Costine morbide e succose, un secondo all’americana

Costine morbide

Costine morbide all’americana, il segreto della carne a stelle e strisce

Le costine morbide e succose sono un classico della cucina americana, spesso guardata con un po’ di pregiudizio, ma che in realtà può offrire molto, soprattutto per quanto riguarda la carne. Infatti, si può affermare che gli Stati Uniti, soprattutto quelli del sud (Texas in primis) vantino una grande tradizione su come cucinare la carne. L’approccio è leggermente diverso da quello europeo e in particolar modo italiano. Per esempio, si predilige una cottura ben rifinita, quasi mai al sangue. Inoltre, un ruolo importante è ricoperto dalle salse, spesso corpose e ricche di ingredienti.

E’ il caso di queste costine, che ricalcano in pieno la tradizione americana. Della salsa parlerò in un prossimo paragrafo, qui, però, vorrei soffermarmi sulle proprietà nutrizionali di un piatto davvero eccellente. La cucina degli Stati Uniti è considerata “grassa”, ma in questo caso i benefici superano di gran lunga qualsiasi possibile preoccupazione riguardante le calorie. Le costine sono un taglio di carne particolarmente sano, poco grasso, tenero. Se si opta per le normali costolette di suino, si registra un’elevata quantità di vitamine B1 e B3, nonché una buona concentrazione di sali minerali, soprattutto ferro, potassio e fosforo.

Un procedimento elaborato ma dal sapore unico

A cuocere la carne sono capaci tutti, a “cucinarla” e soprattutto a farlo bene, decisamente no. Queste costine ne sono l’esempio, dal momento che suggeriscono alcuni trucchetti interessanti Per esempio, viene preferita la cottura al forno a quella alla griglia, che consente di risparmiare sull’impiego di grassi aggiunti. Una chicca per nulla scontata è l’uso della carta da forno. In maniera assolutamente controintuitiva questa viene posta sopra la carne e non sotto. Lo scopo è infatti di produrre una cottura uniforme, evitando così che il lato esposto si cuocia prima degli altri o addirittura si abbrustolisca eccessivamente.

Costine morbide

Un’altra tecnica poco o per nulla praticata da chi si limita a “cuocere” la carne consiste nella marinatura in frigo, che assolve a una doppia funzione: pre-cuocere la carne e soprattutto conferire un sapore particolare e speziato. Stesso discorso per l’impiego della salsa, che funge sia da accompagnamento che da ingrediente di cottura, infatti viene spennellata sulla carne regolarmente durante la cottura al forno.

Una salsina speciale per delle costine succulenti

Una dei protagonisti di questa ricetta è la salsa. Non una salsa qualsiasi, bensì una preparazione a parte, molto corposa e ricca di ingredienti. La base, comunque, è la Worcestershire, una salsa non molto consumata in Italia, originaria del Regno Unito e parecchio diffusa nei paesi anglofoni, dove è considerata una specie di istituzione. La Worcestershire è realizzata con cipolla, aglio, acciughe, aceto e tamarindo. E’ una salsa pregiata, anche perché la preparazione è piuttosto complessa, e prevede un lungo periodo di invecchiamento.

Per questa ricetta, la Worcestershire è arricchita da altri ingredienti, quali il miele e l’aceto. La salsa che se ne ricava può essere impiegata come accompagnamento ma è soprattutto necessaria per la cottura. Infatti, viene spennellata più volte sulla carne mentre cuoce in forno, a intervalli regolari di circa cinque minuti. Il risultato, ve lo posso assicurare, è davvero straordinario!

Ecco la ricetta delle costine morbide e succose all’americana

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 costine non tagliate;

Per la marinatura:

  • 1 spicchio di aglio;
  • 1 cucchiaino di senape in polvere;
  • un cucchiaino di paprika in polvere;
  • 1 cucchiaino di peperoncino in polvere;
  • una tazza di zucchero di canna;
  • 1 cucchiaino di sale.

Per la salsa:

  • 1 cipolla rossa;
  • 100 gr. di ketchup;
  • 40 ml di miele;
  • 20 ml di aceto di mele;
  • 1 cucchiaio di paprika;
  • 2 cucchiai di Worcestershire sauce;
  • 20 gr. di zucchero di canna;
  • 1 spicchio di aglio.

Preparazione:

Per la preparazione delle costine iniziate rimuovendo la buccia dell’aglio e spremetelo leggermente. In un’ampia ciotola versate tutti gli ingredienti per la marinatura, mescolate per bene e bagnate le costine su ogni lato. Massaggiate le costine per far assorbire la marinatura, poi coprite con della pellicola trasparente e conservare in frigo per almeno 6 ore. Nel frattempo occupatevi della salsa, tagliate finemente la cipolla e fatela imbiondire in un pentolino. Aggiungete gli altri ingredienti della salsa e cuocete a fuoco lento per tre quarti d’ora.

Frullate infine il tutto ed aggiustate a piacimento. Estraete le costine dal frigorifero e adagiatele su una pirofila ricoprendole con carta da forno, poi cuocete a 175 gradi per circa 2 ore. A questo punto rimuovete la carta, aumentate la temperatura a 220 gradi e date una spennellata di salsa su tutti i lati delle costine. Cuocete così per altri 5 minuti, poi date un’altra spennellata e girate le costine. Cuocete per altri 5 minuti ancora. Continuate così fino a quando la carne non si staccherà dall’osso. Infine tagliate a pezzi le costine e servite su un tagliere accompagnando con una coppetta di salsa che avete preparato ed una di Worcestershire.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


28-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti