Trota impanata con quinoa soffiata, piatto d’alta classe

Trota impanata con quinoa soffiata
Commenti: 0 - Stampa

Trota impanata con quinoa soffiata, un secondo diverso dal solito

La trota impanata con quinoa soffiata è un secondo molto particolare, come si può notare dal nome. Il riferimento è soprattutto alla panatura, che non viene realizzata con il classico pane grattugiato o con la farina di grano, bensì con la quinoa soffiata. Da ciò deriva in primis un impatto estetico particolare, che identifica questo piatto quasi come una variante esotica del classico pesce impanato. Anche perché, a differenza di tante altre preparazioni, la trota impanata con quinoa non viene fritta, ma cotta al forno. Un metodo di gran lunga più sano e leggero.

Ovviamente, l’ingrediente principale di questa ricetta è la trota. Una specie molto diffusa, che fa parte a pieno titolo della tradizione gastronomica italiana. Spesso la trota è considerata un pesce di serie B, ossia poco pregiato. Si tratta di una convenzione errata, non solo la trota è squisita, ma si caratterizza per le elevate proprietà nutrizionali. In primis, va citata la straordinaria concentrazione di acidi grassi omega tre, che favoriscono il corretto funzionamento dell’apparato cardiocircolatorio e aiutano in maniera determinante a prevenire le patologie cardiache. La trota, poi, è ricca di sali minerali quali lo zinco, il ferro e il fosforo. Spicca, infine, per digeribilità e apporto proteico quasi simile a quello delle carni rosse.

La trota, rispetto agli altri pesci, si caratterizza per un apporto calorico medio, intorno alle 140 kcal per 100 grammi. E’ dunque un pesce povero di grassi, che può essere consumato a tutte le età e all’interno di tutti i regimi dietetici. Visto il numero di ricette che la vedono come protagonista, è anche una specie molto versatile. In questa ricetta “tiene” molto bene una panatura così particolare come quella con la quinoa soffiata.

Trota impanata con quinoa soffiata

Le peculiarità della quinoa e le sue proprietà

Tra gli ingredienti più particolari della trota impanata su letto di radicchio, spiccata proprio la quinoa. E’ un alimento che viene considerato ancora di nicchia, per quanto abbia dimostrato già tutta la sua versatilità e le eccellenti caratteristiche nutrizionali. La quinoa si caratterizza per alcune proprietà importanti, tra cui spicca l’elevata concentrazione di proteine, minerali e vitamine. Il riferimento è al magnesio, alla vitamina C e alla vitamine E.

La quinoa, checché ne dica l’immaginario collettivo, non è un cereale. Certo, l’elevata dose di carboidrati e di amido in essa contenuta può trarre in inganno. Tuttavia, può essere utilizzata in sostituzione delle farine, dal momento che è del tutto priva di glutine, caratteristica che fa certamente piacere ai celiaci e agli intolleranti a questa sostanza.

Lo zenzero, una spezia molto salutare

Lo zenzero gioca un ruolo fondamentale nella ricetta della trota impanata con quinoa soffiata. Infatti, viene utilizzato per condire, insieme ad altri ingredienti, i tocchetti di trota prima che questi vengano impanati. Un’operazione fondamentale non solo per insaporirne le carni, ma anche per renderle aderenti alla panatura, ovvero alla quinoa soffiata.

Lo zenzero, tra l’altro è una spezia molto preziosa. Oltre al sapore caratteristico, vanta alcune proprietà importanti, tra cui effetti antinfiammatori e antidolorifici. Da alcuni viene considerata addirittura un sostituto dei farmaci FANS! Ad ogni modo va considerato che impatta in maniera significativa sulla pressione. Questa è una caratteristica positiva se soffrite di pressione bassa, ma richiama alla prudenza se, per contro, siete ipertesi. Le dosi indicate in questa ricetta, comunque, sono tutt’altro che eccessive, quindi non comportano alcun tipo di preoccupazione.

Ecco la ricetta della trota impanata con quinoa soffiata su letto di radicchio:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di filetti di trota puliti e pronti per la cottura;
  • 600 gr. di radicchio rosso;
  • 120 gr. circa di quinoa soffiata;
  • 1 porro;
  • 2 cucchiai di salsa di soia;
  • 1 pezzettino di zenzero fresco grattugiato;
  • una manciata di pinoli;
  • 1 rametto di maggiorana fresca;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della trota impanata con quinoa iniziate riducendo i filetti di trota a pezzi più o meno regolari, poi conditeli con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, la salsa di soia, lo zenzero ed un po’ di pepe. Trasferiteli nella quinoa soffiata e impanateli accuratamente. Adagiate i tocchetti di trota impanati in una teglia ricoperta di carta da forno e cuocete a 200 gradi per 10-15 minuti.

Ora tagliate il porro a fette sottili, il radicchio rosso invece tagliatelo a listarelle. Trasferite porro e radicchio in un tegame con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e fateli saltare leggermente aggiungendo un po’ di pepe e un po’ di sale. Adesso impiattate: formate con le verdure un letto, e adagiate sopra la trota impanata e cotta al forno. Ovviamente, ripetete il procedimento per ciascun piatto. Infine decorate con qualche fogliolina di maggiorana e spolverate sopra un po’ di pinoli

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesce spada al forno con bergamotto

Pesce spada al forno con bergamotto, gourmet

Pesce spada al forno con bergamotto e radicchio, degli ingredienti di classe Il pesce spada al forno con bergamotto e radicchio stufato è un secondo molto elegante, quasi gourmet. D’altronde, la...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti