Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte
Commenti: 0 - Stampa

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato

La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un sentore aromatico. In primis è realizzata con la farina integrale di riso, che è senza glutine. La torta, dunque, può essere consumata anche da chi soffre di celiachia. Questa farina, poi, si caratterizza per l’abbondanza di fibre e per una concentrazione elevata di vitamine e sali minerali. Il sapore è allo stesso tempo delicato e rustico.

L’impasto vanta anche la partecipazione dell’origano, che conferisce un aroma deciso e riconoscibile, e dello yogurt greco. In alternativa può essere impiegato lo Skyr, che tra l’altro assomiglia parecchio. Anzi, consiglio proprio quest’ultimo, dal momento che propone sentori più neutri e un retrogusto gradevolmente acidulo. Per quanto concerne l’amido, il consiglio è di utilizzare quello di mais, che funge da addensante.

Quali latticini usare per questa crostata?

La crostata tricolore con fiocchi di latte vede come protagonisti alcuni latticini. A spiccare è sicuramente lo Skyr, alimento all’apparenza “strano”, almeno per gli standard delle quiche. Non perché vanti caratteristiche bizzarre, semplicemente, non è un formaggio tipico dell’area mediterranea. E’ anzi frutto della tradizione lattiero-casearia islandese che, paradossalmente, ha molto in comune con quella greca. Non a caso, almeno in questa ricetta, lo Skyr è intercambiabile proprio con lo yogurt greco (potete scegliere liberamente tra uno dei due). Il sapore dello Skyr è leggermente acidulo, adatto sia alle preparazioni salate che a quelle dolci. Inoltre è ricco di calcio, povero grassi e abbastanza ipocalorico.

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Il latticino che caratterizza maggiormente questa crostata, però, è rappresentato dai fiocchi di latte. Anche perché sto parlando dei fiocchi di latte Fitline di Exquisa. Questo prodotto valorizza al meglio il latte e lo yogurt, combinandoli insieme per ottenere un ingrediente da farcitura davvero gustoso, dalla texture gradevole e capace di imprimere un salto di qualità a questa crostata. Tra l’altro, i fiocchi di latte Fitline di Exquisa sono privi di conservanti e poveri di grassi. I lipidi rappresentano solo il 3%, praticamente un record per preparazioni di questo tipo. Stesso discorso per l’apporto proteico, che consta di 13 grammi di proteine per ogni etto. Con i fiocchi di latte Fitline, Exquisa dimostra ancora una volta la capacità di coniugare gusto e genuinità, valorizzando al meglio la qualità delle materie prime.

Perché abbiamo usato il baking?

L’impasto della crostata tricolore con fiocchi di latte si fregia del contributo del baking. Si tratta di una tipologia di lievito non molto utilizzata dalle nostre parti, ma diffusa nel mondo anglosassone, dove rappresenta la norma. All’apparenza, il baking è simile al bicarbonato, anche perché si presenta con lo stesso colore e con la medesima consistenza, ovvero in polvere. Tuttavia è un lievito a tutti gli effetti, per giunta è anche più efficace del nostro lievito per dolci e del lievito di birra. L’aumento di volume è consistente, a prescindere dalla tipologia di farina utilizzata. Tra l’altro, bastano quantità minime per garantire un impasto degno di questo nome.

Anche grazie al baking, la base di questa crostata è in grado di sostenere senza cedimento una ricca farcitura. Questa è composta dai fiocchi di latte, dai pomodorini e dall’insalatina (o misticanza se preferite). Una farcitura ricca sia in termini di gusto che di colore, capace di allietare il palato e la vista.

In pasticceria, a livello artigianale e industriale, ma soprattutto in casa, la pasta frolla è l’impasto fondamentale per ottenere molte torte, tartellette, biscotti e, soprattutto, crostate.

Si ottiene impastando farina e zucchero con un grasso, generalmente burro, un tempo sostituito dal lardo fuso (Artusi) e oggi, almeno in parte, integrato o sostituito con burro chiarificato adatto a chi ha problemi di intolleranza al lattosio e alla caseina

Facoltativa l’aggiunta di tuorli d’uovo, che danno un impasto più fine; ugualmente a piacere l’aggiunta, alla farina di grano, di fecola di patate o di maizena, per avere una frolla più leggera e friabile.

L’impasto va maneggiato per poco tempo, solo l’indispensabile perché gli ingredienti si amalgamino: l’eccessiva manipolazione fa perdere “forza” alla pasta. Indispensabile un periodo di riposo in frigorifero, dopo aver avvolto la palla dell’impasto con la pellicola da cucina.

Se siete intolleranti al lattosio potete utilizzare i Fiocchi di latte senza lattosio e lo Skyr potete sostituirlo con dello yogurt greco delattosato. Il risultato sarà comunque stupefacente. Potete sostituire la frolla con una che avete già collaudato o con una base pronta. Sul mercato ci sono alcune marche che sono davvero ottime. E’ una crostata fresca, colorata e invitante. Sono certa che piacerà molto anche ai bambini. I miei nipotini hanno fatto il bis. L’aspetto e il colore sono importanti e possono favorire l’appetito e invitarci all’assaggio. Un piatto dall’aspetto trascurato e dai colori poco accattivanti, risulterà meno invitante per il nostro gusto. E’ proprio vero il detto “anche l’occhio vuole la sua parte” . Fatemi sapere cosa ne pensate.

Ecco la ricetta della crostata tricolore con fiocchi di latte:

Ingredienti per una crostata da 24 cm:

  • 3 uova medie,
  • 1 cucchiaio raso di sale,
  • 70 ml. di olio di semi di arachide,
  • 300 gr. di farina integrale di riso,
  • 30 gr. di amido di mais,
  • mezza bustina di baking,
  • 1 cucchiaio di origano,
  • 2 cucchiai di Skyr Exquisa,
  • 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • 50 ml. di acqua.

Per la farcitura:

  • 2 confezioni di fiocchi di latte Fitline di Exquisa,
  • 100 gr. di pomodorini misti,
  • 50 gr. di misticanza o insalata mista,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della crostata tricolore con fiocchi di latte iniziate unendo le uova allo yogurt (o allo Skyr), poi aggiungete anche il Parmigiano e il sale. Montate il composto, poi conditelo con l’origano e aggiungete l’olio di semi di arachide. A questo punto unite la farina integrale setacciata con l’amido e il baking. Fatelo un po’ per volta, alternando un po’ di farina con un po’ di acqua. Mescolate e trasformate il composto in un impasto. Versate quest’ultimo in uno stampo da 24 cm con fondo rialzato, infine cuocete al forno per 30 minuti a 180 gradi.

Mi raccomando, il forno dev’essere preriscaldato. Terminata la cottura sformate la crostata e fatela raffreddare. Ora farcite la crostata con i fiocchi di latte, ponendoli al centro, nell’incavo che si è formato con la cottura. Guarnite con l’insalatina e i pomodorini ben lavati e asciugati, così come vedete in foto. Completate con un giro d’olio e con un po’ di sale.

5/5 (436 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-06-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti