bg header
logo_print

Ciambellone della nonna, un dolce classico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Ciambellone della nonna
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 35 min
dosi
Ingredienti per: 8 persone
Stampa
4/5 (8 Recensioni)

Il ciambellone classico della nonna, un dolce che regala soddisfazioni

Il ciambellone della nonna è un classico della pasticceria popolare italiana insieme alla torta di mele. E’ spesso il primo dolce che capita di preparare nella propria vita, in quanto presenta un “entry level” molto basso. Vista la sua semplicità, è un buon dolce con cui iniziare.

Tra l’altro, si presta a numerose varianti. Basta aggiungere nell’impasto un ingrediente in più per creare ciambelloni alternativi, ma altrettanto gustosi. Alcune delle derivazioni più famose sono il ciambellone allo yogurt, al succo di arancia, alla mela etc.

Di base il ciambellone non contiene glassa, in quanto la superficie si mantiene comunque umida, ma nessuno vi vieta di arricchirlo con qualche delizioso “frost”.

Realizzare l’impasto è molto facile e veloce, come semplice è anche la cottura. In genere, bastano 35 minuti a 170 gradi per cuocere il dolce, purché il forno sia in modalità statica e ben riscaldato.

Tuttavia, a seconda della qualità degli ingredienti e di altri fattori (ad esempio la velocità con cui è stato creato l’impasto) la cottura potrebbe richiedere più o meno tempo.

Il consiglio è di procedere sempre e comunque con la prova dello stecchino. Quando pensate che il dolce sia pronto, infilate uno stecchino nell’impasto. Se lo stecchino risulta umido, allora la cottura non è ultimata, e il dolce va lasciato in forno per qualche altro minuto.

Ricetta ciambellone della nonna

Preparazione ciambellone della nonna

  • Per la preparazione del ciambellone della nonna iniziate versando in una ciotola le uova e lo zucchero semolato.
  • Mescolate con cura usando delle fruste elettriche in modo da ricavare un composto chiaro e dalla consistenza spumosa.
  • Poi unite il latte, l’olio di riso, la scorza di limone grattugiata, la fecola di patate, la farina e il lievito.
  • Mescolate nuovamente fino ad ottenere un composto uniforme e privo di grumi.
  • Ora ungete una teglia per ciambella da 20 cm e infarinatela per bene.
  • Riempite la teglia con il composto e cuocete al forno preriscaldato per 35 minuti in modalità statica a 170 gradi.
  • Per verificare la cottura, fate la prova dello stecchino. Infilate uno stecchino in profondità, se è umido allora la cottura richiede ancora qualche minuto.
  • Quando il ciambellone è pronto, tiratelo fuori dal forno e fatelo intiepidire, poi toglietelo dallo stampo e servite. Se vi piace di più cospargete con dello zucchero a velo.

Ingredienti ciambellone della nonna

  • 3 uova
  • 140 gr. di zucchero semolato
  • 70 gr. di olio di riso
  • 110 gr. di latte intero consentito
  • 200 gr. di farina di riso
  • 70 gr. di fecola di patate
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • scorza di un limone
  • una noce di burro chiarificato a temperatura ambiente
  • un pizzico di sale
  • q. b. di zucchero a velo (facoltativo)

Un impasto diverso dal solito

Il ciambellone della nonna che vi presento oggi presenta alcune differenze con quella standard. Infatti, ho optato per una modifica alla lista degli ingredienti, in una prospettiva anti-intolleranze. In definitiva, si tratta di un ciambellone completamente gluten-free, dunque compatibile con le esigenze dei celiaci e degli intolleranti al glutine.

Ovviamente, ciò ha comportato la sostituzione della classica farina 00 con una farina alternativa. La mia scelta è ricaduta sulla farina di riso. Essa vanta molti pregi, che vanno ben oltre la semplice assenza del glutine.

Infatti, è decisamente più leggera delle varianti cerealicole, è ricca di vitamine, di sali minerali e molto più povera di grassi. Purtroppo, contiene meno proteine e le sue capacità di panificazione sono inferiori.

Ciambellone della nonna

Tuttavia, se lo scopo è creare una ciambella, o qualsiasi altro dolce da forno, tali capacità sono più che soddisfacenti. La lista degli ingredienti si fregia di altre variazioni sul tema. Per esempio, ho optato per l’olio di riso al posto del classico olio.

Una scelta, questa, che procede dalla volontà di alleggerire il dolce, almeno rispetto alla versione classica. Per quanto concerne lo zucchero, dovreste impiegare il semolato, in quanto è quello che meglio si amalgama agli altri ingredienti, almeno in confronto allo zucchero fine.

Per quel che concerne la tipologia, potete optare indifferente per lo zucchero bianco o bruno. Nella fattispecie, è una questione di gusti, sappiate però che lo zucchero bruno produrrà un sapore più caramellato.

Perché abbiamo usato la fecola di patate?

La lista degli ingredienti del ciambellone della nonna comprende anche la fecola di patate. In genere essa non appare nella ricetta del ciambellone classico. In questo caso, però, la sua presenza risulta doverosa, visto che abbiamo utilizzato la farina di riso.

Le fecola, infatti, rende l’impasto più compatto. In alternativa potete optare per un addensante chimico, ma io consiglio di puntare a quello più naturale in assoluto, la fecola di patate appunto.

La fecola non è altro che farina di patate, ma in virtù della concentrazione di amido, che conserva anche in seguito alla macinatura, esercita un’importante funzione addensante. La fecola di patate ha il pregio di non contenere glutine, caratteristica condivisa da un altro addensante molto utilizzato, l’amido di mais (noto anche come maizena).

Le varianti alla frutta del ciambellone della nonna

La ricetta del ciambellone della nonna è molto versatile, a tal punto che può essere considerata come un punto di partenza per preparare delle sfiziosi varianti. Le più apprezzate sono il ciambellone al succo di frutta, e in particolare al succo di arancia. La procedura varia solo un po’, infatti basta aggiungere il succo di arancia nel composto liquido a base di uova, zucchero e olio. Per un risultato più equilibrato dovreste sostituire la scorza di limone con la scorza di arancia.

Questo metodo è perfetto per tutte le varianti di ciambellone ai succhi di frutta, a tal proposito vi consiglio di utilizzare succhi realizzati al momento, o almeno succhi naturali al 100%. L’aggiunta del succo di frutta impatta anche sul piano visivo, per esempio il succo di arancia conferisce al ciambellone della nonna una tonalità tendente all’arancione, molto gradevole e bella a vedersi.

La varianti alle creme del ciambellone della nonna

Ma le varianti del ciambellone della nonna non si limitano ai succhi di frutta, infatti è possibile aggiungere elementi cremosi e aromatizzanti, come lo yogurt. Anche in questo caso dovrete agire sul composto liquido a base di uova, tuttavia vi consiglio di non esagerare con le quantità, poiché potreste mettere a repentaglio la stabilità dell’impasto. Per un intero ciambellone dovrebbero andare bene due vasetti di yogurt.

Per un risultato più “sobrio” e più acidulo potete utilizzate lo yogurt bianco. Se invece volete vivacizzare il sapore del ciambellone, optate per gli yogurt aromatizzati. A tal proposito avete solo l’imbarazzo della scelta tra yogurt alla vaniglia, alla nocciola e alla frutta.

Molto interessante è anche il filone dei ciambelloni al cacao e alla cioccolata. Le alternative in questo caso sono due: utilizzare il cacao in polvere o utilizzare una ganache al cioccolato fondente. Nel primo caso vi basterà inserire il cacao nel composto a base di farina, nel secondo caso dovrete sciogliere il cioccolato a bagnomaria e mescolarlo al composto liquido. In entrambi i casi il ciambellone si colorerà di una gradevole tonalità marrone, quasi ad anticipare l’esperienza gustativa.

Succhi di frutta, yogurt, cacao e cioccolato sono tutti ingredienti molto caratterizzanti, proprio per questo se utilizzate farine particolari, come quelle gluten free, fate attenzione agli abbinamenti. E’ opportuno valutare il risultato finale in modo da evitare contrasti eccessivi o combinazioni fuori luogo.

Come decorare il ciambellone della nonna

Il ciambellone della nonna è buono e “bello” così com’è. La sua bellezza sta nella semplicità e nella valorizzazione di una tradizione popolare priva di orpelli. Ciononostante, il ciambellone può essere decorato con lo zucchero a velo, che va setacciato e posto sulla superficie del dolce, un po’ come si fa con il pandoro.

Potete decorare il ciambellone anche con la granella di zucchero, in questo caso dovreste posizionarla sull’impasto prima della cottura. Invece, la glassatura è sconsigliata per decorare il ciambellone, infatti la superficie della torta è irregolare e ruvida, dunque l’effetto sul piano visivo non sarebbe dei migliori.

Infine, se state preparando un ciambellone al cioccolato potete setacciare un po’ di cacao amaro e cospargerlo sul dolce. Fate però attenzione a non esagerare, infatti il sapore del cacao è in genere piuttosto forte e rischiate di coprire gli altri ingredienti.

FAQ sul ciambellone della nonna

Che farina usare per il ciambellone?

Per il ciambellone della nonna si usa in genere la farina 00, tuttavia se siete celiaci o sensibili al glutine potete utilizzare una qualsiasi farina gluten-free, da supportare con un po’ di amido o fecola di patate. Per questa ricetta ho optato per la farina di riso, che è la meno caratterizzata sul piano organolettico.

Cosa fare se non si ha lo stampo per il ciambellone?

Se non avete lo stampo per il ciambellone potete utilizzare una teglia rotonda normale, ponendo al centro della carta stagnola. Arrotolate un foglio largo in modo che assuma la forma di una striscia, poi chiudetela ad anello e fissatela con del nastro adesivo messo all’interno, in modo che non contamini gli alimenti.

Perché il ciambellone non viene soffice?

Se il ciambellone non è venuto soffice è probabile che l’abbiate stracotto, allungando il tempo di cottura o impostando il forno a una temperatura troppo elevata (o entrambe le cose). Di base sono sufficienti 35 minuti a 170 gradi.

Quante calorie ha il ciambellone della nonna?

Nella sua forma base un ciambellone della nonna apporta circa 2500 kcal. Per quanto riguarda la singola fetta, e considerando porzioni medie, dovremmo essere sulle 150-200 kcal.

Ricette di ciambelloni ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta fredda ai biscotti

Torta fredda ai biscotti: a metà tra torta...

Una base che ricorda le cheesecake Tra i punti di forza di questa torta fredda ai biscotti c’è la capacità di attingere a piene mani dalla tradizione. Lo si nota dalla base, che riprende quella...

Granita al tamarindo

Granita al tamarindo, la ricetta ottima per la...

Un focus sul tamarindo Il tamarindo, usato per preparare questa deliziosa granita, è un frutto esotico originario delle zone tropicali dell’Africa Orientale e dell’Asia. Dalle nostre parti non...

Torta di anguria

Torta di anguria, un dessert alla frutta fresco...

Un dessert ricco di frutta Più che una torta di anguria questa è una torta di frutta, infatti oltre all’anguria troviamo frutti esotici come l'ananas e il kiwi, che spiccano per le tonalità...