Tartare di gambero rosso, un antipasto davvero delicato

Tartare di gambero rosso
Commenti: 0 - Stampa

Tartare di gambero rosso, un’azzeccata scelta di ingredienti

La tartare di gambero rosso è un’idea sfiziosa per un antipasto che sappia coniugare eleganza, gusto e semplicità. Anche l’impatto visivo è davvero gradevole, come potete ammirare in foto. Si tratta di una pietanza piuttosto colorata, che valorizza i momenti di convivialità. Tecnicamente, è una crudité, sebbene la materia prima principale, ovvero il gambero rosso, venga comunque sottoposto al processo di marinatura. Esso, a dire il vero, dura appena un quarto d’ora ed è realizzato con succo di lime e olio. Stiamo parlando quindi di una marinatura leggera, ma che ben si sposa con la purezza della polpa di gambero. Quest’ultima stupisce non solo per il sapore ma anche per le sue proprietà nutrizionali, infatti è una buona fonte di proteine, che rappresentano circa il 17% della sua struttura, un livello paragonabile a quello delle carni rosse.

I grassi, a dispetto di quanto l’immaginario collettivo suggerisce, non sono presenti in grandi quantità. I pochi che ci sono, poi, sono grassi buoni, ovvero recano benefici all’organismo e in particolare all’apparato cardiovascolare, il riferimento è ovviamente agli acidi grassi omega tre. Caso più unico che raro, il gambero contiene tanta vitamina C, oltre a quelle del gruppo B. Si difende bene anche in quanto a sali minerali, dal momento che abbonda di calcio, ferro, magnesio e soprattutto fosforo. L’apporto calorico è relativamente contenuto, pari a 90 kcal per 100 grammi (al netto degli scarti). Come già accennato, la polpa di gambero si presta alle cruditè e alle tartare, tuttavia occorre fare molta attenzione nella loro preparazione. Per esempio, un consiglio potrebbe essere quello di sminuzzarli finemente per avere delle ottime tartare di gambero rosso.

Una crema di ceci davvero speciale per la nostra tartare di gambero rosso

Uno dei punti di forza di questa tartare di gambero rosso è la presenza di una crema di ceci “rinforzata”, ossia che si caratterizza per la commistione con un ingrediente particolare, l’avocado. Il consiglio è di acquistarla già pronta, piuttosto che cimentarvi in una preparazione propria (non è così semplice). Nello specifico, optare per l’Hummus Ceci & Avocado NOA di Exquisa.

Tartare di gambero rosso

Si tratta di un hummus prodotto da Exquisa, azienda italiana in grado di stupire per l’originalità e la salubrità dei suoi prodotti. Questo hummus è un vero concentrato di sapori ed elementi nutritivi. Come scoprirete al primo assaggio, i ceci e l’avocado si valorizzano a vicenda, sia per ciò che concerne il gusto sia per quanto riguarda la texture, che risulta pastosa e vellutata. Il valore nutrizionale è straordinario e rivela una spiccata abbondanza di proteine, acidi grassi omega tre, vitamina B, potassio e sali minerali. Ovviamente il prodotto è privo di glutine e conservanti, come da tradizione di Exquisa.

Un tocco di creatività con la granella di mandorle

Un altro pregio di questa tartare di gambero rosso con hummus di ceci è la capacità di mettere assieme sapori all’apparenza agli antipodi, come i ceci, l’avocado, la polpa di gambero e la mandorla. Per quanto possa apparire strana, o addirittura fuori luogo, la presenza della mandorla in un antipasto salato è in realtà più che apprezzabile, anzi conferisce “profondità organolettica” a questo deliziosa ricetta.

La mandorla viene introdotta in fase di marinatura, ma ovviamente viene conservata insieme agli altri ingredienti, in modo da valorizzare il tortino con la sua texture consistente e il retrogusto dolce. Tra l’altro la mandorla è un alimento prezioso, infatti contiene grassi buoni come i già citati omega tre, ma anche il fosforo e il magnesio. L’apporto calorico è elevato e sfiora le 600 kcal per 100 grammi, anche se non è affatto la frutta secca più grassa.

Ecco la ricetta della tartare di gambero rosso con hummus di ceci e avocado:

Ingredienti per 4 persone:

  • 10 gamberi rossi di Mazara,
  • 1 cucchiaino di succo di lime,
  • 40 gr. di granella di mandorle,
  • 120 gr. di Hummus Ceci & Avocado NOA di Exquisa,
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle tartare di gambero rosso iniziate occupandovi dei gamberi: lavateli, rimuovete la testa, la coda e il guscio, poi sfilate la parte nera al centro con un movimento delicato. Ora fate a pezzetti piccolissimi la polpa, regolate di sale e aggiungete la granella di mandorle e il succo di lime. Infine, versate due cucchiai di olio e mescolate il tutto prima di marinare per circa 15 minuti.

Adesso realizzate i tortini, aiutandovi con un coppapasta. Iniziate adagiando sulla base qualche cucchiaino di crema di ceci e avocado, poi mettete sopra un paio di cucchiai di gambero rosso marinato (ossia di tartare). Sfilate il coppapasta e ripetete il procedimento fino a quando non avrete terminato gli ingredienti. A questo punto la ricetta è pronta per essere servita, magari con una bella insalata. Buon appetito!

5/5 (396 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti