Pollo al dragoncello con sedano rapa, un secondo agrodolce

Pollo al dragoncello con sedano rapa

Pollo al dragoncello, un delicato equilibrio di sapori

Il pollo al dragoncello con sedano rapa e mele è un secondo molto complesso, che non mancherà di stupire i vostri commensali. Si regge su una delicata alchimia di sapori, peraltro tutti ben armonizzati tra di loro. E’ un piatto abbastanza facile in quanto non richiede complicati metodi di cottura, inoltre i condimenti sono davvero semplici da preparare. I protagonisti sono due, il pollo (non petti di pollo) e il dragoncello.

Sul pollo ci sarebbe molto da dire, d’altronde è la carne più consumata al mondo, apprezzata non solo per la sua digeribilità, ma anche per un sapore adatto a tutti i palati e per le buone proprietà nutrizionali. Il pollo offre un buon apporto di proteine, che non fa rimpiangere il manzo e il suino. Inoltre, è ricco di vitamine e sali minerali, oltre ad avere un apporto calorico molto contenuto (se si esclude la pelle).

Il dragoncello, una pianta dalle mille proprietà

Il pollo al dragoncello con sedano rapa e mele vede tra gli ingredienti principali proprio il dragoncello, una pianta che pochi di voi avranno sentito nominare. Non c’è di cui stupirsi, infatti in passato era considerata una pianta officinale, mentre solo di recente ha conquistato un preciso ruolo in cucina. Un ruolo legato alle sue capacità aromatiche, che propongono sentori diversi da tutte le altre spezie. Al di là di ciò, del dragoncello vanno apprezzate le proprietà digestive, grazie all’ottimo quantitativo di fibre e ad alcune sostanze specifiche. Il dragoncello è anche utile a contrastare i dolori, se non sono provocati da infezioni. Infine, aiuta a contrastare il mal di gola.

In questa ricetta, il pollo e il dragoncello interagiscono quasi in modo inedito. Il dragoncello, infatti, va messo sotto pelle, facendo leva con un coltello e premendo con il pollice per raggiungere le cavità. In questo modo la carne riceve il massimo dell’aroma, grazie anche alla cottura prolungata in forno ad una temperatura di 180 gradi. Io adoro tutte le erbe aromatiche!

Un condimento davvero speciale

Uno dei pregi del pollo al dragoncello con sedano rapa e mele è dato dal condimento. Di base è formato da tre componenti: il sedano rapa, un’insalata e la chutney di rabarbaro. Il sedano rapa va arricchito a sua volta con dei cetrioli, invece l’insalata è il risultato dell’unione tra il songino, le mele e un’emulsione a base di olio e aceto di mele. La chutney di rabarbaro, infine, è una salsa agrodolce ideale per questo tipo di preparazioni. Si ottiene in questo modo un condimento complesso, che esalta il sapore del pollo, senza coprirlo.

Per inciso, è anche un condimento che genera un impatto visivo importante, infatti si fondono tra di loro molte tonalità cromatiche. A emergere, comunque, è il violetto della chutney, d’altronde il rabarbaro è pieno di sostanze naturali coloranti, dette antocianine e note soprattutto per la loro funzione antitumorale. Ovviamente, badate a non esagerare con le dosi, in quanto potete rischiare di coprire gli altri sapori.

Pollo al dragoncello con sedano rapa

Come preparare il sedano rapa?

Uno dei protagonisti del pollo al dragoncello è il sedano rapa, che va arrostito con un procedimento specifico. Per la precisione, va imburrato con il burro nocciola freddo e avvolto nella carta stagnola. Dopodiché, va cotto al forno e lasciato intiepidire prima di essere sbriciolato con le mani. Il sedano rapa in questo modo è pronto ad interagire al meglio con gli altri ingredienti, dapprima con i cetrioli e in un secondo momento con l’insalata e la chutney.

Visto il suo utilizzo, vale la pena soffermarsi sul sedano rapa, un ortaggio dalle tante virtù. Il sapore è simile a quello del sedano normale, ma è molto più delicato. In quanto a proprietà nutrizionali, spicca per l’abbondanza di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario e aiuta a contrastare batteri e virus. E’ ricco anche di potassio, manganese, magnesio, calcio, ferro e fosforo. Questi ultimi tre oligoelementi non sono tipici della verdura in generale, quindi la loro presenza rappresenta un punto a favore di questo prezioso ingrediente.

Ecco la ricetta del pollo al dragoncello con sedano rapa e mele:

Ingredienti per 4 persone:

  • 80 gr. di pinoli,
  • 1 pollo da 1,5 kg,
  • 25 gr. di dragoncello fresco,
  • 1 cucchiaio di olio di semi,
  • 400 gr. di asparagi affettati,
  • un bicchiere di vino bianco,
  • q. b. di pepe bianco,
  • q. b. di chutney di rabarbaro.

Per il condimento:

  • 1 cucchiaio di salsa di senape in grani,
  • 100 ml. di olio di oliva,
  • 1 cucchiaio di aceto di mele.

Per il sedano rapa arrosto:

  • 1 sedano rapa intero da 600 gr.,
  • 50 gr. di burro nocciola freddo,
  • 3 bacche di ginepro macinate,
  • 150 gr. di songino in insalata,
  • 1 mela Granny Smith

Preparazione:

Per la preparazione del pollo al dragoncello con sedano rapa e mele riscaldate il forno, portandolo a una temperatura di 150 gradi. Poi tostate i pinoli ben adagiati su una teglia per circa 15 minuti. Lo scopo è che diventino dorati, dunque scuoteteli di tanto in tanto per non bruciarli. Quando sono pronti, prelevate i pinoli dal forno e metteteli da parte. Ora alzate la temperatura a 180 gradi. Adagiate il sedano rapa su un ampio foglio di carta forno, poi condite la superficie con il burro nocciola freddo, arricchendolo con le bacche di ginepro e un po’ di sale.

Fate dei buchi sul sedano rapa usando una forchetta, poi avvolgetelo per bene con un foglio di carta forno. Cuocete in questo modo il sedano rapa al forno per circa 90 minuti. Se il sedano è più grande del previsto, potrebbe volerci più tempo. Intanto occupatevi del pollo. Inserite sotto pelle le foglie di dragoncello, mettendole anche nelle cavità. Poi condite il pollo con sale e pepe bianco, infine dategli una bella spennellata di olio e assicurate le cosce con dello spago da cucina.

Ponete il pollo in una teglia per l’arrosto (o in una pirofila) e cuocetelo per circa 80 minuti. Sfumate con del vino bianco e lasciate evaporare. Verificate la cottura pungendolo con un coltello. Se fuoriescono liquidi trasparenti, allora potete spegnere il forno. Infine, occupatevi del condimento. Lavate e affettate finemente la mela prima di immergerla in acqua acidulata con del succo di limone. Ponete le mele ben scolate e il songino in una ciotola, e intanto mescolate a parte l’aceto, l’olio, la senape. Infine, versate questa soluzione nell’insalata di songino e mele. Ora passate al sedano rapa e sbriciolatelo per bene dopo averlo fatto raffreddare. Conditelo con gli asparagi, con i pinoli e servitelo insieme al pollo e all’insalata. Completate il pollo al dragoncello con un po’ di chutney al rabarbaro e buon appetito.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Corzetti con porcini

Corzetti con porcini, un primo rustico e raffinato

Corzetti con porcini, un primo ricco ma leggero I corzetti con porcini sono un primo piatto che riconcilia con la più antica tradizione italiana, infatti sono realizzati con ingredienti semplici,...

Brodo di tè al crisantemo con animelle

Brodo di tè al crisantemo con animelle, un...

Brodo di tè al crisantemo con animelle, una preparazione insolita Il brodo al tè al crisantemo con animelle di agnello è una preparazione particolare, che va oltre la tradizione italiana e sfocia...

Pimpinella o sanguisorba

Pimpinella o sanguisorba, una pianta davvero versatile

Un focus sulla pimpinella La pimpinella è una pianta aromatica da sempre utilizzata nella cucina popolare e nella medicina naturale. Si presenta con un fusto eretto e sottile, dominato da foglie...

Pesto di aglio orsino

Pesto di aglio orsino, un’ottima variante da gustare

Usi e differenze del pesto di aglio orsino Oggi vi propongo il pesto di aglio orsino, un pesto diverso dal solito, sebbene vi siano dei punti in comune per quanto concerne il procedimento. Le...

Budino con ribes e fiori di ibisco

Budino con ribes e fiori di ibisco, un...

Budino con ribes e fiori di ibisco, il dessert per tutte le occasioni Il budino con ribes e fiori di ibisco è un’idea simpatica per un dessert che rispetta la tradizione dolciaria italiana ma,...

Erba pepe

Erba pepe o santoreggia, una pianta aromatica davvero...

Una pianta aromatica dai mille usi L’erba pepe, anche nota come santoreggia o erba dei satiri, è una pianta aromatica molto conosciuta dalle nostre parti e diffusa soprattutto nell’Appennino...

16-06-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti