bg header
logo_print

Labneh con pane arabo, una delizia dal Libano

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Labneh con pane arabo
Ricette per intolleranti, Cucina libanese
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 5 ore 20 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.5/5 (2 Recensioni)

Cos’è il labneh e quali sono le sue caratteristiche?

Il labneh è un prodotto tipico della cucina tipica libanese, sebbene sia diffuso in quasi tutti i paesi del Levante (Palestina, Giordania, Siria etc.), spesso con varianti diverse. Attualmente lo si trova nei supermercati, anche in Italia a volte, tuttavia è tradizionalmente preparato in casa secondo un metodo simile a quello utilizzato duemila anni fa. Il labneh è infatti uno dei pochi formaggi che può essere realizzato a casa, in quanto non richiede una strumentazione particolare e nemmeno tecniche così raffinate. Si tratta, infatti, di innescare un processo di compressione della materia prima e di estrazione dei liquidi. Può sembrare strano ma bastano solo un colino, qualche garza e un frigorifero.

Sono attestate molte varianti di questa ricetta libanese. A dire il vero, ciascun paese, persino ciascuna regione, ha il suo. Buona parte di queste varianti si differenziano principalmente per la materia prima, ovvero per il tipo di yogurt. La ricetta che vi propongo oggi prevede l’impiego dello yogurt greco. A prescindere da questo ingrediente, il labneh si presenta con un colore bianco candido e con una consistenza molto morbida e pastosa, più del normale formaggio fresco. Per questo motivo, da molti è considerato una “semplice” variante dello yogurt.

Ricetta labneh con pane arabo:

Preparazione labneh con pane arabo

Per la preparazione del labneh iniziate mondando e lavando le erbe aromatiche e sminuzzandole per bene. In una ciotola versate lo yogurt greco e il sale, poi mescolate. Ora ricoprite con delle comunissime garze un colino a maglie fini e versate lo yogurt. Filtrate per bene lo yogurt in una ciotola abbastanza profonda, in modo che il liquido che colerà non toccherà le garze. Se serve fate lo stesso passaggio due volte.

Poi conservate in frigorifero per 4 o 5 ore. A questo punto dovreste ritrovarvi con una specie di formaggio di yogurt. Spezzetatelo formando delle palline uniformi e distribuite sulla loro superficie le erbe aromatiche precedentemente tritate, le spezie, un po’ di olio extravergine di oliva e i pinoli. Servite con il pane arabo appena tostato e buon appetito!

Ingredienti labneh con pane arabo

  • 500 gr. di Yogurt Greco Colato senza lattosio
  • qualche fogliolina di menta fresca e timo
  • un cucchiaio di pinoli di cedro
  • una punta di cucchiaino di curcuma e paprika
  • q. b. di pane arabo
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva.q.b. sale

Come fare il pane arabo ?

Il labneh, proprio come qualsiasi altro formaggio, può essere consumato da solo o accompagnato con altri ingredienti. Si esalta sulle più svariate tipologie di pane, spalmato come qualsiasi altro formaggio fresco. Io però consiglio di seguire la tradizione araba anche per ciò che concerne il consumo, e quindi l’esperienza gustativa. L’idea che sta alla base di questa ricetta è accompagnare il labneh con il pane libanese o il pane arabo . Un pane diverso dal nostro, molto morbido ma che richiede una lievitazione più breve. Come da tradizione per i “pani arabi”, o della zona del Mediterraneo orientale, può essere cotto sia al forno che in padella. La cottura in padella, tra l’altro, è retaggio dell’antica cottura su pietra.

Labneh con pane arabo

Potete decidere di comprare il pane arabo, ma vi avverto, quello che vendono al supermercato è spesso e volentieri una imitazione dell’originale. Vi invito quindi a prepararlo in casa, anche perché il procedimento è abbastanza semplice. Alla preparazione del pane arabo ho dedicato un articolo. La ricetta è davvero semplice e può essere approcciata anche da chi non ha mai realizzato alcun tipo di pane in vita sua. Anzi, spesso chi inizia lo fa preparando proprio queste tipologie di pane (a bassa lievitazione e dalla consistenza morbida).

Gli insospettabili pregi nutrizionali dei pinoli

I prodotti da panetteria non rappresentano l’unico accompagnamento del labneh. Anzi, raramente va consumato solo con il pane, infatti viene spesso condito con spezie ed erbe aromatiche. Per questa ricetta consiglio di realizzare un semplice trito di spezie, e di distribuirlo equamente sui bocconcini di labneh. Ho anche predisposto una gradevole aggiunta: i pinoli. A mio dire, il loro sapore lineare e uniforme, sufficientemente equilibrato, è in grado di valorizzare la gradevole acidità del formaggio. La scelta dei pinoli procede anche dalla consapevolezza dei loro pregi, notevoli ma poco conosciuti.

Sia chiaro, siamo nell’ambito della frutta secca, quindi i pinoli sono molto calorici. Lo sono perché contengono parecchi grassi, questi, però, sono principalmente “buoni” in quanto impattano positivamente sull’organismo. ll riferimento è agli acidi grassi omega tre, che fanno bene all’apparato cardiocircolatorio, alla funzione visiva e alla funzione cognitiva. I pinoli, poi, sono ricchi di vitamine, e in particolare la E e la PP. Stesso discorso per i sali minerali, si apprezzano, infatti, elevate concentrazioni di calcio, potassio, ferro e soprattutto fosforo. I pinoli, infine, contribuiscono ad abbassare il colesterolo, e quindi il rischio che insorgano patologie circolatorie acute (infarti, ictus, etc.). Che ruolo hanno i pinoli in questa ricetta? Semplicemente vanno distribuiti sul labneh al momento del servizio, insieme al pane ovviamente.

Ringrazio Marco e Yasmine che mi aiutano e consigliano sempre piatti medio-orientali. Con loro scopro sempre qualcosa di nuovo e originale

Ricette pane etnico ne abbiamo? Certo che si!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...