Pere cotte nel succo di fragole e granita al Gin Tonic

Pere cotte nel succo di fragole
Commenti: 2 - Stampa

Un dessert molto particolare semplice, fresco e gustoso

Pere cotte nel succo di fragole e granita al Gin Tonic. Se nelle calde serate estive volete organizzare una cena tra amici e non sapete che dessert servire, ho la proposta che fa per voi: pere cotte nel succo di fragole e granita al Gin Tonic.

È una ricetta facile da realizzare, un dolce al cucchiaio fresco, gustoso, divertente, leggermente alcolico, e specialmente facile da realizzare! Tutti ne andranno pazzi!

Questa proposta di pere cotte nel succo di fragole e granita al Gin Tonic unisce la dolcezza della frutta al sapore intenso e freschissimo della granita. Un mix davvero intrigante! Da provare subito!

Una pera al giorno toglie il medico di torno

In qualsiasi modo le mangiate, le pere sono sempre buone. Sia che le prepariate come farcia di una bella torta, sia semplicemente a spicchi, ma anche cotte.

Ne esistono diverse tipologie, anche se io per questa ricetta ho scelto le pere Williams, perché sono succose e hanno un sapore dolce, con una punta di aspro. Credo siano l’ideale per una preparazione come questa, di pere cotte nel succo di fragole.

Sono un frutto toccasana, essendo ricche di sali minerali, specialmente il boro, utile per migliorare la prontezza di riflessi e la memoria, ed il calcio, che riduce il rischio di osteoporosi ed ostacola il processo di deterioramento del tessuto osseo.

Sapevate che la loro buccia è ricca di fibre? Lavatele con cure e mangiatele tutte intere, perché con un sola pera avrete coperto un quarto del vostro fabbisogno giornaliero.

Come se non bastasse, aiutano a ridurre il colesterolo, grazie alla presenza della pectina. Questa, essendo solubile forma uno strato viscoso che si lega al colesterolo, favorendone l’evacuazione.
pere vasocottura or

Granita al Gin Tonic per le Pere cotte nel succo di fragole

Il Gin Tonic è uno dei cocktail più conosciuti, amati e consumati, oltretutto possiamo vantarci di conoscerne l’origine.

È molto raro che si conosca la storia di un alcolico, ma quella del Gin Tonic è così particolare che vale la pena tramandarla.

Dovete sapere che tutto è nato grazie alla campagna di conquista dell’India e da parte di due scienziati: un medico ed un chimico. Sembra l’inizio di una barzelletta, ma non lo è.

Il primo fatto si svolge in Olanda.  Quando, nella seconda metà del ‘600, il dott. Sylvius, era alla ricerca di un metodo per somministrare ai suoi pazienti le bacche di ginepro, considerate un vero toccasana per l’organismo. Dopo diversi tentativi, inventò un distillato chiaro, al quale diede il nome di “jenever”, da cui poi “jen”, ed infine “gin”.

C’è da dire che i valori nutrizionali furono presto dimenticati, in favore del suo contenuto alcolico e del sapore caratteristico.

Passiamo ora alla Germania, siamo sul finire del ‘700, quando il chimico J.J. Schweppe iniziò a produrre soda o acqua tonica, una bevanda contente il chinino, una sostanza che anticamente era molto usata per combattere la malaria.

È proprio a causa della malaria che si arrivò all’invenzione dell’odierno Gin Tonic. Gli Inglesi nell’800 erano impegnati a conquistare l’India, ma erano continuamente decimati dalla malaria. Cercavano di curarsi con quello che avevano portato dalla madre patria, cioè l’acqua tonica del dott. Schweppe.

Ma il problema era che, a causa del suo sapore molto amaro, la bevevano a fatica, nonostante servisse per arrestare i sintomi di questa malattia. La soluzione era quindi mischiarla con qualcos’altro: il gin.

Whisky, vodka e gin: i recenti risultati degli studi promossi dall’EFSA (l’Autorità Europea per la Sicurezza degli Alimenti) e finalizzati alla ricerca dell’eventuale presenza di tracce di glutine nei distillati da cereali contenenti glutine ne hanno confermato l’assenza in queste bevande. Il processo produttivo tramite distillazione, infatti, è tale per cui il prodotto finito non può contenere glutine né esserne contaminato.

Ecco la ricetta delle Pere cotte nel succo di fragole

Ingredienti per 6 persone

per le pere cotte nel succo di fragole

  • 600 gr. di pere Williams
  • 400 gr. di fragole
  • 30 gr. di zucchero di canna
  • 1 baccello di vaniglia
  • 1 mazzetto di menta

per la granita al Gin Tonic

  • 2 lime
  • 60 gr. di zucchero di canna
  • 2 dl. di Gin
  • 4 dl. di acqua tonica Chiurazzi
  • 1 mazzetto di menta

Preparazione

Iniziate con la preparazione delle pere cotte nel succo di fragole. Frullate 300 gr. di fragole con lo zucchero. Passate il tutto al colino, in modo che non rimangano impurità o semini.

Sbucciate le pere, privatele del torsolo e tagliatele a spicchi. Inseritele nei vasi di vetro per la vasocottura assieme alla purea di fragole e la vaniglia.

Chiudete con gli appositi ganci ed infornate in forno a vapore a 80°C per circa 30 minuti.

Mentre aspettate procedete con la preparazione della granita al Gin Tonic.

Tagliate il lime a spicchi e pestateli nel mortaio con la menta e lo zucchero. Aggiungete quindi il gin, l’acqua tonica e filtrate con un colino.

Travasate il tutto in una teglia e riponetela nel congelatore. Ricordatevi, periodicamente, di smuovere con una forchetta o un cucchiaio la granita, così facendo romperete i cristalli di ghiaccio, evitando che si crei un ghiacciolo. Questo darà alla vostra granita una consistenza più cremosa.

Per servire, disponete le pere cotte, qualche fragola fresca rimasta e qualche fogliolina di menta. E, per completare, la granita al Gin Tonic

5/5 (406 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Pere cotte nel succo di fragole e granita al Gin Tonic

  • Mar 23 Ott 2018 | Francy ha detto:

    Non ho il forno a vapore ! Come posso fare ?

    • Sab 27 Ott 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno provi a leggere i vari articoli dedicati al tema

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salsiccia e caponata

Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

Salsiccia e caponata in vasocottura: un piatto che non fa ingrassare Salsiccia e caponata: due termini che, accostati, fanno certamente pensare a un piatto molto grasso, dall’apporto calorico...

Tortino di patate e finferli

Tortino di patate e finferli in vasocottura, gustoso!

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura non sta nella scelta degli ingredienti, che appare comunque molto azzeccata, ma...

Crema alla rosa

Crema alla rosa in vasocottura con crumble al...

Un dessert al cucchiaio semplicemente sublime La crema cotta in vasocottura alla rosa con crumble al pistacchio è un dessert meravigliosamente aromatico ma delicato. Questa delizia chic è adatta...

Anatra in vasocottura con misticanza

Anatra in vasocottura con misticanza, alta cucina

Per una cena di alta classe ci vuole tempo Oggi non ci accontentiamo e per questa insalata di misticanza e agrumi con petto d’anatra in vasocottura desideriamo prenderci tutto il tempo necessario....

Pollo in olio cottura con cavolini

Pollo in oliocottura con cavolini, delicato

Il pollo in oliocottura, una modalità da riscoprire Per la ricetta del pollo in oliocottura con cavolini di Bruxelles e salsa di lamponi abbiamo rispolverato una tecnica di cottura antica. La...

Carciofi alla vaniglia in vasocottura

Carciofi alla vaniglia in vasocottura, una prelibatezza

Carciofi in vasocottura, una bontà senza tempo La preparazione dei carciofi alla vaniglia in vasocottura è molto più semplice di quanto si possa pensare. Questa tecnica di cottura dalle origini...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-09-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti