Torta salata con quinoa, una quiche cremosa

Torta salata con quino
Commenti: 0 - Stampa

Torta salata con quinoa e barbabietole, uno spuntino da leccarsi i baffi

La torta salata con quinoa, barbabietole e formaggio cremoso è un’ottima idea per una quiche gustosa, facile da preparare e in grado di farsi apprezzare da tutti i palati. E’ realizzata con la pasta brisée, che per l’occasione risulta più adeguata rispetto alla pasta sfoglia. Quest’ultima, infatti, è meno compatta e più friabile, dunque si sposa con le torte salate “chiuse”. Anche il sapore fa pendere l’ago della bilancia verso la brisée, dal momento che questa è un po’ salata rispetto alla sfoglia, pur mantenendosi tendenzialmente su un sapore neutro.

Il ripieno di questa torta salata con quinoa e barbabietole è tutt’altro che canonico, ma molto azzeccato. Il sapore corposo della quinoa si sposa con quello piuttosto  lineare e dolciastro delle barbabietole e dei piselli. A completare il tutto, e conferire ulteriore corpo, vi è il formaggio Exquisa Fresco Cremoso Fitline. E’ uno dei prodotti di punta di Exquisa, che spicca per il sapore, per la texture morbida e per i suoi valori nutrizionali. Infatti, abbonda di proteine ed è povero di grassi. Inoltre, l’apporto calorico si limita a soli 60 kcal per 100 grammi, praticamente un record per i latticini freschi. Il formaggio Exquisa Fresco Cremoso Fitline dimostra ancora una volta la capacità di Exquisa di rinnovare la sua offerta, intercettando le esigenze dei consumatori e proponendo prodotti deliziosi e salutari.

Un approfondimento sulla quinoa

La quinoa gioca un ruolo fondamentale in questa torta salata. Stiamo parlando di un “falso cereale”. Tecnicamente è un legume, invece nei fatti “si comporta” come il frumento, a tal punto che può essere trasformato in farina e fungere da base per gli impasti più svariati. In questo specifico caso, però, la quinoa va cotta e unita agli altri ingredienti del ripieno. Per cuocere la quinoa è sufficiente lessarla in acqua bollente, un po’ come si farebbe con il farro. Per l’occasione potete utilizzare tutte le varietà della quinoa attualmente in commercio: bianca, rossa o nera non fa differenza. Sappiate, però, che la rossa e la nera contengono più antiossidanti di quella bianca.

Torta salata con quinoa

La quinoa è un alimento che merita di essere integrato in qualsiasi regime alimentare, infatti si difende molto bene dal punto di vista nutrizionale. In primis non è solo ricca di carboidrati, ma anche di proteine. Esse corrispondono al 14% della sua struttura, una percentuale vicina a quella della carne. La quinoa abbonda anche di sali minerali, e in particolare di magnesio, potassio, zinco e ferro. Si segnala anche una spiccata concentrazione di fibre insolubili, che sono le migliori in quanto a benefici per l’apparato digerente. L’apporto calorico, poi, è del tutto paragonabile a quello dei cereali, infatti siamo sulle 370 kcal per 100 grammi.

Tutta la bontà e il valore nutrizionale delle barbabietole

Anche le barbabietole giocano un ruolo importante in questa torta salata con quinoa. Con il loro sapore leggermente dolciastro, infatti, bilanciano la sapidità e la corposità della quinoa. Il consiglio, ovviamente, è quello di cuocere le barbabietole prima di inserirle nel ripieno. Se utilizzate le barbabietole fresche, è sufficiente bollirle in acqua per qualche minuto. Se utilizzate quelle surgelate, dovrete passarle sempre nell’acqua bollente, ma per poco tempo (prima a fiamma alta e poi a fiamma bassa).

Le barbabietole vantano delle eccellenti proprietà nutrizionali, in particolare sono ricche di antocianine, sostanze responsabili del colore e in grado di fungere da antiossidanti. In virtù di ciò, supportano i processi di riproduzione cellulare, riducono lo stress ossidativo e gli effetti dei radicali liberi. Le barbabietole sono anche ricche di vitamine, in primis di vitamina C, che rafforza il sistema immunitario e svolge (proprio come le antocianine) una funzione antiossidante. Stesso discorso per i sali minerali, in particolare le barbabietole contengono potassio, un importante oligoelemento che impatta positiva sulle performance dell’apparato cardiocircolatorio. L’apporto calorico è praticamente trascurabile, nello specifico è pari a 40 kcal per 100 grammi.

Ecco la ricetta della torta salata con quinoa, barbabietole e formaggio cremoso:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di pasta brisée consentita,
  • 100 gr. di formaggio Exquisa Fresco Cremoso Fitline,
  • 100 gr. di barbabietole precotte,
  • 300 gr. di quinoa cotta,
  • 120 gr. di piselli cotti,
  • 100 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • 2 uova,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della torta salata con quinoa e barbabietole iniziate riscaldando il forno a 180 gradi. Poi riducete le barbabietole a dadini molto piccoli. Versate questi ultimi in una ciotola e unite il Parmigiano, i piselli, la quinoa e il formaggio cremoso Exquisa. Mescolate con cura, poi aggiungete le uova e continuate a mescolare regolando con un po’ di sale e un po’ di pepe.

Ora stendete la pasta brisée su una teglia rivestita di carta da forno e distribuite il composto, ripiegando i bordi come vedete in foto. Cuocete al forno per 20 minuti a 180 gradi. La torta va consumata calda, ma è buona anche tiepida.

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...

Torta salata con scarola

Torta salata con scarola, uno snack gustoso

Torta salata con scarola capperi e acciughe, una ricetta nichel free La torta salata con scarola, capperi e acciughe è un’idea particolare per una merenda salata gustosa e anti intolleranze. La...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti