Parmigiana in vaso cottura, una deliziosa alternativa

Parmigiana in vaso cottura
Commenti: 0 - Stampa

Parmigiana in vaso cottura con mozzarella, una variante sfiziosa

La parmigiana in vaso cottura con mozzarella, melanzane e zucchine è un’idea suggestiva per rivisitare un classico italiano, ovvero la parmigiana di zucchine o di melanzane. Tra l’altro, questa ricetta prevede la presenza di entrambi gli ortaggi, in modo da produrre una resa organolettica importante, che possa essere apprezzata da tutti i palati. Il metodo è quello della vasocottura con cottura al vapore, un metodo che spicca per la sua salubrità. In primis perché permette agli alimenti di conservare tutte le loro proprietà nutrizionali, secondariamente perché riduce al minimo l’apporto di grassi aggiunti.

Per l’occasione, vi consiglio di utilizzare un forno per la cottura al vapore. Questo genere di dispositivi cuoce gli alimenti in un tempo di gran lunga inferiore rispetto al classico cestello ed è comunque molto semplice da utilizzare. Per la precisione, vi consiglio l’Hisense BS5545AG. E’ un forno di ultima generazione, multifunzione, dall’interfaccia semplice e molto performante. Inoltre è anche spazioso, dal momento che la sua capacità supera i 70 litri. E’ il forno perfetto per qualsiasi genere di preparazione, infatti vanta ben sedici programmi diversi.

Tutta la bontà delle melanzane

I protagonisti di questa parmigiana in vaso cottura sono le melanzane e le zucchine. Le melanzane spiccano per la loro versatilità, per il sapore irresistibile e per le proprietà nutrizionali. In primis sono ricche di sali minerali, il riferimento è al potassio, al fosforo e al magnesio. Buono è l’apporto di vitamine, e in particolare della vitamina A (preziosa per gli occhi e non solo) e delle vitamine del gruppo B, oltre alla vitamina K e alla J. Un altro pregio delle melanzane è l’abbondanza di acqua. In virtù di ciò, possono essere considerate un buon diuretico. Discorso simile per le fibre, che rendono questi ortaggi un toccasana per l’apparato digerente.

Parmigiana in vaso cotturaCome molti alimenti viola contengono, inoltre, le antocianine. Queste sostanze, oltre a essere responsabili del colore, fungono anche antiossidanti, dunque esercitano una funzione di supporto per i meccanismi di riproduzione cellulare, contrastando gli effetti dei radicali liberi e aiutando a prevenire il cancro. Le melanzane, poi, vantano un apporto calorico davvero basso (pari a 18 kcal) e una quasi totale assenza di grassi (che rappresentano lo 0,4%). In occasione di questa ricetta, le melanzane vanno lavate e tagliate a fette, poi grigliate e adagiate a mo’ di strato intermedio nel vasetto per la cottura al vapore. Per inciso, gli altri strati sono formati dalla polpa di pomodoro, dalle zucchine e dalla mozzarella.

La zucchina, un ortaggio perfetto

L’altra protagonista di questa parmigiana in vaso cottura è la zucchina. Proprio come le melanzane è ipocalorica, infatti un etto di zucchine apporta solo 11 kcal, praticamente un record nel mondo vegetale. Inoltre sono ricche di fibre, dunque esercitano una funzione di supporto per l’apparato digerente, e di acqua, proprio per questo possono essere considerate diuretiche. Per il resto, le zucchine vantano buone concentrazioni di vitamine e sali minerali, come la vitamina C e la vitamina E; quest’ultima funge da antiossidante, dunque impatta sull’organismo in modo simile a quanto fanno le antocianine. Tra i sali minerali si segnalano il potassio, il calcio, il fosforo e in misura minore il ferro.

I carboidrati sono quasi del tutto assenti così come le proteine. Inoltre, essendo molto digeribili, sono l’ideale per svezzare i neonati o per il consumo da parte di coloro che soffrono di digestione lenta. L’ortaggio, infine, esercita una funzione di protezione rispetto all’intestino e alle vie urinarie. Contengono abbastanza sodio, dunque occorre prestare la massima attenzione all’operazione di salatura, che deve essere molto blanda vista anche la presenza del Parmigiano Reggiano, che è molto salato. A tal proposito, vi consiglio di utilizzare quello stagionato 24 mesi, un buon compromesso tra la necessità di integrare un sapore non troppo forte e realizzare una leggera e gustosa gratinatura.

Ecco la ricetta della parmigiana in vaso cottura con mozzarella, melanzane e zucchine:

Ingredienti:

  • 400 gr. di melanzane,
  • 300 gr. di zucchine,
  • 200 gr. di mozzarella consentita,
  • 200 gr. di polpa di pomodoro fresco,
  • 80 gr. di Parmigiano Reggiano 24 mesi,
  • qualche fogliolina di basilico,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per la preparazione della parmigiana in vaso cottura iniziate pulendo le melanzane e le zucchine, poi lavatele e tagliatele per bene. Infine grigliatele leggermente e adagiatele su un piatto, salandole quanto basta. Arricchite la polpa di pomodoro con un po’ di sale, il basilico ben sminuzzato e un po’ di olio extravergine d’oliva.

Adagiate uno strato di polpa di pomodoro sul fondo del vasetto, poi mettete sopra uno strato di melanzane, uno di zucchine e infine uno di mozzarella. Date una sventagliata di Parmigiano grattugiato e ripetete l’operazione fino a raggiungere il bordo del vaso. L’ultimo strato, comunque, deve terminare con il Parmigiano grattugiato. Chiudete il vaso con i ganci e cuocete al forno con la funzione a vapore per mezz’ora a 90 gradi.

5/5 (569 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la raffinatezza...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

10-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti