Salsa al vino con ginepro e alloro : divina!

salsa al vino con ginepro
Commenti: 0 - Stampa

Oggi voglio illustrarvi come preparare facilmente e in pochissimi minuti, una deliziosa salsa al vino con ginepro e alloro da utilizzare come crema di condimento per secondi piatti a base di carni saporiti. Ad esempio il filetto di manzo, ma anche ottimo per il pesce come le scaloppine di branzino, o le orate.

La salsa al vino con ginepro e alloro è un preparato di vino cotto, ristretto fino ad ottenere una consistenza cremosa, ideale per insaporire portate di carne in cene dove il sapore è un aspetto particolarmente importante.

Insaporito con del miele di acacia e poche bacche di ginepro, insieme a un pizzico di sale e pepe, questa salsa dal sapore deciso e corposo, deve il suo particolare sapore al vino, la bevanda alcolica più nota nel nostro paese e che ci vede tra i leader produttori in campo internazionale.

Il vino, una bevanda dalle origini sconosciute.

Una bevanda la cui invenzione risale alla notte dei tempi e che nessuno sa collocare temporalmente con precisione. Si ritiene che il vino sia conosciuto sin dall’era neolitica e che la sua scoperta possa essere stata fatta casualmente per la fermentazione naturale che l’uva effettua, se lasciata “dimenticata” in dei contenitori.

Certamente la sua produzione su larga scala come la conosciamo oggi ha preso piede dal 4000 a.c. circa, datazione dovuta ai ritrovamenti più antichi della prima casa vinicola trovata nel complesso delle caverne del comune di Areni, in Armenia.

Composto per l’86,5 % da acqua, il vino è una bevanda ricca di carboidrati, zuccheri, e sali minerali tra cui il calcio, il sodio, il fosforo, il potassio, lo zinco, il fluoro e il magnesio.

Proprietà benefiche del vino.

Il vino, se assunto in quantità moderate, ha molte proprietà benefiche per il nostro corpo che possono giovare alla salute. Ricco di antiossidanti, presenti in maggior quantità in quello rosso che in quello bianco, è un prezioso aiuto nella lotta contro i radicali liberi, causa dell’invecchiamento. Inoltre secondo i più recenti studi a riguardo, il vino ha importanti proprietà benefiche per il sistema circolatorio, capace di prevenire da infarti e ictus, ma non solo, è stato appurato che l’assunzione regolare di vino nella nostra dieta può aiutare la salute di piastrine e globuli rossi del sangue, migliorando la capacità di coagulazione e cicatrizzazione.

Certamente parlare di vino è un argomento che appassiona e non stanca mai, la cultura nata attorno a questa bevanda dalle origini sconosciute ha avuto un fortissimo impatto in tutte le civiltà moderne, tanto che oramai una bottiglia di vino a tavola non può mai mancare.

Per chi ha problemi di intolleranza il nichel il vino va bevuto con moderazione e deve essere assolutamente biologico e il più naturale possibile.

Ma torniamo alla nostra ricetta della salsa di vino con ginepro e alloro, allora quale vino scegliere? Semplice quello che più preferite! Ogni tipo di vino può andare bene per questo preparato.

Pertanto vediamo come realizzare nel dettaglio questa ricetta andando ad elencare gli ingredienti necessari e la procedura per la sua realizzazione.

Ed ecco la ricetta della Salsa al vino con ginepro e alloro

Ingredienti per 4 persone

  • 2 bicchieri vino rosso
  • 6/7 bacche di ginepro
  • 1 foglia alloro
  • 1 cucchiaino miele d’acacia
  • q.b. sale

Preparazione

Versate il vino in un pentolino, aggiungete l’alloro le bacche di ginepro, il miele e  salate

Fate sobbollire a fuoco medio per 20 minuti circa fino che assume una consistenza cremosa e vellutata.

La ricetta trovata l’ho trovata su un libro di cucina dal titolo Omega Me

4.3/5 (3 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

pesto di zucchine

Pesto di zucchine, una variante gustosa e delicata

Pesto di zucchine, una salsina multiuso Il pesto di zucchine non ha nulla da invidiare al classico pesto alla genovese. Anche perché condivide molto con quest’ultimo, persino il basilico....

burro alle ortiche

Burro alle ortiche, un condimento speciale

Burro alle ortiche, un’idea originale Il burro alle ortiche è una preparazione spalmabile dal gusto particolare in quanto si regge su una combinazione originale: quella tra il burro e l’ortica....

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti