Terrine con gorgonzola e radicchio, un piatto elegante

Terrine con gorgonzola e radicchio
Commenti: 0 - Stampa

Terrine con gorgonzola e radicchio, contrasto dolce-salato

Le terrine con gorgonzola, radicchio e datteri sono un’idea sfiziosa per una pietanza dal sapore insolito, basata su una raffinata alchimia di sapori. Troviamo il salato, incarnato dal gorgonzola, ma anche il dolce, fornito dai datteri. In mezzo vi è una miscellanea di sentori tra il delicato e il corposo: ricotta, radicchio e noci. Un altro tratto peculiare di questa ricetta è l’aspetto, infatti si presenta come una specie di budino realizzato a strati. Per la precisione questi strati sono composti dal gorgonzola, dai datteri e da un composto di ricotta e radicchio. La copertura, simile per impatto visivo a una glassa per dolci, è data dal burro fuso. La singolare forma di questa pietanza è data da un uso sapiente degli stampini, che devono essere rivestiti con la pellicola alimentare prima che si proceda con il riempimento.

Un accorgimento per evitare che gli ingredienti si attacchino alle pareti e per facilitare l’operazione di impiattamento, che prevede un capovolgimento degli stessi stampi. Ovviamente le terrine devono riposare in frigorifero per compattarsi. Nonostante una lista di ingredienti lunga e “particolare”, la ricetta ha un protagonista indiscusso, il gorgonzola. Attorno a questo formaggio ruotano alcuni pregiudizi, come quello secondo cui farebbe male perché troppo grasso. In effetti la quota di lipidi è importante, pari al 27%, ma è ampiamente compensata dalla presenza di molti nutrienti. Il gorgonzola, infatti, è ricco di proteine, calcio e fosforo. Da questo punto di vista non sfigura al cospetto dei formaggi stagionati e persino del famoso (e salutare) Parmigiano Reggiano.

Quale gorgonzola usare per questa ricetta?

Per le terrine con gorgonzola e radicchio vi consiglio di utilizzare uno dei migliori gorgonzola in circolazione, il gorgonzola dolce di Igor. Il brand è piemontese, a testimoniare l’importanza che il gorgonzola ricopre anche per quel territorio. Igor propone il gorgonzola più verace e più aderente alla tradizione. Spicca per la qualità delle materie prime, che è davvero eccelsa, nonché per un processo di produzione sostanzialmente artigianale.

Terrine con gorgonzola e radicchio

Come vuole la tradizione lattiero-casearia, anche il gorgonzola di Igor è realizzato con il latte delle vacche “stracche”, ovvero stancate da pascoli lunghi, un requisito fondamentale per la produzione dei migliori tipi di formaggi molli. L’offerta di Igor è molto ampia e comprende svariate tipologie di gorgonzola, dal dolce al piccante.

Le proprietà nutrizionali dei datteri

I datteri giocano un ruolo da protagonista nelle terrine con gorgonzola e radicchio, d’altronde aggiungono un tocco di dolcezza che contrasta gradevolmente con gli altri ingredienti. Le terrine di gorgonzola con radicchio e datteri rappresentano una buona occasione per riscoprire un alimento che ha fatto la storia del Medio Oriente e dell’Africa settentrionale, ma viene apprezzato anche in questa sponda del Mediterraneo. Un alimento che, al costo di un apporto calorico non eccessivo, fornisce molti nutrienti.

I datteri sono ricchi di sali minerali e in particolare di calcio, ferro, magnesio, zinco e potassio. Stesso discorso per le vitamine e in particolare per quelle del gruppo B. I datteri, poi, sono tra gli alimenti più ricchi di fibre in assoluto, dal momento che ne contengono 8 grammi ogni 100. Rilevante è anche l’apporto di aminoacidi essenziali, sostanze di fondamentale importanza per la salute dell’organismo.

Ecco la ricetta delle terrine con gorgonzola, radicchio e datteri:

Ingredienti per 6 persone:

  • 250 gr. di gorgonzola dolce Igor,
  • 250 gr. di ricotta consentita,
  • 12 datteri,
  • 1 cespo di radicchio rosso,
  • 1 manciata di gherigli di noci,
  • 40 gr. di burro chiarificato fuso a temperatura ambiente,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Per decorare:

  • 4-5 datteri,
  • q. b. di timo fresco,
  • q. b. di gherigli di noci.

Preparazione:

Per la preparazione delle terrine con gorgonzola iniziate pulendo il radicchio. Poi lavatelo e tagliatelo in modo grossolano, infine rosolatelo in un po’ di olio extravergine d’oliva. Ora regolate con un pizzico di sale e un po’ di pepe, poi aggiungete un po’ d’acqua e completate la cottura.

Quando è pronto, fatelo raffreddare e conservatelo a parte. Imburrate 2 stampi da circa 12 cm di diametro e coprite la loro superficie con la pellicola trasparente.

Fate a fettine il gorgonzola, mantenendovi entro uno spessore di 5 mm. Adagiate le fette sul fondo delle terrine, lasciando libere due dita dai bordi. Infine prendete 2-3 datteri, fateli a fette sottili e adagiateli sul gorgonzola.

Ore mettete metà ricotta negli stampi ed un altro strato di datteri tagliati finemente. In una ciotola a parte unite la ricotta e il radicchio, mescolate e unite anche le noci tritate.

Posizionate questo composto negli stampi, sopra lo strato di datteri e terminate con uno strato di gorgonzola. Infine versate il burro fuso in modo che riempia gli interstizi delle terrine e conservate in frigo per sei ore.

Trascorso questo lasso di tempo, capovolgete gli stampi sui piatti di portata, aiutandovi con la pellicola per rendere il tutto più agevole. Decorate con i datteri rimasti, un altro po’ di noci tritate e qualche rametto di timo.

5/5 (587 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti