Frolla al burro di arachidi, una base corposa

Frolla al burro di arachidi
Commenti: 0 - Stampa

Frolla al burro di arachidi, una base adatta a tutti i palati

La frolla al burro di arachidi è un’idea sfiziosa per una base diversa dal solito, per dolci dal sapore particolare ma comunque adatti a tutti i palati. La ricetta è semplice, come si addice al concetto di frolla (che è una delle basi più facili in assoluto). Certo, la lista degli ingredienti è tutt’altro che classica. Il riferimento è certamente al burro di arachidi, di cui parlerò in un prossimo paragrafo, ma anche e soprattutto alle farine. In questa ricetta, la farina bianca è sostituita dalla farina di avena e da quella di mais bianco. Entrambe hanno un pregio, ossia sono prive di glutine e possono essere consumate, quindi, anche dagli intolleranti a questa sostanza. Un dettaglio non da poco, se si considera l’incidenza crescente dei disturbi dell’assorbimento del glutine. Per inciso, questa frolla al burro di arachidi è appetibile anche per chi non ha questi disturbi.

Per il resto, si tratta comunque di farine salutari. Quella di mais si fa apprezzare per la quantità di sali minerali e di vitamine, e in particolare di calcio e della vitamina D. Essa viene utilizzata soprattutto per fare la polenta, tuttavia le sue capacità panificatorie sono sufficienti a consentirle un ruolo anche nella pasticceria. La farina d’avena, invece, si caratterizza per l’elevata concentrazione di proteine, di gran lunga superiore a quella della farina bianca. La farina di avena è ricca anche di vitamina B1 e di zinco. Un’altra caratteristica importante è il basso indice glicemico, che prolunga il senso di sazietà e riduce i picchi glicemici. La farina di avena, quindi, è ottima per chi sostiene diete dimagranti e per i diabetici. L’apporto calorico è invece medio, del tutto simile a quello delle altre farine.

Le arachidi fanno ingrassare?

Un altro ingrediente sui generis della frolla al burro di arachidi, è proprio l’arachide. Nello specifico, si dovrebbero utilizzare le arachidi ridotte in purea, il classico “burro”. Potete frullarle voi stessi, o acquistarle già in questa forma. Ad ogni modo, il burro di arachidi va mescolato insieme ai tuorli, e in seguito arricchito con lo zucchero, le farine e il lievito. In questo modo si ottiene un composto piuttosto solido, dal gusto corposo, in cui il sentore deciso e gradevole delle arachidi emerge chiaramente. Certo, alcuni di voi potrebbero storcere il naso di fronte alla presenza di questo ingrediente. D’altronde, non è forse vero che fanno ingrassare?

Frolla al burro di arachidi

In effetti, sono molto caloriche, e infatti l’apporto si attesta intorno alle 567 kcal per 100 grammi. Calorie dovuta all’abbondante presenza di grassi, definiti, però, grassi buoni. Il riferimento è agli omega sei e, in misura minore agli omega tre. Ad ogni modo, per ovviare all’apporto calorico è sufficiente consumarle in dosi limitate, come in questo caso. Per il resto, le arachidi sono ricche di vitamine e sali minerali. In particolare comprendono la vitamina E e la PP, lo zinco, il potassio, il fosforo, il manganese, il magnesio e il rame. Sono anche ricche di fibre e di sostanze antiossidanti, nonché di acido folico. Le arachidi contengono anche una sostanza rara, il coenzima Q10, che secondo recenti studi rappresenterebbe un toccasana contro il mal di testa.

A cosa serve il baking e come usarlo

La lista degli ingredienti della frolla al burro di arachidi comprende anche il baking, una sostanza che non tutti conoscono. In effetti, è utilizzata soprattutto nella cucina anglosassone, ma ricopre comunque una funzione importante. Il baking è un lievito realizzato con il bicarbonato di sodio. La presenza di questo elemento in qualche modo esercita una funzione potenziante, e infatti è sufficiente una piccolissima dose di baking per portare a termine la lievitazione, per giunta in un tempo molto più breve di quanto ci si aspetterebbe.

Tra l’altro, il baking conferisce al composto una maggiore elasticità e morbidezza, rendendo questa frolla più manipolabile e anche piacevole al palato. Per il resto, funziona esattamente come qualsiasi altro lievito, dunque il suo impiego non pone in essere problematiche o difficoltà di sorte. Il consiglio, quindi, è di utilizzare il baking al posto del lievito, almeno in questo caso.

Ecco la ricetta della frolla al burro di arachidi:

Ingredienti:

  • 115 gr. di farina di avena,
  • 100 gr. di farina di mais bianco,
  • 130 gr. di arachidi ridotti in purea,
  • 90 gr. di zucchero semolato,
  • 80 gr. di albume,
  • 70 gr. di tuorlo,
  • 3 gr. di baking.

Preparazione:

Per la preparazione della frolla al burro di arachidi iniziate frullando i tuorli con le arachidi fatte a purea (potete trattarli in prima persona o acquistarli già sotto questa forma). Poi integrate lo zucchero semolato e le farine (di mais bianco e di avena) già mescolate al baking.

Mescolate con cura fino ad ottenere un composto dalla struttura leggermente granulosa, ma uniforme. Infine unite l’albume e impastate fino ad avere un impasto simile a quello della normale pasta frolla. La vostra base è pronta!

5/5 (429 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto lungo....

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti