Petti di piccione al Vin Santo, un secondo raffinato

Petti di piccione al Vin Santo
Commenti: 0 - Stampa

Petti di piccione al Vin Santo, un secondo davvero unico

Molti di voi avranno storto il naso dopo aver letto “petti di piccione al Vin Santo”. D’altronde, il piccione non è il primo animale che viene in mente, quando si parla di carne. Eppure a tal proposito vanno fatte alcune precisazioni. La carne di piccione non è solo commestibile e sana, ma anche nutriente e buona. D’altronde non stiamo parlando di piccioni di città, bensì di volatili che vivono in natura, come qualsiasi altra specie. Che sapore ha la carne di piccione? Il sapore è abbastanza strano, ma comunque in grado di farsi apprezzare da tutti. Ricorda un po’ il pollo e molto di più la quaglia, sebbene si caratterizzi per punte gradevolmente aspre e pungenti.

Dal punto di vista nutrizionale, si tratta di una carne moderatamente dietetica. Un etto di carne di piccione, apporta, infatti, circa 122 kcal. I grassi sono presenti in buona quantità, ma non eccessiva (12 grammi ogni 100). Soprattutto, quella di piccione è una carne estremamente proteica: un etto contiene ben 24 grammi di proteine, quasi più del manzo e del suino. E’ anche abbastanza ricca di vitamine, e in particolare vitamina PP e B12. Buono è il contenuto di ferro e di potassio. Dal momento che la carne di piccione è estremamente morbida e succulenta, resiste in modo egregio al passaggio al forno; in effetti è proprio lì che si completa la cottura.

Cos’è il Vin Santo?

I petti di piccione al Vin Santo sono davvero un ottimo secondo. Come tutte le carni molto pungenti, quella di piccione richiede una leggera sfumatura nel vino. Nello specifico, consiglio di utilizzare il Vin Santo, il vino da sfumatura che meglio si addice ai volatili. In alcune zone d’Italia il suo consumo e il suo utilizzo è ben attestato, e anzi fa parte della tradizione. Proprio per questo, è utile fare un breve excursus di questa bevanda. Il Vin Santo è esattamente ciò che sembra suggerire il suo nome, ossia un vino speciale.

Petti di piccione al Vin Santo

Fa parte della categoria “passito” e viene realizzato con uve di qualità, spesso le migliori della vendemmia, lasciate appassire per molto tempo. Questa particolarità è responsabile del gusto del Vin Santo, che è decisamente zuccherino. Lo scopo del Vin Santo, in sede di sfumatura, è dunque quello di addolcire la carne, donandole un gradevole retrogusto agrodolce. Questa dinamica si addice particolare alla carne di volatile, ma può essere associata anche alle altre carni, sia rosse che bianche.

L’accompagnamento per i petti di piccione

I petti di piccione al Vin Santo con tortino di zucchine e patate sono un secondo particolare anche perché, come suggerisce il nome, prevedono un accompagnamento specifico, che funge anche da contorno corposo. Si tratta, per l’appunto, di un tortino realizzato con patate e cipolle, due ortaggi che si trovano spesso insieme e si abbinano bene sotto il profilo organolettico. Inoltre, spiccano per le proprietà nutrizionali. Le cipolle, infatti, sono ricche di vitamine, sali minerali, antiossidante e fibre. Le patate, invece, sono ricche di carboidrati, ma non sono da meno per quanto concerne gli altri nutrienti. Entrambi gli ortaggi sono poco calorici, sebbene le zucchine siano molto più dietetiche delle patate.

Quale tipologia di patate utilizzare? Il consiglio è di optare per quelle a pasta gialla in quanto molto più sode e compatte. Questa caratteristica è indicata per le cotture prolungate, proprio come in questo caso. Le patate, infatti, devono sopportare non solo un ampio passaggio in padella, ma anche una fase di cottura al forno. Discorso diverso per le patate bianche, che hanno una consistenza farinosa, per quanto si caratterizzino per un sapore molto gradevole e tendente al dolce.

Ecco la ricetta dei petti di piccione al Vin Santo con tortino di patate e cipolle:

Ingredienti per 6 persone:

  • 12 petti di piccione,
  • 1 rametto di salvia e rosmarino,
  • 2 dl. di Vin Santo,
  • 600 gr. di patate,
  • 300 gr. di cipolle,
  • 1 mazzetto di timo,
  • 60 gr. di burro chiarificato,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei petti di piccione al Vin Santo iniziate pelando le patate. Poi fatele a fette sottili e rosolatele in una padella (antiaderente) con poco olio, infine scolatele. Nella medesima padella cuocete le cipolle (fatte a julienne) insieme ad un po’ di olio e un po’ di timo. Quando le cipolle sono cotte completamente, aggiungete di nuovo le patate. Infine mescolate e versate il preparato in 6 stampini monoporzione.

Ora salate i petti di piccione, poi rosolateli in padella con il burro chiarificato, un po’ di rosmarino ed un po’ di la salvia. Versate il Vin Santo e fate sfumare. Poi cuocete il tutto al forno per 15 minuti a 190 gradi. I tortini di patate, invece, cuoceteli al forno per 10 minuti a 190 gradi. Infine componete il piatto, sformate il tortino di patate al centro e adagiate i petti di piccione fatti a fette, poi completate il tutto con il fondo di cottura. Servite e buon appetito.

5/5 (480 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti