Patate ripiene con scamorza, un antipasto gustoso

Patate ripiene con scamorza
Stampa

Patate ripiene con scamorza, un’idea semplice per un antipasto gustoso

Le patate ripiene con scamorza sono una pietanza davvero gustosa, apprezzabile da tutti i palati. Rappresentano la classica idea semplice, che offre molto sotto il profilo organolettico con il minimo sforzo. La ricetta è infatti così facile da risultare alla portata di tutti, anche di chi non ha alcuna esperienza in cucina. Il procedimento consiste nella farcitura delle patate (bollite e tagliate a metà) con un composto realizzato con la polpa delle patate stesse, la scamorza, il sale, il pepe ed un po’ di origano.

Nemmeno la cottura pone in essere grandi ostacoli, anche perché è sufficiente un passaggio in forno della durata di 15-20 minuti. A tal proposito, è bene controllare che si sia formata la classica crosticina dorata, che solo i formaggi poco stagionati sono in grado di produrre.  Il consiglio è comunque quello di seguire fedelmente la ricetta, soprattutto per quanto concerne le dosi. Qualsiasi margine di discrezione in merito potrebbe compromettere il risultato finale.

Quale tipologia di patate è più adatta?

Quando si parla di una qualsiasi ricetta a base di patate, come le patate ripiene con scamorza, ci si chiede quale tipologia di patate utilizzare. La domanda è più che legittima, anche perché a disposizione del consumatore esistono molte varietà. In questo caso consiglio di optare per le classiche patate a pasta gialla. Questa varietà di patate, infatti, si caratterizza per una consistenza piuttosto coriacea, per una buona resistenza alle alte temperature e per la capacità di non sfaldarsi anche una volta bollita. D’altronde, la ricetta impone alle patate un certo “stress termico”, anche perché devono prima essere bollite e poi passate al forno.

Patate ripiene con scamorza

Vorrei spezzare una lancia a favore delle patate, un alimento troppo spesso oggetto di pregiudizi. Infatti, molti vedono le patate come un ingrediente grasso e poco salutare. In realtà, tale pregiudizio è dovuto principalmente al fatto che le patate molto spesso vengono fritte, un metodo di cottura che in effetti non può essere considerato salutare. Le patate in sé, però, sono un alimento prezioso. In primis, rappresentano un’eccezionale fonte di energia, dovuta principalmente all’abbondante presenza di carboidrati. Secondariamente, contengono molte vitamine e sali minerali. I grassi, invece, sono in realtà quasi assenti. Infine, l’apporto calorico non è affatto eccessivo: 100 grammi di patate apportano solo 80 kcal.

Tutta la bontà della scamorza

L’altra protagonista di queste patate ripiene è la scamorza, un formaggio molto famoso originario del sud Italia, ma apprezzato un po’ in tutto il mondo. Tecnicamente, la scamorza è un formaggio a pasta filata di latte vaccino. La consistenza è morbida, frutto di una stagionatura medio-breve. Esistono, come sicuramente già sapete, due tipologie di scamorza: dolce e affumicata. La prima ha un sapore delicato, la seconda ha un sapore più deciso. Il consiglio, almeno relativamente a questa ricetta, è di optare per la scamorza dolce.

A prescindere dalla tipologia, la scamorza non è solo buona, ma vanta alcune eccellenti proprietà nutrizionali. Certo, i grassi sono presenti, ma in maniera del tutto assimilabile a quella di altri formaggi a pasta filata. Si segnalano, di contro, tantissime proteine digeribili e “nobili”, ed ottime concentrazioni di calcio e fosforo. Per quanto concerne le calorie, siamo assolutamente nella media: 100 grammi di scamorza apportano circa 260 kcal.

Ecco la ricetta delle patate ripiene con scamorza:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 patate di dimensioni simili,
  • 250 gr. di scamorza dolce consentita,
  • 2 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • un cucchiaino di origano,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle patate ripiene con scamorza iniziate lavando accuratamente le patate senza sbucciarle. Poi trasferitele in una pentola, versate un bel po’ d’acqua e lessatele per circa 20 minuti (calcolati dal primo bollore). Ora scolate le patate, fatele raffreddare e tagliatele in due. Prelevate la polpa con lo scavino, prestando attenzione a mantenere integri i bordi e il fondo.

Versate la polpa così ottenuta in una ciotola, schiacciatela con una forchetta, salate e pepate. Infine, condite con l’origano e unite la scamorza tagliata a cubetti. Date una bella mescolata e riempite le patate con il composto così ricavato. Ora spennellate con un po’ di olio e cuocete al forno per circa 20 minuti a 180 gradi, o fino a quando non si sarà formata una crosticina dorata in superficie.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


17-01-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti