La sfogliata con feta e crema di basilico!

sfogliata con feta e crema di basilico
Commenti: 0 - Stampa

È il momento di provare la sfogliata con feta e crema di basilico!

Oggi ho pensato di proporvi una ricetta in grado colpire lo sguardo e il palato: quella della sfogliata con feta e crema di basilico. Questa pietanza è bella da vedere e da gustare, è nutriente e genuina, e nonostante tutto si prepara con estrema facilità, in circa mezz’ora più 40 minuti di cottura. Inutile dirlo: si tratta di un piatto semplice e allo stesso tempo speciale, e ve ne accorgerete fin dal primo boccone… ve lo assicuro!

Molte persone sono scettiche quando si parla di feta, ma la verità è che non c’è nulla di cui preoccuparsi: il suo sapore coinvolge e si amalgama bene con quello di tantissimi alimenti, e i micro e macronutrienti di certo non mancano. Perciò, avete certamente tanti buoni motivi per preparare una golosa sfogliata con feta e crema di basilico, ma voglio comunque darvene altri. Siete pronti? Ecco tutto quello che dovreste sapere prima di preparare questa ricetta…

Parliamo della feta: la conoscete così bene?

La feta è un formaggio greco stagionato e salato, molto noto e apprezzato, che viene prodotto con una buona quantità di latte fresco di pecora (circa l’80%) e di capra (circa il 20%). Già da questo, possiamo capire che uno degli ingredienti principali della nostra sfogliata con feta e crema di basilico è carico di gusto, energia e calorie. Tra l’altro, per ogni 100 grammi, l’alimento propone 21 grammi di grassi, 14 grammi di proteine e 42 grammi di carboidrati. Pertanto, si presenta come un formaggio altamente nutriente!

sfogliata con feta e crema di basilico

Per la preparazione della sfogliata con feta e crema di basilico, potrete scegliere un prodotto di notevole qualità, che sarà ovviamente preparato secondo il tradizionale metodo di produzione attuato in Grecia. Dopodiché, sarà utile sapere che il latte di pecora e di capra contengono lattosio, quasi quanto il latte vaccino. Tuttavia, come sempre, la stagionatura a cui viene sottoposto l’alimento, riduce fortemente i livelli di questo zucchero, rendendo la feta molto più digeribile rispetto ad altri formaggi non stagionati.

Gli altri ingredienti della sfogliata con feta e crema di basilico

Oltre alla feta, in questa pietanza spiccano certamente il basilico e le patate. Entrambi si presentano come alimenti molto apprezzati e usati nella cucina tipica mediterranea: il primo dona più sapore a ogni piatto, mentre l’altro rende più sfiziosa ogni ricetta, facendola amare anche dai bambini. Perciò, se avete dei dubbi riguardo al successo che potrà riscuotere la vostra sfogliata con feta e crema di basilico una volta in tavola, toglieteveli tutti: sarà in grado di conquistare grandi e piccoli!

Se dovessi limitarmi a coltivare in casa un’erba soltanto sceglierei il basilico, seminato a più riprese in una cassetta protetta dal vetro, e non coltiverei mai piante troppo grandi. Ha un odore cosi dolce e forte che profuma tutto il giardino quando lo si raccoglie. Non si possono far paragoni con l’aroma del basilico secco, che ha un sapore somigliante vagamente al curry e che non può assolutamente sostituire l’erba fresca. Il basilico si può conservare per un breve periodo in un contenitore di politene nel frigorifero. Personalmente preferisco conservarlo nell’olio, secondo il metodo italiano.

Se le foglie sono sporche, vanno lavate e asciugate; poi vanno stese in un vaso pulito e asciutto spargendo un buon pizzico di sale su ogni strato. Quando il vaso è pieno, lo si riempie con olio d’oliva fino a coprire il tutto. Chiudere bene. Con questo metodo si conserverà a tempo indeterminato, in una credenza fresca o in frigorifero, e allo stesso tempo manterrà quasi intatta la fragranza della pianta fresca, anche se col tempo le foglie diventeranno nere. Il basilico conservato in questo modo è ideale per preparare il pesto genovese.

Che si tratti di una festa, di un picnic o di una cena con amici e parenti, gli ingredienti di questo piatto potranno regalare tanta soddisfazione, anche ai palati più esigenti… E non dobbiamo di certo dimenticare la grande quantità di minerali e vitamine offerti dalla sfogliata con feta e crema di basilico (in particolare grazie a quest’ultimo e al formaggio), né tantomeno il gran senso di sazietà e l’energia donati essenzialmente da pasta sfoglia e patate… Insomma, abbiamo a che fare con un piatto da non perdere!

Ingredienti per 4 persone

  • 1 confezione di sfoglia consentita
  • 3 patate medie
  • 2 grosse manciate di foglie di basilico
  • 2 fette di pane in cassetta consentito
  • 1 cucchiaino di aceto di vino bianco
  • 120 g di feta consentita
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Lavate le patate e lessatele con la buccia (30 minuti circa); quindi scolatele, lasciatele intiepidire, pelatele e riducetele a dadi. Raccogliete questi ultimi in una ciotola e conditeli con 2 cucchiai d’olio e un pizzico di sale.

Private il pane della crosta e tritatelo nel mixer con metà delle foglie di basilico. Trasferite il mix in una ciotola, bagnatelo con 1/2 mestolo d’acqua, spruzzatelo con l’aceto, aggiungete 2 cucchiai d’olio e mescolate fino a ottenere una crema omogenea. Dopodiché, unitevi le patate.

Stendete la sfoglia, ritagliate una striscia di 2 cm circa lungo il perimetro e applicatela lungo i bordi, leggermente inumiditi con acqua. Distribuite sulla sfoglia la crema con le patate, cospargete con la feta sbriciolata e infornate per 20 minuti a 220°. Prima di servire distribuite sulla sfogliata le foglie di basilico rimaste.

5/5 (398 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti