Patate duchessa, croccanti fuori e morbide dentro

Patate duchessa
Commenti: 0 - Stampa

Patate duchessa, il contorno chic per eccellenza

Con le patate duchessa serviamo a tavola un contorno nobile, elegante e chic. Quanto sono belle da vedersi e quanto sono buone da gustare! Se cercate un contornino sfizioso, versatile, bello e buono da mangiare, con questa ricetta farete bingo. Certo, la pigrizia potrebbe farvi pensare “le acquisto belle, pronte e surgelate, 10 minuti in forno et voilà”. Non fate questo errore! O almeno, se avete un giorno da dedicare ai piaceri della cucina, regalatevi l’esperienza di assaporare le patate duchessa fatte in casa e vedrete che varrà la pena di prepararle direttamente.

Magari non saranno riccetti perfetti e simmetrici come quelli industriali prodotti in serie, ma potrete sentire un sapore intensissimo di patate con un cuore morbido avvolgente ed una crosticina succulenta. In più, fatto non trascurabile, sarete certi di utilizzare ingredienti sicuri, selezionati, genuini e di buona qualità, cosa che vi consentirà di evitate conservanti ed addensanti chimici. Che dite? Ci proviamo? Ma si!

Non spaventatevi, la preparazione è più facile a farsi che a dirsi e tutti i commensali vi faranno i complimenti. Un contorno che fa della figura e si impone per il ruolo di protagonista! Accanto alla carne, al pesce o alle verdure, queste patate duchessa regnano sovrane nel piatto pur essendo “solo un contorno”. Potremmo dire una corona perfetta per valorizzare una pietanza di lustro. 

Il contorno elegante che si impone come protagonista

Le patate duchessa sono un contorno che decisamente non sa stare un passo indietro! Le donne reali, a volte, soffrono di manie di protagonismo così come questo contorno d’eccellenza! Con una tale bontà non possiamo fare a meno d’affermare che questo contorno è così buono da catturare l’attenzione! A volte possiamo scegliere di assecondare questa bontà e servire le patate duchessa su un bel piatto da portata, adeguato al loro rango, così da metterle a tavola in autonomia come stuzzichino, antipastino o rinforzo.

Patate duchessa

Qualsiasi sia il ruolo che deciderete di assegnare a queste patate, siate certi del carattere che attribuirete a questa pietanza. Il carattere sarà composto, come dalle mani di un alchimista, con il giusto dosaggio degli aromi. In particolare, sale, pepe, formaggio e noce moscata, andranno introdotti a piacere. L’aroma che vorrete sentire in maniera prevalente avrà un ruolo predominante in fase di preparazione.

Un’eccellente proposta di cucina francese

Le patate duchessa sono una ricetta derivante dalla cucina francese, ben accolta nel Bel Paese. Diamo tuttavia a Cesare quel che è di Cesare e riprendiamoci la Gioconda! Scherzi a parte, apprezziamo molto questo contributo gourmet degli chef francesi il cui genio ben si concilia a moltissime pietanze di carne o di pesce nostrane. Per valorizzare al meglio questa preparazione, acquistate delle patate con pasta bianca richiedendo espressamente al fruttivendolo le più farinose a disposizione.

Quel tipo di patata è ideale per il puré e per queste patate duchessa, producendo il giusto contrasto tra cuore morbido e crosticina croccante che è il piacere più intenso di questo piatto. Preparando queste patate duchessa, ma anche solo scorrendo lo sguardo sulla loro ricetta, scoprirete che infondo la loro preparazione è piuttosto semplice e veloce. Non c’è dunque un buon motivo per ricorrere alle “scorciatoie” ed acquistare sempre quelle surgelate. E se state pensando che le preparazioni a base di burro siano troppo caloriche, vi invito ad approfondire la conoscenza del burro chiarificato che è al contrario molto utile per la digestione! 

Ed ecco la ricetta delle patate duchessa:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 500 gr. di patate farinose;
  • 65 gr. di burro chiarificato ammorbidito;
  • 60 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 2 tuorli d’uovo;
  • 1 pizzico di noce moscata;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per preparare le patate duchessa, dovete lessare le patate (scusate il gioco di parole). Lavate dunque le patate e mettetele con tutta la buccia in acqua fredda per circa 40 minuti, fino a raggiungere il bollore. Quando si ammorbidiscono, scolatele, intiepiditele e sbucciatele. Schiacciate la polpa con lo schiacciapatate assicurandovi che non ci siano grumi. Mettete tutte le patate schiacciate in una ciotola ed unitevi il burro ammorbidito ridotto a cubetti. Mescolate il burro assieme alle patate, fino a scioglierlo ed amalgamarlo completamente.

Insaporite con sale, pepe e noce moscata nelle quantità che preferite. Continuate a mescolare, unendo i tuorli d’uovo e fino ad ottenere un composto piuttosto compatto. Inserite il composto nella sac à poche utilizzando una bocchetta a stella da 15mm. Rivestite una teglia con della carta da forno ed adagiate i ciuffi di composto con circa 5 cm di diametro. Distanziate leggermente ogni ciuffo dal successivo. Qualora lo spazio non fosse sufficiente, utilizzate più teglie. Infine, infornate le patate duchessa in un forno pre-riscaldato a 200° per circa 15-20 minuti. Attendente il raggiungimento di un buon grado di doratura, poi sfornate e servite le patate ancora calde. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di verdure al forno

Curry di verdure al forno, un contorno speziato

Curry di verdure al forno, un contorno esotico Il curry di verdure al forno è un piatto che si ispira alla cucina indiana. Può essere considerato come un contorno molto speziato, o come un primo...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

colazione per gli studenti

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-02-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti