logo_print

Sfiziosi Straccetti di pollo alle melanzane e curcuma

Straccetti di pollo alle melanzane
Stampa

Straccetti di pollo alle melanzane e curcuma: come esaltare il pollo

Gli straccetti di pollo alle melanzane e curcuma sono un secondo piatto capace di valorizzare appieno la deliziosa carne del pollo, esaltandone i pregi (molti) e minimizzando l’impatto dei difetti (pochi). Tra questi ultimi, c’è una certa tendenza della carne di pollo a risultare asciutta, se non la si cuoce in un certo modo. Ovvio, il gusto rimane pressoché lo stesso, ma la texture eccessivamente “rigida” può compromettere l’esperienza gustativa.

Tutto ciò non accade quando si cucinano gli straccetti di pollo alle melanzane e curcuma. Il segreto, infatti, sta nel cuocere il pollo nel “brodo” di cotture delle verdure, e nello specifico di carote, scalogno e melanzane. Queste ultime, tra l’altro, espellono molta acqua; in tal modo la carne degli straccetti si ammorbidisce a dovere. Ovviamente potete acquistare gli straccetti già tagliati o ricavarli dai petti di pollo interi.

La curcuma

Uno dei tanti segreti degli straccetti di pollo alle melanzane è la curcuma. Si tratta di una spezia molto diffusa in Asia, ma che negli ultimi anni è diventata un must anche in Italia. E’ uno degli ingredienti principali del curry ma eccelle anche da sola, il suo aroma, infatti, è molto forte ma anche molto gradevole. Allo stesso tempo, la curcuma si fa apprezzare per la resa cromatica, che risulta nella maggior parte dei casi di un arancione acceso capace di impreziosire i piatti dal punto di vista estetico.

Straccetti di pollo alle melanzane

La curcuma ha però tante altre proprietà. E’ infatti considerata quasi come un elemento terapeutico. D’altronde sono note le sue azioni antinfiammatorie, antiossidanti e immunostimolanti, in particolare “pulisce” l’apparato digerente stimolando l’espulsione dei metalli pesanti. Inoltre contrasta la formazione del colesterolo cattivo (quello noto come LDL).

La maggiorana

La maggiorana è un’erba aromatica molto diffusa nella cucina italiana, benché originaria dell’Egitto e del Medio Oriente. Viene utilizzata principalmente per insaporire i piatti, un po’ come si fa con l’origano e il timo, piante con cui è imparentata almeno dal punto di vista biologico. La maggiorana è dotata di un verde molto brillante, ragione per cui viene impiegata anche solo per impreziosire i piatti dal punto di vista estetico.

La maggiorana vanta alcune proprietà terapeutiche, per esempio, esercita una funzione antispastica, tonica, rilassante. E’ anche un potente antinfiammatorio. Non stupisce, dunque, che venga utilizzata anche per produrre dei gustosi e salutari infusi (la parte coinvolta qui è quella delle foglie).

Ecco la ricetta degli straccetti di pollo alle melanzane e curcuma

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di straccetti di pollo di dimensioni regolari,
  • una carota e una melanzana,
  • uno scalogno,
  • qualche rametto di maggiorana,
  • 1 cucchiaio di curcuma,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • 60 gr. di pangrattato consentito,
  • q. b. di sale e paprica dolce

Preparazione:

Affettate a velo lo scalogno e fatelo appassire in una pentola con 1 cucchiaio di olio. Dopodiché unite la carota fatta a dadini e la melanzana fatta a listarelle. Cuocete per un quarto d’ora, dopodiché scolate le verdure appena cotte e mettetele da parte.

Condite con un filo d’olio gli straccetti, ricopriteli di pan grattato e cuoceteli nella stessa pentola dove avete cotto le verdure. Quando gli straccetti si sono dorati, riversate le verdure che avevate messo da parte e fate saltare in padella per un altro paio di minuti. Decorate con le foglioline di maggiorana e servite.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


04-11-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti