Tramezzini al formaggio, spuntino a prova di bambino

Tramezzini al formaggio
Commenti: 0 - Stampa

Tramezzini al formaggio, uno spuntino tra il gastronomico e il creativo

Lo avrete già capito dando un’occhiata alla foto, questi che vi propongo oggi non sono tramezzini al formaggio “normali”. Sono una preparazione dedicata ai bambini, da sfoderare durante una festa di compleanno in modo da offrire loro uno spuntino buono e nutriente, ma anche in linea con il loro spirito giocoso e, in un certo senso, “divertenti”. Di base si tratta di classici tramezzini al formaggio. A segnare una differenza rispetto alla versione “da adulti” è la decorazione. Io vi propongo una decorazione a forma di smile, dove i peperoni formano la bocca, i capperi gli occhi e le olive il naso.

Per il resto stiamo parlando di classici tramezzini, dunque composti da due strati di morbido pane bianco, formaggio e un insaccato, in questo caso il prosciutto cotto. Ovviamente sarebbe andato bene qualsiasi altro salume, ma ho optato per il prosciutto cotto in quanto particolarmente adatto ai bambini, visto il suo sapore delicato e tendente al dolce. Per un gusto più pieno e allo stesso tempo salutare, potete semplicemente rimuovere le parti grasse. In questo modo i tramezzini, oltre a essere “buoni e belli” saranno anche abbastanza leggeri, l’ideale per uno spuntino capace di apportare i nutrienti essenziali senza però appesantire.

Quale formaggio scegliere per i nostri tramezzini?

Quando si parla di tramezzini sorge sempre qualche dubbio sugli ingredienti, e in particolare sul formaggio. Quale formaggio utilizzare? Uno a breve stagionatura, morbido, cremoso o dal sapore pieno? In questo caso consiglio di utilizzare il formaggio a fette di Bayerland senza lattosio. In primis perché è un prodotto di assoluta qualità, realizzato con il latte di mucche allevate nelle alpi bavaresi. Secondariamente perché è “comodo”, infatti è venduto nelle vaschette tagliato a fette e pronto per essere integrato nelle ricette più disparate.

Tramezzini al formaggio

Un’altra caratteristica importante del formaggio a fette Bayerland è proprio l’assenza di lattosio. Non è un dettaglio da poco se si considera che le intolleranze al lattosio sono incredibilmente diffuse e che insorgono spesso durante l’infanzia. Il processo di rimozione del lattosio è al 100% naturale, in quanto ottenuto mediante l’esposizione del latte all’enzima lattasi, che scompone il lattosio in glucosio e galattosio. Si tratta della stessa reazione che viene naturalmente nell’organismo, ma che gli intolleranti non sono capaci di attivare. Tra l’altro, questo procedimento non incide minimamente sul gusto, sicché il formaggio a fette Bayerland è buono come gli analoghi con lattosio, anzi persino più buono.

Perché i peperoni fanno bene alla salute?

I peperoni giocano un ruolo importante nella ricetta dei tramezzini al formaggio. Anche perché è un ruolo duplice, da un lato nutrono con gusto, dall’altro sono ideali per realizzare qualsiasi tipo di decorazione. Personalmente consiglio di tagliarli a listarelle molto fini e, con queste, disegnare un bel sorriso sulla superficie del tramezzino. Gli occhi invece saranno formati dai capperi e il naso dalle olive. Ad ogni modo, il peperone è un alimento prezioso, apprezzato più o meno da chiunque per via del suo sapore, ma spesso oggetto di pregiudizi. Per esempio, quello secondo cui sarebbe pesante e difficile da digerire.

Ebbene non è così, in genere l’eventuale digeribilità o meno è data da una cottura pesante (ad esempio la frittura) o dalla presenza della buccia; quindi è sufficiente sbucciarli per renderli davvero digeribili. Per il resto, i peperoni si caratterizzano per le elevate concentrazioni di vitamina C, che è superiore persino alle quantità presenti nelle arance. Si caratterizzano anche per le elevate dosi di potassio e per le proprietà diuretiche. Un’altra presenza importante è quella della vitamina A, che in questo caso esercita una funzione antiossidante, capace di contrastare l’azione dei radicali liberi (e quindi contribuire alla prevenzione del cancro).

Ecco la ricetta dei tramezzini al formaggio:

Ingredienti:

  • 8 fette di pane bianco per tramezzino consentito,
  • 8 fette di formaggio a fette Bayerland senza lattosio,
  • 1 falda di peperone rosso,
  • 8 fette di prosciutto cotto,
  • q. b. di capperi,
  • qualche oliva nera,
  • qualche filo di erba cipollina.

Crema al burro e senape:

  • 3 tuorli,
  • 50 gr. di burro chiarificato,
  • 1 pizzico senape.

Preparazione:

Per la preparazione dei tramezzini al formaggio iniziate versando nel bicchiere del frullatore i tuorli, un po’ di senape e il burro chiarificato. Poi frullate fino a quando non avrete ottenuto una crema uniforme.

Prendete una fetta di pane, adagiate prima una fetta di formaggio, poi una di prosciutto cotto e per finire uno strato di crema alla senape che avete preparato. Completate il tramezzino con un’altra fetta di pane.

Ritagliate il tramezzino come meglio credete, magari ricreando dei tondini con il coppapasta.

Infine decorate. Io consiglio di utilizzare il peperone tagliato a listarelle fini per la bocca, i capperi per gli occhi, e l’erba cipollina insieme ad un’oliva per fare il naso e i baffi.

Ripetete il procedimento per realizzare gli altri tramezzini.

5/5 (435 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti