Torta di cous cous : buona e facile da preparare

Torta di cous cous
Commenti: 0 - Stampa

Il segreto della torta di cous cous

La torta di cous cous non è una torta come le altre. Infatti, non viene realizzata con farine derivanti dal grano tenero, bensì con il cous cous. E’ una scelta apparentemente azzardata, dal momento che questo ingrediente viene utilizzato principalmente per le composizioni salate. E’ tuttavia una scelta che ripaga in termini di gusto e valori nutrizionali. Ciò è merito del cous cous in generale, ma anche del cous cous utilizzato in questa specifica ricetta. Ne parleremo nel prossimo paragrafo.

Ad ogni modo, la torta al cous cous spicca anche per la facilità di preparazione. I passaggi sono pochi e tutti semplici da realizzare. Già la prima volta, anche chi è poco esperto nella preparazioni dei dolci, sarà in grado di realizzare una torta al cous cous degna di questo nome. D’altronde, anche la scelta degli altri ingredienti, tutti facili da lavorare, si muove esattamente in questa direzione.

Il cous cous Probios

Questa ricetta non andrebbe realizzata con un cous cous qualsiasi, bensì con il cous cous Probios. Non è un cous cous qualsiasi: è infatti prodotto a partire da cereali selezionati, biologici, coltivati in maniera assolutamente naturale. Ciò impatta decisamente sui valori nutrizionali, che sono molto più alti della media.

Torta di cous cous

D’altronde, a produrre questo particolare cous cous è Probios, leader del settore italiano dell’alimentazione biologica da almeno 40 anni. E’ un’azienda convinta che il mangiar sano dipenda dal “coltivare sano”, e che propone in tutto il mondo una filosofia che coniuga rispetto dell’ambiente, sostenibilità, qualità nutrizionale e gustativa. Le linee di Probios sono numerose, a tal punto da offrire al cliente tutto il necessario per una dieta sana, che giovi tanto al palato quanto all’organismo.

Una crema pasticcera speciale

L’altro segreto di questa torta al cous cous è dato dalla crema pasticcera. Anche in questo caso, non siamo di fronte a una crema pasticcera qualsiasi. Infatti, agli ingredienti tradizionali se ne aggiungono altri, capaci di valorizzarsi a vicenda e impreziosire il dolce nel suo complesso. Il riferimento è in particolare al cocco rapè.

Il cocco rapè non deve essere confuso con la farina di cocco. Quest’ultima infatti presenta una grana molto più fine ed è difficilmente reperibile. Il cocco rapè, invece, ha una texture molto grossolana e si trova con relativa facilità. Entrambi, comunque, vantano delle proprietà nutrizionali eccellenti, che derivano appunto dal cocco stesso. Il riferimento è alla quantità piuttosto elevata di fibre, vitamine e proteine. L’unico difetto consiste nell’apporto calorico, che non è trascurabile. Ad ogni modo, in questa ricetta almeno, viene impiegato in dosi così basse da non rappresentare un problema in questo senso.

Ecco la ricetta della torta di cous cous

Ingredienti per 8-10 persone:

Per il cous cous:

  • 125 gr di cous cous Probios
  • 125 ml di latte intero
  • 2 cucchiai di cocco rapè
  • 75 gr di zucchero di canna finissimo
  • 10 gr di burro

Per la crema pasticcera:

  • 3 tuorli
  • 350 ml di latte intero
  • 4 cucchiai di cocco rapè
  • 60 gr di zucchero di canna finissimo
  • 2 gocce di essenza di mandorle
  • 4 – 5 quadretti di cioccolato bianco 33%

Per la guarnizione:

  • 3 cucchiai di cocco rapè
  • 1 cucchiaio di mandorle tritate finemente
  • 4 – 5 cubetti di cioccolato bianco tagliati grossolanamente
  • q. b. di zucchero a velo

Preparazione:

Riscaldate il cocco all’interno del latte e lasciatelo in infusione per circa dieci minuti e filtrate. Riscaldate il liquido che avete ricavato dal filtraggio e versateci il cous cous; dopo cinque minuti (o una volta gonfiato), aggiungete burro e zucchero. Infine, sgranate il composto utilizzando le mani, poi aggiungete tre cucchiai di cocco e le gocce di essenza di mandorle. Fate riposare.

Preparate la crema pasticcera secondo la ricetta tradizionale, avendo cura di infondere e filtrare il latte (in cui avrete mescolato tre cucchiai di cocco. Valorizzate la crema aggiungendo l’essenza di mandorle, un cucchiaio di cocco e il cioccolato bianco, mescolate con cura fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo. Lasciate raffreddare la crema dando una mescolata ogni tanto (altrimenti si potrebbe formare una patina solida in superficie).

Unite i due composti, mescolate e aggiungete mandorle tritate e cioccolato tagliato a scaglie piccole. Versate il contenuto in una pirofila abbondantemente imburrata, riscaldate il forno e cuocete a 175 gradi per 40 minuti. Quando noterete una superficie dorata e qualche crepa, potete estrarre la torta dal forno. Spolverate un po’ di cocco disidratato e zucchero a velo. Servite il dolce freddo.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-05-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti