bg header

Confettura di ube per una colazione diversa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Confettura di ube

La confettura di ube ed il suo impatto sull’organismo

La confettura di ube è una confettura che sicuramente pochi di voi hanno già assaggiato. Anche perché viene realizzata con un ingrediente insolito, non molto diffuso né consumato in Italia: la patata viola. Il colore viola, ovviamente, non è dato da un colorante ma è presente naturalmente in questo tubero. E’ causato dalla presenza delle antocianine, gli stessi antiossidanti che per esempio si trovano nella melanzana. Essi generano un impatto benefico sull’organismo fornendo prevenzione contro le patologie cardiache e contrastando l’azione dei radicali liberi.

Per quanto riguarda il sapore, la patata viola assomiglia alla patata dolce, ma presenta anche un sentore di castagna. La polpa è a volte morbida o  farinosa. Si configura come un ingrediente insolito, ma adatto alle preparazioni dolciarie, anche perché capace di offrire molto sul piano visivo. Il colore viola, infatti, impatta in maniera determinata da questo punto di vista. Per quanto riguarda la confettura di ube, essa si consuma come qualsiasi altra confettura, dunque per realizzare dolci, o da spalmare in occasione della colazione e della merenda. Non chiamatela marmellata di ube!

Con la confettura di ube si realizza uno dei dolci più famosi delle Filippine: l’ halo halo. Ha un discreto successo anche negli Stati Uniti .

I pregi del latte di cocco e le sue proprietà nutrizionali

Il latte di cocco è uno degli ingredienti più importanti della confettura di ube. Il suo ruolo è duplice: da un lato rendere il composto più liscio (meno denso) e dall’altro conferirgli un ulteriore sentore “tropicale”, in modo che possa risultare diverso rispetto alle normali confetture. Per inciso, il latte di cocco non va confuso con l’acqua di cocco. Il latte si ottiene dalla polpa pressata e spremuta addizionata con l’acqua; l’acqua di cocco è, invece, il liquido che è presente naturalmente all’interno della noce di cocco.

Confettura di ube

Il latte di cocco presenta alcune importanti proprietà, oltre che un gusto particolare. Per esempio, è ricco di vitamine e sali minerali, il riferimento è alla vitamina C, E e tante altre del gruppo B. Contiene anche ferro, magnesio, fosforo e soprattutto potassio. Il latte di cocco è ricco anche di antiossidanti, sui cui pregi mi sono soffermata nei paragrafi precedenti. Un’altra caratteristica particolare è l’elevata concentrazione di acido laurico, un acido grasso che, come dimostrano importanti studi, aiuta a prevenire le malattie cardiache. Il latte di cocco viene inserito in una pentola e cotto insieme agli altri ingredienti, tra cui la già citata patata viola (precedentemente grattugiata).

Le peculiarità dei cristalli di zucchero viola

Un ingrediente insolito di questa confettura di ube è rappresentato dai cristalli di zucchero viola. Il loro scopo è essenzialmente decorativo (oltre che dolcificante), infatti donano al composto una spiccata brillantezza e una texture davvero particolare. I cristalli di zucchero si ottengono, molto banalmente, “cuocendo” una soluzione di acqua e zucchero che ha raggiunto il massimo della sua saturazione. Solo quando lo zucchero è al limite della solvibilità si trasformerà in cristallo, che poi verrà ulteriormente “sbriciolato”.

I cristalli di zucchero vengono in genere venduti in vari colori. Ovviamente, viene applicato del colorante, che deve essere assolutamente naturale. Per questa ricetta consiglio i cristalli viola in modo da arricchire ulteriormente l’impatto visivo, aggiungendo un effetto che ricorda i materiali preziosi, e che raramente si trova nelle altre confetture o preparazioni dolciarie.

Ecco la ricetta della confettura di ube:

Ingredienti per 3 vasetti:

  • 450 gr. di patate viola;
  • 400 ml. di latte di cocco;
  • 100 gr. di zucchero a velo;
  • 20 gr. di cristalli di zucchero viola;
  • acqua con limone e aceto;
  • 1 cucchiaio di olio di cocco;
  • un pizzico di sale;
  • q. b. di rum.

Preparazione:

Per la preparazione della confettura di ube iniziate lavando le patate e inserendole nell’acqua mista a limone o aceto. Questi ultimi sono importanti in quanto vi è il rischio di ossidazione al contatto con l’aria. Sbucciate le patate e grattugiatele. Unite il latte di cocco, le patate viola grattugiate, gli zuccheri e il sale in una pentola capiente, accendete il fuoco a fiamma alta. Portate allo stato di ebollizione mescolando in modo quasi continuo. Abbassate la fiamma a un livello medio e poi a livello basso continuando a cuocere e a mescolare fino a quando il composto non si sarà addensato.

Quando mescolate, strofinate il fondo della pentola con una spatola in modo da evitare che il composto si attacchi o si bruci. Se notate che il bollore è eccessivo, abbassate ulteriormente la fiamma. Continuate fino a quando la consistenza sarà molto morbida e non sarà più necessario applicare la spatola per evitare che il composto si attacchi. In genere ci vogliono 30 minuti. A fuoco spento, versate l’olio di cocco e proseguite il mescolamento fino a quando l’olio non si è perfettamente incorporato al composto.

Ora versate il rum e mescolate bene fino a farlo amalgamare. Fate raffreddare un po’ il composto nella pentola, poi trasferitelo ancora caldo nei barattoli o nei contenitori sterilizzati. Conservate la confettura a temperatura ambiente. Potete conservarla anche in frigorifero, ma in questo caso attendete che arrivi a temperatura ambiente per poterla utilizzare (da fredda è difficile spalmarla).

3/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print