, amaranto, fonio etc. Devono togliere il pepe e valutare la zucchina. Se è di coltivazione biologica ha un contenuto di nichel molto basso.

Ecco la ricetta dell’insalata di fusilli con peperoni e olive:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di fusilli consentiti,
  • 1 zucchina,
  • 1 peperone giallo,
  • 2 cucchiai di capperi,
  • 1 peperone rosso,
  • 3 cucchiai di olive verdi snocciolate,
  • 1 mazzetto di menta,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata di fusilli con peperoni e olive iniziate cuocendo la pasta in abbondante acqua un po’ salata. Quando è pronta, versate un po’ di acqua fredda per interrompere la cottura, poi scolatela per bene e trasferitela in un’ampia ciotola. Condite con un filo di olio extravergine di oliva e mescolate per bene. Ora mondate, lavate le verdure (peperone giallo, peperone rosso e zucchina), asciugatele e fatele a cubetti. Versate le verdure nella pasta, unite anche le olive e i capperi. Infine, condite con un po’ di olio extravergine di oliva, mescolate e guarnite con qualche fogliolina di menta fresca. Servite e buon appetito!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

4 commenti su “Insalata di fusilli con peperoni, un primo freddo

  • Sab 17 Lug 2021 | Susanna ha detto:

    E’ la ricetta idea con il caldo che fa oggi. La salvo nel mio ricettario. Grazie

    • Sab 17 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Susanna ha ragione. D’estate si ha voglia di cibi freschi e salutari.

  • Mer 21 Lug 2021 | Roby ha detto:

    Un’idea che mi ispira molto. Ma ho un ospite intollerante al nichel. Posso modificarla per portare in tavola un piatto uguale per tutti e non far sentire a disagio il mio ospite?

    Hai un’idea anche per il dolce a basso contenuto di nichel?

    Grazie

    • Mer 21 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ciao Roby non è difficile rendere questa ricetta idonea anche a un intollerante al nichel. Togli il pepe e fai attenzione ad utilizzare una pasta di riso o di quinoa o di amaranto. Sulla zucchina è un ni. Nel senso che se è di coltivazione biologica ha meno contenuto di nichel e da molti è tollerata.

      320 gr. di fusilli consentiti,
      1 zucchina,
      1 peperone giallo,
      2 cucchiai di capperi,
      1 peperone rosso,
      3 cucchiai di olive verdi snocciolate,
      1 mazzetto di menta,
      3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
      q. b. di sale e di pepe.

      Per il dolce ti consiglio la Torta di mele senza glutine, lattosio e a basso contenuto di nichel che trovi sul sito. L’ho sperimentata dapprima per me. Una volta messa in tavola nessuno si è accorto della differenza. E’ molto soffice e buona.

      Fammi sapere come è andata. Buona serata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Insalata di germogli di fagiolo mungo

Insalata di germogli di fagiolo mungo, un contorno...

Cosa sapere sui germogli di fagiolo mungo L’ insalata di germogli di fagiolo mungo ci da l’occasione di parlare di un tipo di fagioli davvero unico. I germogli di fagioli mungo sono dei legumi...

Insalata di Camembert e mele

Insalata di Camembert e mele, un piatto dolce...

Un focus sul Camembert Il vero protagonista di questa insalata è il Camembert. Questo formaggio in crosta bianca cambia le carte in tavola, valorizzando con la sua “delicata sapidità” la...

logo_print