Indian Bowl, un pasto completo dal carattere esotico

Indian Bowl
Commenti: 0 - Stampa

I principi nutritivi dell’indian bowl

l’Indian Bowl è all’apparenza un’insalata. Viene servita, infatti, nelle bowl utilizzate nelle classiche insalatone. Se si guarda agli ingredienti, però, si può associare questo piatto ad un pasto completo. Di fatto si tratta di una pietanza a base di riso e di pollo, opportunamente speziata come vuole la tradizione indiana. Anzi, le uniche verdure sono rappresentate dai pomodorini, che accompagnano il pollo nell’ultima parte della cottura. Il riso, invece, viene cotto a parte, semplicemente in acqua bollente, un altro elemento che richiama alla tradizione indiana, come a quella orientale in genere.

Il risultato è un piatto davvero saporito, dal gusto pieno e valorizzato dalle spezie. Apporta carboidrati, presenti principalmente nel riso, ma anche tante proteine, apportate ovviamente dal pollo, senza contare vitamine, sali minerali e antiossidanti (contenuti principalmente nella soia). Per realizzare l’Indian Bowl, consiglio il riso basmati e solo quello. Le altre varietà di riso, infatti, si prestano meno a fare da accompagnamento, e creerebbero un effetto “pappetta” che certamente comprometterebbe la resa del piatto.

Il riso basmati, tra parentesi, si caratterizza per il chicco allungato, che raddoppia di volume durante la cottura. E’ un riso che tiene le alte temperatura, non scuoce e conserva una certa consistenza. Per quanto riguarda i valori nutrizionali, si pone sulla falsariga delle altre varietà di riso, ma ha una particolarità: il suo indice glicemico è estremamente basso, pari a 58. Dunque è l’ideale per i diabetici o per chi vuole evitare i morsi della fame (scatenati da alimenti con indice glicemico elevato).

La salsa di soia, una panacea più che un alimento

Tra i condimenti della Indian Bowl non poteva mancare la salsa di soia. D’altronde è il condimento più utilizzato in Asia, apprezzato per le sue proprietà nutrizionali, per la sua versatilità e per il suo sapore aromatico. Tuttavia, in questo caso viene impiegata in un modo abbastanza insolito: non tanto per condire il riso o gli altri alimenti, quanto per preparare la marinatura nella quale viene immerso il pollo. La salsa di soia, così come gli altri alimenti che formano la marinatura, viene successivamente recuperata per ulteriori cotture.

Indian Bowl

La salsa di soia è un alimento particolare, una specie di panacea visti i tanti benefici che apporta. Il riferimento è in particolare al contenuto eccezionale di antiossidanti, sostanze che fanno bene al cuore e agiscono anche in funzione antitumorale. La salsa di soia, poi, contiene concentrazioni quasi fuori scala di vitamine e sali minerali.

I tanti pregi nutrizionali della curcuma

Una pietanza che richiama alla cultura indiana non poteva rinunciare alla curcuma. E in effetti è presente anche nella Indian Bowl. Nello specifico, viene dapprima diluita nel succo di lime e poi versata nell’acqua di cottura del riso, in modo che quest’ultimo ne assorba il sapore. La curcuma ha davvero tanti pregi e, come tutte le spezie, ha proprietà quasi terapeutiche, anzi da questo punto di vista si pone sopra la media.

La curcuma ha proprietà immunostimolanti, antibiotiche, purificanti e detossinanti; è anche utile per abbassare il colesterolo e per velocizzare la digestione. Questa spezia dona un tocco di colore al riso, che assume gradevoli tonalità arancioni. La curcuma si utilizza anche per una delle spezie più diffuse al mondo, il curry, il cui colore arancione deriva proprio dalla curcuma.

Una sostituzione possibile potrebbe essere qulla del basilico con il coriandolo. Non a tutti piace e non sempre si trova fresco. Sarebbe l’ideale per questa ricetta.

Ecco la ricetta dell’Indian Bowl:

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di petto di pollo tagliato a bocconcini;
  • 240 gr. di riso basmati;
  • 20 pomodorini rossi e gialli;
  • 1 cucchiaio di succo di lime;
  • 1 cucchiaio di salsa di soia;
  • qualche fogliolina di basilico;
  • 1 cucchiaio di curcuma in polvere;
  • 1 cucchiaio di curry;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • 1 peperoncino rosso fresco.

Preparazione:

Per la preparazione della Indian Bowl mettete in una ciotola il curry e il succo di lime e mescolate per bene. Ora procuratevi un contenitore e versate i bocconcini di pollo, la salsa di soia e il curry che avete amalgamato con il succo di lime. Girate il tutto e fate marinare così per circa 15 minuti. Intanto, versate il riso basmati in una pentola con l’acqua e portatelo a cottura, aggiungendo in questa fase anche la curcuma in polvere. Quando è pronto, scolate il riso e conservatelo al caldo. Ora prendete il pollo marinato e versatelo, insieme al liquido della marinatura, in una padella antiaderente già riscaldata con un po’ di olio extravergine d’oliva.

Fate dorare il pollo su tutti i lati e in modo uniforme, mescolando più e più volte. A fine cottura estraete il pollo e mettetelo da parte. Versate nella padella, contenete il liquido di marinatura, i pomodorini sbucciati fatti a spicchi. Cuoceteli così per 3-4 minuti, poi rimettete il pollo in padella e cuocete ancora, mescolando accuratamente per appena un minuto. Adesso componete la bowl. Distribuite il riso in quattro ciotole, poi in ciascuna aggiungete il pollo con i pomodorini. Per finire, decorate con delle rondelle di peperoncino e qualche foglia di basilico. Buon appetito!

5/5 (474 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti