Punta di vitello farcita al forno, un secondo perfetto

Punta di vitello farcita al forno
Commenti: 0 - Stampa

Punta di vitello farcita al forno e valorizzo uno splendido taglio

La punta di vitello farcita al forno è uno splendido secondo in grado di valorizzare un tipo di carne di per sé molto buona e nutriente. La carne di vitello, infatti, è meno grassa di quanto si possa pensare, certamente meno rispetto a quella di suino. E’ anche ricca di proteine, sali minerali e vitamine, in particolare quelle del gruppo B. La punta, poi, è uno dei tagli che le rende maggiormente onore, sia per la morbidezza intrinseca che la caratterizza sia per la versatilità. La ricetta della punta di vitello farcita non è complessa, anzi è alla portata di tutti. Si caratterizza, però, per la presenza di più fasi.

Ovviamente, propedeutica alla cottura è la preparazione del composto formato da pangrattato tostato nel burro, uova, noce moscata e Parmigiano grattugiato. A tal proposito consiglio di utilizzare una varietà a media stagionatura, che rappresenta un buon compromesso tra intensità del sapore e morbidezza. La cottura vera e propria prevede tre fasi. La prima è la rosolatura, che si conclude con la sfumatura nel vino. La seconda è il lungo passaggio al forno, che dura 90 minuti e va accompagnato con una regolare integrazione di brodo di carne. Infine, si trasferisce la carne in una pentola, alla scopo di ridurre il fondo di cottura. Quest’ultimo, infatti, viene utilizzato per accompagnare la carne, quasi come se fosse un delizioso sughetto.

Il ruolo della noce moscata

La punta di vitello farcita al forno si fregia anche della presenza della noce moscata. Questo tipo di spezia è ideale in queste preparazioni in quanto insaporisce senza coprire gli altri sapori, bensì valorizzandoli. Il consiglio è comunque di andarci piano con la noce moscata. In primis, perché stiamo parlando di un aroma, dunque vi è il concreto rischio di interferire dal punto di vista organolettico. In secondo luogo, perché in dosi elevate è moderatamente tossica.

Punta di vitello farcita al forno

Per il resto, la noce moscata è un toccasana per l’organismo. Contiene molti antiossidanti, che contrastano gli effetti dei radicali liberi e agiscono in funzione anticancro. La noce moscata, poi, può essere considerata un antinfiammatorio naturale, quasi a livello dello zenzero. Senza contare l’apporto di sali minerali, come il ferro, lo zinco e il selenio.

Un contorno evergreen

La punta di vitello farcita al forno viene servita tradizionalmente con un contorno di patate. Per l’occasione vi consiglio di utilizzare una varietà specifica, ovvero le patate a pasta gialla. Queste, oltre ad avere un sapore mediamente più corposo rispetto alle altre qualità, si caratterizzano per una maggior consistenza e una più efficace resistenza alle alte temperature (elemento essenziale in caso di cottura al forno).

Per quanto concerne la cottura vera e propria, il consiglio è di rimuovere l’amido per evitare che si attacchino alla teglia. Un buon metodo è quello di sbollentarle brevemente, o di cuocerle direttamente con la buccia. In alternativa, è possibile abbondare con i grassi aggiunti, ma non è una soluzione consigliata. Per quanto concerne i condimenti, oltre al sale, è possibile aggiungere origano, salvia o semplice olio extravergine di oliva.

Ecco la ricetta della punta di vitello farcita al forno:

Ingredienti per 6 persone:

  • 1 kg. di punta di vitello,
  • 100 gr. di burro,
  • 100 gr. di pane grattugiato consentito,
  • 200 gr. di Parmigiano grattugiato,
  • 1 limone,
  • 3 uova,
  • q. b. di noce moscata,
  • q. b. di brodo di carne,
  • 200 gr. di cipolle,
  • 1 mazzetto di salvia e rosmarino,
  • q. b. di patate al forno,
  • 2 dl. di vino bianco,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della punta di vitello farcita al forno iniziate trasferendo il burro in una pentola, poi fatelo sciogliere e tostateci il pane grattugiato. Spostate il tutto in una ciotola e attendete che si raffreddi. A questo punto aggiungete la scorza di mezzo limone grattugiata, il Parmigiano e le uova. Arricchite con un po’ di sale, un po’ di pepe, la noce moscata e integrate con un po’ di brodo se il composto risulta troppo asciutto. Ora ritagliate la carne in modo da formare una tasca e riempitela con il composto che avete preparato. Regolate di sale e di pepe, poi legate la carne con lo spago per alimenti.

Intanto fate la cipolla a julienne e imbionditela leggermente in una teglia, poi aggiungete la carne e le erbe aromatiche (salvia e rosmarino). Rosolate il tutto, sfumate con il vino a fiamma alta e cuocete al forno per 90 minuti a 180 gradi. Di tanto in tanto irrorate la carne con il brodo. Quando la cottura è terminata, prelevate la carne, copritela con il brodo e cuocete a fuoco lento fino a diminuire il liquido di cottura di circa il 70-80%. Ora affettate la carne e impiattatela, accompagnando con il fondo di cottura filtrato e con le patate al forno. Servite e buon appetito.

5/5 (458 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti