Pomodori ripieni di Trahanas, un piatto unico

Pomodori ripieni di Trahanas
Commenti: 0 - Stampa

Perché i pomodori ripieni di Trahanas sono così speciali?

I pomodori ripieni di Trahanas e verdure si inseriscono nel solco dei pomodori ripieni di tipo mediterraneo, una classe di pietanze particolarmente ricorrente dalla Spagna al Medio Oriente. Tuttavia, la ricetta che vi presento oggi differisce, e di molto, dai pomodori ripieni nostrani. I pomodori ripieni cui siamo abituati, e che provengono dalla Calabria e dalla Sicilia, sono in genere farciti con un composto a base di mollica. Questi, invece, sono farciti con per altri ingredienti che richiamano inequivocabilmente all’origine greca. Il riferimento è alla Trahanas, una pietanza molto consumata in Grecia e, in generale, nel Mediterraneo Orientale (Turchia, Cipro, Libano etc.). Della Trahanas parlerò nel prossimo paragrafo.

In questo, vorrei soffermarmi sul pomodoro, un ingrediente mai troppo celebrato. I pomodori sono tra gli alimenti più salutari in assoluto, oltre ad abbondare di vitamine e sali minerali contengono altre sostanze preziose. Sono ricchi di potassio, di vitamina A e vitamina C (più di quanto lo siano gli agrumi). Soprattutto contengono il licopene, un potente antiossidante che giova all’organismo a più livelli, stimolando i processi di rigenerazione cellulare e allontanando il rischio di contrarre il cancro. Va detto che il licopene è presente soprattutto nella buccia, dunque il consiglio è, laddove possibile, di consumare i pomodori senza sbucciarli. Il pomodoro è anche ricco di acidi organici come il malico e il succinico, che tra le altre cose favoriscono la digestione. Il tutto al costo di un apporto calorico davvero basso, pari a 30 kcal per 100 grammi.

Le principali caratteristiche della Trahanas

Potremmo affermare che l’ingrediente principale di questi pomodori ripieni sia proprio la Trahanas. Sicuramente è l’ingrediente che più caratterizza la pietanza, almeno rispetto agli analoghi della cucina italiana. Ma cos’è la Trahanas nello specifico?  Ebbene, sia il processo di preparazione che il sapore potrebbero risultare estranei alla nostra tradizione, rivelando piuttosto la commistione tra cultura greca e cultura araba. In parole povere la Trahanas è un composto di grano e yogurt, sottoposto a un processo di disidratazione e fermentazione.

Pomodori ripieni di Trahanas

È un alimento molto versatile che può essere utilizzato sia per un consumo in solitaria sia come ingrediente di molte ricette, dolci o salate che siano. Può essere consumato a colazione, un po’ come si farebbe con i fiocchi d’avena, oppure comporre deliziose farciture come nel caso dei pomodori ripieni di Trahanas. La presenza di questo alimento dona al pomodoro ripieno un sapore leggermente acidulo e gradevole al palato, senza per questo aggiungere ulteriore pesantezza, almeno rispetto alla variante italiana (quella con la farcitura in mollica). Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo su livelli simili a qualsiasi altra miscela che prevede la presenza di farina o di grano, dunque sulle 300 kcal per 100 grammi.

Quale cipolla utilizzare per questo piatto?

Tra gli ingredienti dei pomodori ripieni di Trahanas figura la cipolla, il cui scopo è comporre il soffritto per la cottura del Trahanas. Come avrete sicuramente notato, manca qualsiasi riferimento alla varietà di cipolla. Rossa? Bianca? Dorata? In realtà ho inteso concedere un certo margine di discrezione, almeno da questo punto di vista. Anche perché, a prescindere dalla varietà di cipolla, il soffritto che ne ricaverete servirà allo scopo, ovvero quello di facilitare la cottura della Trahanas e renderla più saporito. Ciò non toglie che si possano fare ragionamenti sul tipo di cipolla migliore e su quella più adatta alla preparazione del soffritto.

Ebbene, la cipolla migliore in questo caso è quella dorata. In primis perché resiste alle alte temperature meglio di quanto non faccia quella bianca e soprattutto quella rossa. Inoltre aggiunge un tocco di piccantezza, che risulterebbe eccessiva nel consumo a crudo. Non è un caso che le cipolle più adatte all’insalata, specie quella di pomodori, siano proprio quelle rosse. Va detto, poi, che a prescindere dalla verità, le cipolle presentano grossomodo le stesse proprietà nutrizionali, se escludiamo le antocianine presenti maggiormente nella cipolla rossa. In ogni caso siamo di fronte a un ingrediente che, per quanto di supporto, non lascia a desiderare per proprietà nutrizionali.

Ecco la ricetta dei pomodori ripieni di Trahanas e verdure:

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 pomodori,
  • 100 gr. di Trahanas,
  • 1 zucchina,
  • 1 carota,
  • una cipolla,
  • 1 peperone,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei pomodori ripieni di Trahanas iniziate facendo bollire quest’ultima per 5 minuti. Intanto rimuovete la parte superiore dei pomodori e svuotateli per bene, poi riducete la polpa a cubetti. Sbucciate e riducete a cubetti anche le altre verdure. Della cipolla, invece, realizzate un trito. Fate rosolare il tutto in una padella con pochissimo olio, dovrebbe bastare un paio di minuti. A questo punto aggiungete la Trahanas cotta e fatta saltare un po’ in padella. Mescolate per bene il composto e riempite i pomodori, poi riponeteli su una teglia ricoperta da carta da forno. Irrorate con un po’ d’olio e cuocete per 15 minuti circa a 180 gradi. Servite il piatto caldo e buon appetito!

5/5 (456 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.


16-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti