Crocchette di patate con chorizo, un piatto delizioso

Crocchette di patate con chorizo
Commenti: 0 - Stampa

Crocchette di patate con chorizo, una rosticceria molto speziata

Le crocchette di patate con chorizo e manchego sono pezzi di rosticceria tipici della cucina spagnola. Per certi versi, sono praticamente identici alle nostre crocchette di patate, ma presentano almeno due particolarità. Queste crocchette, infatti, sono formate da due ingredienti tipici dell’agroalimentare iberico e che in Italia sono poco conosciuti: il chorizo, che è una classe di insaccati, e il manchego, che è un formaggio castigliano. Questi ingredienti si sposano alla perfezione con gli altri e concorrono a formare una crocchetta incredibilmente saporita e gustosa. Approfondirò il chorizo e il manchego nei prossimi paragrafi, in questo vorrei soffermarmi sul procedimento.

Il procedimento non differisce da quello adottato in Italia. Si tratta, infatti, di creare una purea di patate molto densa, da condire in vario modo, da impanare e friggere. Anche la panatura è piuttosto classica e consiste nel classico passaggio nelle uova sbattute e nel pangrattato. Per quanto concerne il metodo di cottura, esso è naturalmente la frittura. A tal proposito è sufficiente mettere in campo gli accorgimenti utili alla realizzazione di qualsiasi altra frittura. Per esempio, è bene abbondare con l’olio e portarlo alla temperatura di 170 °, prima di immergere le crocchette.

Cos’è il chorizo e quali sono le sue caratteristiche

Abbiamo già accennato al chorizo nel paragrafo precedente, a proposito delle nostre crocchette di patate. Si tratta di una tipologia di insaccato tipico del Portogallo, della Spagna e di Andorra. Una variante di chorizo piuttosto saporita è diffusa anche in Sudamerica, e in particolare in Argentina e in Uruguay. Il chorizo ha molto in comune con la salsiccia, anche perché la stagionatura è minima o addirittura assente. D’altronde si realizza tipicamente con un trito a base di carne bovina e suina. Il chorizo è tradizionalmente ben speziato, sebbene sia utilizzata soprattutto la paprika. E’ proprio questa spezia a donargli il caratteristico colore rosso e una piccantezza significativa, superiore alla maggior parte degli altri insaccati.

Crocchette di patate con chorizo

Il chorizo, un po’ come la nostra ‘nduja, viene spesso utilizzato per realizzare antipasti in quanto le varianti meno stagionate si caratterizzano per una certa spalmabilità. Allo stesso modo, può essere impiegato anche per realizzare delle salse, magari in aggiunta al pomodoro e ad altre spezie. Proprio in virtù della sua consistenza morbida, può fungere da ingrediente per realizzare impasti di piatti salati, come accade per queste crocchette di patate. Il consiglio, tuttavia, è quello di tagliarlo a pezzi molto piccoli, solo in questo modo si potrà favorire un’amalgama completa con la purea di patate.

Il contributo del manchego nelle crocchette di patate con chorizo

Possiamo definire il manchego, utilizzato nelle crocchette di patate con chorizo, come il ”pecorino spagnolo”. Anche perché, nonostante sia riconducibile a una zona specifica (la regione di La Mancha), è in realtà diffuso in tutto il territorio iberico. Il manchego è realizzato con latte di pecora dell’omonima razza. E’ un formaggio DOP, un marchio che indica l’origine geografica ed è sinonimo di qualità. Ad ogni modo, si caratterizza per una stagionatura piuttosto breve, raramente superiore ai sei mesi.

In virtù di ciò, la consistenza è abbastanza morbida, invece il colore è tendenzialmente chiaro, con punte di avorio o giallo, a seconda del tempo di stagionatura. Il sapore è piuttosto forte, leggermente acidulo e – nelle varianti più stagionate – piuttosto piccante. La modalità di consumo è praticamente identica a quella del nostro pecorino, dunque può essere impiegato anche per valorizzare ricette salate di vario genere. Certamente è in grado di valorizzare queste gustosissime crocchette di patate.

Ecco la ricetta delle crocchette di patate con chorizo e manchego:

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 gr. di patate farinose,
  • 150 gr. di manchego,
  • 150 gr. di chorizo,
  • 1 mazzetto di basilico,
  • 2 uova,
  • 200 gr. di pane grattugiato consentito,
  • olio per friggere,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle crocchette di patate con chorizo e manchego iniziate cuocendo le patate con il metodo a vapore, pelatele e riducetele in purea con lo schiacciapatate. Aggiungete il manchego e il chorizo, precedentemente tagliati a cubetti, un bel trito di basilico e un pizzico di sale e di pepe.

Mescolate e manipolate l’impasto formando delle crocchette. Bagnatele prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Infine, friggetele nell’olio caldo. Prima di consumarle, lasciatele un po’ ad asciugare sulla carta assorbente.

5/5 (395 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti