Nitro al caffè con spuma al pistacchio, un dessert fresco

nitro al caffe
Commenti: 8 - Stampa

Nitro al caffè con spuma al pistacchio, un’idea davvero geniale

Il Nitro al caffè con spuma al pistacchio è un dessert delizioso, ideato di recente dal famoso chef milanese Danilo Angè. E’ anche un dessert diverso dal solito in quanto unisce due gusti che è raro trovare assieme, il pistacchio e il caffè. Il risultato è straordinario, dal momento che, in seguito a uno speciale trattamento, questi due ingredienti si valorizzano a vicenda senza coprirsi.

Molto singolare è la resa visiva, che gioca sul contrasto tra il verde del pistacchio e il marrone del caffè, il tutto arricchito dalla sventagliata di granella finale. Per quanto gustoso e ricco, il nitro al caffè con spuma di pistacchio non è affatto un dessert calorico. Le dosi, infatti, sono ben calcolate in modo da non produrre un eccessivo apporto di calorie. Un altro pregio risiede nella semplicità del procedimento, che richiede poca manualità ma uno strumento d’eccezione: il sifone da cucina.

Il sifone da cucina dall’esterno potrebbe richiamare al thermos. Si distingue da quest’ultimo, però, per le dimensioni e per gli scopi. Il sifone da cucina, infatti, serve a montare e creare della spuma. Gli ingredienti che vengono inseriti al suo interno subiscono un trattamento speciale, che potrebbe ricordare quello dell’insufflaggio. Tuttavia, il meccanismo di funzionamento coinvolge un gas specifico (e innocuo): il protossido di azoto.

Ovviamente, il sifone è sicuro, oltre che capace di creare spume lisce e uniformi. L’utilizzo del sifone, in sé, non è difficile ma nemmeno così intuitivo. Ad ogni modo, vi basterà seguire le istruzioni che vi darò nella sezione “procedimento” per non sbagliare. Danilo Angè è uno dei massimi esperti nell’utilizzo del sifone da cucina, come si evince dalla quantità di ricette che recano la sua firma e che prevedono l’uso del sifone.

Tutta la bontà del pistacchio e le sue concentrazioni di antiossidanti

Come si evince dal nome, il pistacchio è uno degli elementi cardine di questa ricetta del nitro al caffè. Anzi, insieme al caffè solubile, è proprio l’ingrediente principale. Attorno al pistacchio si sono formati alcuni miti, per non dire pregiudizi, come quello secondo cui sarebbe un elemento grasso e dannoso per la salute. La causa di questo fraintendimento va rintracciata nelle abitudini di consumo, che coinvolgono il classico “pistacchio da bancarella”, quello che viene venduto alle feste di paese, alle sagre etc. Tale variante, infatti, viene trattata con il sale, sicché può effettivamente determinare alcuni problemi. Discorso radicalmente diverso per il pistacchio “normale”, quello utilizzato come ingrediente, che risulta relativamente salutare.

Nitro al caffè

Il riferimento è alle concentrazioni elevate di antiossidanti, sostanze dai mille benefici, e che in particolare contrastano i radicali liberi, rallentano i processi di invecchiamento cellulare e aiutano a prevenire i tumori. I pistacchi sono anche fonti eccellenti di vitamine, e in particolare di vitamina E e B. Per quanto riguarda l’apporto calorico, è vero, sono piuttosto grassi: 100 grammi di pistacchio contengono 562 kcal.

Le caratteristiche peculiari del rum

Il rum gioca un ruolo importante nella ricetta del nitro al caffè con spuma di pistacchio. Infatti “arricchisce” il caffè solubile, ed in qualche modo lo valorizza, prima di porlo nel sifone affinché si crei la spuma. Il rum è certamente un ingrediente di cui non abusare, d’altronde si tratta pur sempre di un superalcolico. Tuttavia, in questa ricetta ne dovrete usare una quantità minima, sufficiente per arricchire il dessert senza però appesantirlo.

Quale tipologia di rum utilizzare? Il consiglio è di non cedere alla tentazione della sottomarca, anche se in questo caso viene utilizzato come ingrediente e non per il consumo in solitaria. La scelta, comunque, è tra rum scuro e rum bianco. Per questa ricetta vanno bene entrambi, dunque sta a voi esprimere una preferenza. Sappiate, però, che il rum bianco ha un gusto più delicato, mentre il rum scuro presenta spesso dei sentori caramellati.

Per questa ricetta strepitosa dobbiamo ringraziare lo chef Danilo Angè. Che io adoro il caffè lo sa il mondo intero. Ma cosi non mi era mai capitato di assaggiarlo ed è da assuefazione. Troppo buono.

Ecco la ricetta del nitro caffè con spuma al pistacchio:

Ingredienti per 6 persone:

  • 8 dl di acqua;
  • 1 dl di rum;
  • 70 g di zucchero semolato;
  • 30 g di caffè solubile.

Per la spuma:

  • 2 dl di latte;
  • 4 dl di panna al 30%;
  • 120 g di tuorlo;
  • 90 g di zucchero semolato;
  • 150 g di pasta di pistacchio;
  • 60 g di granella di pistacchio.

Preparazione:

Per la preparazione del nitro al caffè iniziate dalla spuma. Portate ad ebollizione il latte insieme alla panna, aggiungete i tuorli, lo zucchero e cuocete a una temperatura costante di 62 gradi. Versate il composto in una ciotola insieme alla pasta di pistacchio e mescolate fino a quando questo nuovo composto non sarà liscio e uniforme (la pasta si deve sciogliere). Poi fate raffreddare. Infine filtrate, versate il tutto in un sifone, caricatelo con il gas e fate riposare in frigo. Per quanto riguarda la parte al caffè, fate scaldare l’acqua, aggiungete il rum, lo zucchero e il caffè solubile, poi fate raffreddare e, anche in questo caso, versate tutto in un sifone caricato con il gas e fate riposare in frigorifero. Sifonate il caffè nei bicchieri e terminate con la spuma. Decorate, infine, con la granella di pistacchio.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

8 commenti su “Nitro al caffè con spuma al pistacchio, un dessert fresco

  • Gio 31 Dic 2020 | Alex Casagrande ha detto:

    Sinceramente certe persone che si inventano certe ricette potrebbero tranquillamente cambiare lavoro.
    Ci sono tanti lavori necessari alla società ad esempio muratore, spazzino o falegname ma non di certo “chef” o “pasticcere”.
    Detto questo vergognatevi.

    • Ven 1 Gen 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno io credo che si debba vergognare Lei a scrivere certi commenti. Lo ha provato? E’ delizioso. Lo chef Danilo Angè ha preparato questa bontà per un evento ed è stato apprezzato da tutti i presenti e quasi tutti hanno chiesto il bis.

    • Ven 1 Gen 2021 | Danilo ha detto:

      Prima di tutto non mi sono inventato niente perchè il nitro caffè è una tendenza a livello mondiale ormai da almeno due anni.
      Secondo: se non le piace ce ne faremo una ragione.
      Terzo: non devo sicuramente rendere conto a lei della mia professione
      Quarto: meglio che non vada avanti, sarei troppo volgare il primo giorno dell’anno e certi commenti sterili non meriterebbero neanche di essere presi in considerazione.

    • Ven 1 Gen 2021 | marco ha detto:

      Sicuramente chi si deve vergognare sei tu, probabilmente non avendo nulla da fare nella vita e non sapendo fare niente nemmeno il muratore lo spazzino o il falegname, passi il tempo a denigrare il lavoro degli altri, detto questo cercati un lavoro invece di criticare quello degli altri!

      • Ven 1 Gen 2021 | Sara ha detto:

        Ciao ragazzi e scusate se mi intrometto ma volevo scrivere anche la mia opinione sulla ricetta perché io l’ho trovata davvero buona.

        L’ho provato per la prima volta a casa di mio cugino e mi è subito piaciuto.

        Mi ha dato il link di questa ricetta e ho deciso di replicarla proprio in questi giorni di festa ed è davvero gustoso, quindi, io consiglio di provarlo a chi piace il caffè e il pistacchio!

        • Ven 1 Gen 2021 | Stefano ha detto:

          Buonasera, Vi scrivo per ringraziarVi della ricetta. L’ho provata e fatta assaggiare e ció mi ha fatto fare un figurone..

          Sinceramente leggere commento ridicoli come sopra dimostra che ci sono persone “minorate” che si divertono a buttare termini verso altre persone senza in realtà essere capaci di fare nulla nella vita.

          Complimenti al sito e avanti tutta!!

    • Ven 1 Gen 2021 | Ioris premoli ha detto:

      😂😂😂😂😂😂😂😂 Alex Casagrande dopo aver consegnato i regali con babbo natale ora si dedica al suo hobby preferito, le sentenze culinarie.
      Ciao Leoncino da tastiera

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata con radicchio e pesce spada

Insalata con radicchio e pesce spada, davvero proteica

Insalata con radicchio e pesce spada, un contorno colorato e nutriente L’insalata con radicchio rosso e pesce spada non è la classica insalata. D’altronde, la lista degli ingredienti spicca per...

Bollicine con spuma di frutta frizzante

Bollicine con spuma di frutta frizzante, fresco aperitivo

Bollicine con spuma di frutta frizzante, gustoso e fresco Le bollicine con spuma di frutta frizzante rappresentano un’ottima idea per un aperitivo diverso dal solito, una bevanda fresca, colorata...

Crostino di panettone con crema

Crostino di panettone con crema di mascarpone

Il panettone e l'usanza milanese di San Biagio Questa ricetta rievoca una delle feste tipiche di Milano, che molti di voi non conoscono. Sto parlando della festa di San Biagio, che cade il 3...

Olio aromatizzato alle arance

Olio aromatizzato alle arance, un condimento agrumato

Olio aromatizzato alle arance, un condimento davvero speciale L’Olio aromatizzato alle arance è un condimento davvero particolare in grado di stuzzicare il palato. Rappresenta una gradevole...

Pesche con spuma di cioccolato

Pesche con spuma di cioccolato, un abbinamento unico

Pesche con spuma di cioccolato bianco e lime, top Le pesche con spuma di cioccolato bianco e lime sono un dessert molto bello da vedere e buono da gustare. Inoltre è semplice da realizzare,...

Insalata di puntarelle ai lamponi

Insalata di puntarelle e lamponi, contorno delicato

Insalata di puntarelle e lamponi e spuma di yogurt, un contorno elegante di alta cucina. L’ insalata di puntarelle e lamponi e spuma di yogurt non è un'insalata come le altre. In primis perché...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-04-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti