bg header
logo_print

Bavarese al calamondino, un dessert fresco e colorato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bavarese al calamondino
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Perché la bavarese al calamondino è un dessert speciale?

La bavarese al calamondino è un dessert molto particolare. D’altronde è il nome stesso a suggerirlo, visto l’ingrediente principale o, per meglio dire, quello più rappresentativo: il calamondino. Si tratta di un agrume non molto diffuso in Italia, ma che si sta ritagliando un certo spazio in qualità di frutto “esotico”. Dal punto di vista botanico può essere definito come un incrocio tra il mandarino e il kumquat.

Quest’ultimo è un agrume di origine cinese dalle caratteristiche particolari: è di piccole dimensioni, ha una buccia commestibile sottile e regolare, ha un sapore decisamente aromatico e tendente al dolce. Nello specifico, il calamondino interviene in due fasi distinte della preparazione. Nella prima parte forma la crema (insieme al succo di limone), nella seconda parte forma la guarnizione. Vi consiglio, inoltre, di conservare otto spicchi per la decorazione finale. Per il resto, questa bavarese al calamondino ha veramente poco in comune con la bavarese propriamente detta. Il merito di ciò va ricercato non solo nella preparazione, che prevede una base di savoiardi (a mò di tiramisù), ma anche nella presenza di un latticino molto particolare, di cui parlerò nel prossimo paragrafo.

Ricetta bavarese al calamondino

Preparazione bavarese al calamondino

Per la preparazione della bavarese al calamondino iniziate immergendo la colla di pesce in acqua fredda. Lavate i calamondini e grattugiate la scorza, dopodiché ricavate il succo dalla loro polpa; inoltre conservate 8 spicchi per la decorazione finale della bavarese. Ora inzuppate i savoiardi nel succo di calamondini e adagiateli in quattro bicchieri. Poi ricavate il succo dal mezzo limone e incorporatelo nel succo dei calamondini rimasto. Scaldate il succo a fuoco basso in un semplice pentolino, strizzate la colla di pesce e incorporatela fino a quando non si scioglie.

Spegnete il fuoco, fate intiepidire e aggiungete lo Skyr poco per volta, mescolando per ottenere una crema piuttosto densa. Ora realizzate la panna con la scorza del calamondino e lo zucchero a velo, poi aggiungetela gradualmente alla crema appena realizzata. Infine mettete il tutto sui savoiardi utilizzando una sac à poche e fate riposare in frigorifero per 4 ore. Terminato questo lasso di tempo, date una sventagliata di cannella, sbriciolate qualche amaretto e concludete la decorazione con gli spicchi di calamondino.

Ingredienti bavarese al calamondino

  • 8 savoiardi consentiti
  • mezzo limone
  • 8 calamondini
  • 6 gr. di colla di pesce
  • 250 gr. di Skyr Exquisa
  • 150 ml. di panna fresca
  • 20 gr. di zucchero a velo
  • qualche amaretto
  • q. b. di cannella.

Lo yogurt: un latticino davvero particolare

La bavarese tradizionale, in genere, si realizza con il latte. In questa ricetta della bavarese al calamondino, però, il latte è sostituito da un latticino. Per giunta un latticino sui generis, ancora poco consumato in Italia ma prezioso dal punto di vista organolettico e gustativo: lo Skyr. Può essere assimilato allo yogurt greco. È originario dell’Islanda, paese nel quale è consumato quasi quotidianamente. In Italia è giunto da poco tempo, importato da alcune aziende particolarmente lungimiranti.

Bavarese al calamondino

Lo Skyr ha un sapore intenso e allo stesso tempo neutro, infatti può essere utilizzato indifferentemente sia per le preparazioni dolciarie che per quelle salate. Si caratterizza per una straordinaria concentrazione di proteine, calcio e altri sali minerali di fondamentale importanza. Inoltre ha un contenuto di vitamine più che dignitoso e un ridotto apporto calorico. Lo Skyr si fa apprezzare anche per la sua versatilità, dovuta anche ad una struttura che si presta alla preparazione di creme (come in questo caso). Nello specifico, lo Skyr va incorporato nel succo di calamondino e limone, già arricchito dalla gelatina. In linea di massima si tratta di un ingrediente prezioso, che arricchisce questa ricetta e le conferisce un tocco esotico.

Il delicato tocco della cannella

La cannella è una delle spezie più utilizzate in cucina, soprattutto quando si tratta di realizzare dolci e dessert, dunque la sua presenza è pienamente giustificata nella ricetta della bavarese al calamondino . Nello specifico va utilizzata la cannella in polvere, da applicare a fine preparazione poco prima di aggiungere gli spicchi di calamondino. Quest’uso della cannella, in verità molto moderato, contribuisce a rendere più aromatico il tutto, senza correre il rischio che il sapore della spezia copra tutti gli altri.

La presenza della cannella, però, è giustificata anche dalla sue numerose proprietà nutrizionali, che sfociano nel terapeutico. Il riferimento è in particolare alle proprietà antibatteriche e antinfiammatorie, che possono occasionalmente tornare utili in caso di dolori cronici o di infezioni lievi. La cannella è anche un formidabile digestivo, capace di favorire il transito intestinale e limitare gli episodi di stipsi. Si segnala, poi, il consueto carico di vitamine e di sali minerali, un leitmotiv della maggior parte delle spezie conosciute.

Se vi piacciono questo tipo di preparazioni vi consiglio anche la bavarese di cachi e melagrana,  una variante molto particolare della classica bavarese. Come suggerisce il nome, si differenzia per la presenza dei cachi e della melagrana, due alimenti che raramente si trovano nella stessa ricetta, ma in grado di valorizzarsi l’un l’altro

Ricette bavaresi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...