Gin sour, e il tuo cocktail è pronto in poco tempo

Gin sour
Commenti: 0 - Stampa

3, 2, 1 … Con il Gin sour è già ora di far festa!

Volete organizzare un aperitivo conviviale e glam? Il Gin sour è il cocktail che fa sicuramente per voi! La ricetta che vi propongo oggi saprà sorprendervi per la sua semplicità e velocità di preparazione. Non solo, il sapore rinfrescante e unico di questo drink potrà rigenerarvi dopo una lunga giornata di lavoro o d’impegni fuori di casa. Una curiosità: il Gin sour appartiene alla famiglia dei sour, categoria di cocktail formati da una base di distillato, succo di limone (o di lime) e un dolcificante (un liquore come il triple sec o anche succhi). I sour sono caratterizzati dal gusto acidulo del limone che si fonde con un distillato come il whisky, il brandy, il gin, o altri alcolici.

Cosa puo’ bere un celiaco senza problemi?

I distillati che derivano dal processo di distillazione del liquido zuccherino fermentato di un ingrediente specifico non contengono glutine. Sono distillati grappa, cognac, brandy, acquavite, rum, cognac, calvados, il gin e il whiskey e altri.

Anche il whiskey e la vodka, anche altri distillati che derivano da cereali che contengono glutine, come orzo e segale, e sono consentiti ai celiaci e a chi deve eliminare il glutine, perché nel processo produttivo di distillazione il glutine si degrada nell’alcool.

I problemi possono sorgere se, oltre all’ingrediente principale, i distillati vengono aromatizzati, o trasformati, ad esempio in creme , come la crema di whiskey o le grappe e vodke aromatizzate ai vari frutti. In questo caso è assolutamente necessario leggere gli ingredienti e verificare che non ci sia glutine.

I liquori, diversamente dai distillati, sono bevande spiritose a base di zucchero, alcol e sostanze aromatiche che sono trattate attraverso macerazione, infusione o percolazione. Possono essere ricavati di una serie infinita di ingredienti: erbe, semi, piante, foglie, fiori, frutta, succhi di frutta, caffè, cioccolato ed anche uova e panna

Fanno parte di questa categoria ad esempio il mirto, l’amaretto, il nocino.

In generale, i liquori si prestano ad essere aromatizzati, colorati, miscelati e in questo caso aumenta il rischio della presenza di glutine negli ingredienti, per cui è obbligatorio leggere le etichette e conoscere il prodotto. I liquori sono anche molto usati come ingrediente nei cocktail.

Il vino invece è naturalmente senza glutine, mentre per la birra esistono ottime birre industriali e artigianali senza glutine.

L’ora degli aperitivi è anche il regno della mixology, ovvero della ricerca del cocktail perfetto.

È una tendenza relativamente recente, che cerca di far diventare il cocktail una bevanda d’autore, ricca di esperienze sensoriali.

Se andate in un locale che propone happy hour troverete tantissime proposte innovative, oltre i classici cocktail. Ma qui si insidia il pericolo.

È sempre più comune trovare pub o cocktail bar che addizionano le loro creazioni anche il con aromi, purè di frutta già preparati, sciroppi e altri ingredienti che potrebbero contenere glutine.

Il bartender dovrebbe conoscere alla perfezione nella formulazione tutti gli ingredienti che usa e quindi dovrebbe sapere se sono gluten free, ma non sempre le queste competenze sono così capilarmente diffuse.

Nel dubbio, a meno che non sappiate che il vostro bartender sia un vero esperto anche di intolleranze alimentari, buttatevi su qualcosa di semplice e sicuro, come un buon prosecco o una birra senza glutine.

Gin, ossia l’alcol che, se bevuto con moderazione, può farci bene…

Potrei stupirvi con quest’affermazione ma, se ci pensate, non è nulla d’inaudito. Infatti, c’è chi ha perfino stilato una lista con i 5 benefici del gin. Come dimostrano recenti studi pare che gli ingredienti di questo distillato aiuterebbero a contrastare l’invecchiamento cellulare, a combattere alcuni piccoli malanni e a rinforzare le ossa.

Gin sour

Berlo con moderazione, rappresenterebbe quindi un beneficio per il nostro organismo. Buono a sapersi! Ma vediamo, molto, brevemente i 5 plus di questo “superalcolico salutare”:

  • Il gin contiene diverse proprietà naturalmente ringiovanenti (ginepro, camomilla, tè verde, ortica);
  • Il gin è tra le bevande alcoliche che contengono meno calorie; è quindi consigliato a chi segue una dieta, però ogni tanto vuole concedersi una piccola trasgressione;
  • Le erbe, le radici, le piante utilizzate per il gin, sono utili anche per combattere la ritenzione idrica;
  • Le bacche di ginepro vantano anche proprietà antinfiammatorie e, in abbinamento all’uva, riescono a ridurre i dolori ossei;
  • E, infine, fa bene all’umore (presenza di flavonoidi)!

Come preparare il Gin sour in 4 semplici mosse.

L’aperitivo fatto in casa è un vero e proprio must da curare nei minimi dettagli. Dosando sapientemente i vari ingredienti – gin, succo di limone, succo di arancia e zucchero – in poche mosse potrete muovervi fra i vostri ospiti come dei provetti bartender. L’arte della mixologia, seguendo le mie ricette di preparazione dei cocktail, non avrà più segreti. Testare per credere!

Ed ecco la ricetta del Gin sour

 Ingredienti:

  • 6/9 di gin
  • 2/9 di succo di limone
  • 1/9 di succo d’arancia
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 fettina di limone
  • 1 ciliegia al maraschino
  • q.b. ghiaccio

Preparazione

Riempite con cubetti di ghiaccio lo shaker.

Aggiungete tutti gli ingredienti nelle dosi indicate.

Agitate e filtrate in un bicchiere riempito con cubetti di ghiaccio.

Decorate con il limone e una ciliegia al maraschino.

Buon drink!

5/5 (521 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti