Gamberi viola in salsa pil pil, una ricetta basca

Gamberi viola in salsa pil pil
Commenti: 0 - Stampa

Gamberi viola in salsa pil pil, un modo diverso di intendere i crostacei

I gamberi viola in salsa pil pil sono una specialità della cucina basca, ma molto diffusa anche nel resto della Spagna. Vantano un ingrediente d’eccezione, il gambero viola, un crostaceo piuttosto pregiato, forse ancora più pregiato della più conosciuta variante rossa. Se non altro, perché è più difficile da pescare, infatti vive a profondità ancora più elevate. E’ considerato più pregiato del gambero rosso anche in virtù del sapore delle sue carni, che è davvero delicato. Per inciso, si chiama “viola” in quanto vanta piccole sfumature violacee e azzurrognole, dall’esterno è però indistinguibile dal gambero rosso.

Anche le proprietà nutrizionali sono simili, infatti è una buona fonte di proteine, che possono raggiungere anche i 17 grammi ogni 100. E’ ricco di vitamine, e in particolare di quelle del gruppo B. Stesso discorso per i sali minerali, con esplicito riferimento al ferro, al calcio e soprattutto al fosforo. Contiene una discreta dose di grassi, considerati “buoni”, come gli o acidi grassi omega tre, che giovano all’apparato cardiovascolare, alla funzione visiva e a quella cognitiva. Per quanto concerne l’apporto calorico, siamo su livelli molto bassi: 100 grammi di gambero viola contengono solo 85 kcal. Dunque, stiamo parlando di un alimento compatibile con qualsiasi tipo di regime alimentare.

Una ricetta semplice e gustosa

Quando si pensa al gambero, ed in particolare ai gamberi viola in salsa pil pil, il pensiero corre all’alta cucina, dunque a ricette complicate e difficilmente replicabili dalle persone comuni. E’ vero, i gamberi in generale sono una specie pregiata, ma anche versatile. Dunque, possono essere protagonisti di ricette semplici, alla portata di tutti. E’ il caso dei gamberi viola in salsa pil pil, che tra le altre cose sono una pietanza molto popolare. L’unico elemento di difficoltà è dato dalla pulitura del gambero, che deve essere certosina, per questo rimuovere la corazza ed estrarre gli intestini senza rovinare la polpa è un passaggio tutt’altro che facile.

Gamberi viola in salsa pil pil

Per il resto non rimane altro che cuocerli in padella, con abbondante olio e la celebre salsa pil pil, a cui dedicherò il prossimo paragrafo. L’intero procedimento dura meno di dieci minuti dunque, materia prima permettendo, si configura come un piatto che coniuga eleganza, gusto e nutrimento. Un accorgimento da mettere in pratica riguarda l’olio, ossia è bene non lesinare sulle quantità dal momento che i gamberi devono essere letteralmente “immersi” (ciò facilità la cottura e li rende più saporiti). Se lo desiderate, potete aggiungere le fette di pane tostato, da servire in accompagnamento.

Come fare la salsa pil pil per i nostri gamberi viola?

Questa pietanza ha due elementi particolari, che tra le altre cose sono riportate nel suo nome: la presenza del gambero viola e quella della salsa pil pil. Del gambero viola ho già parlato, dunque non rimane che parlare della salsa pil pil. Il nome è abbastanza strano, e infatti ha una derivazione basca. Gli ingredienti necessari per la sua realizzazione sono comuni e facilmente reperibili. La salsa pil pil, infatti, viene realizzata con l’aglio, il peperoncino e la paprika. Tale composto va brevemente rosolato per accogliere i gamberi (quasi fosse un soffritto). La salsa pil pil valorizza soprattutto le carni, che già di loro vantano una certa delicatezza (come quelle del gambero viola).

L’unico ingrediente che potrebbe far storcere il naso a qualcuno è l’aglio. Viene, infatti, percepito come un alimento pesante, che genera effetti collaterali di un certo rilievo, tra cui bruciore di stomaco e alito cattivo. C’è da dire, però, che tale effetto dipende dalle dosi. Certamente non correte alcun rischio in questa ricetta, visto che le dosi consigliate sono minime. E comunque ne vale la pena, visto che l’aglio è comunque un alimento salutare, ricco di vitamine, sali minerali e antiossidanti.

Ecco la ricetta dei gamberi viola in salsa pil pil:

Ingredienti per 6 persone:

  • 800 gr. di gamberi viola,
  • 4 spicchi di aglio,
  • 1 peperoncino piccante,
  • q. b. di paprika,
  • 1 mazzetto di prezzemolo,
  • 1 filone di pane consentito,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei gamberi viola in salsa pil pil iniziate affettando l’aglio e tritando il peperoncino. In una ciotola versate l’aglio, il peperoncino, la paprika e mescolate tutto con cura. Ora rimuovete il guscio dai gamberi e tirate via il filo intestinale. In una tegame di coccio versate un po’ di olio d’oliva, il composto all’aglio e accendete il fuoco.

Una volta che il composto si sarà dorato, versate anche i gamberi (che devono risultare quasi immersi nell’olio). Cuocete per qualche minuto e servite subito, guarnendo con il trito di prezzemolo. Accompagnate il piatto, se lo gradite, con del pane affettato e ben tostato. Buon appetito!

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti