Patate ripiene con scamorza, un antipasto gustoso

Patate ripiene con scamorza
Commenti: 0 - Stampa

Patate ripiene con scamorza, un’idea semplice per un antipasto gustoso

Le patate ripiene con scamorza sono una pietanza davvero gustosa, apprezzabile da tutti i palati. Rappresentano la classica idea semplice, che offre molto sotto il profilo organolettico con il minimo sforzo. La ricetta è infatti così facile da risultare alla portata di tutti, anche di chi non ha alcuna esperienza in cucina. Il procedimento consiste nella farcitura delle patate (bollite e tagliate a metà) con un composto realizzato con la polpa delle patate stesse, la scamorza, il sale, il pepe ed un po’ di origano.

Nemmeno la cottura pone in essere grandi ostacoli, anche perché è sufficiente un passaggio in forno della durata di 15-20 minuti. A tal proposito, è bene controllare che si sia formata la classica crosticina dorata, che solo i formaggi poco stagionati sono in grado di produrre.  Il consiglio è comunque quello di seguire fedelmente la ricetta, soprattutto per quanto concerne le dosi. Qualsiasi margine di discrezione in merito potrebbe compromettere il risultato finale.

Quale tipologia di patate è più adatta?

Quando si parla di una qualsiasi ricetta a base di patate, come le patate ripiene con scamorza, ci si chiede quale tipologia di patate utilizzare. La domanda è più che legittima, anche perché a disposizione del consumatore esistono molte varietà. In questo caso consiglio di optare per le classiche patate a pasta gialla. Questa varietà di patate, infatti, si caratterizza per una consistenza piuttosto coriacea, per una buona resistenza alle alte temperature e per la capacità di non sfaldarsi anche una volta bollita. D’altronde, la ricetta impone alle patate un certo “stress termico”, anche perché devono prima essere bollite e poi passate al forno.

Patate ripiene con scamorza

Vorrei spezzare una lancia a favore delle patate, un alimento troppo spesso oggetto di pregiudizi. Infatti, molti vedono le patate come un ingrediente grasso e poco salutare. In realtà, tale pregiudizio è dovuto principalmente al fatto che le patate molto spesso vengono fritte, un metodo di cottura che in effetti non può essere considerato salutare. Le patate in sé, però, sono un alimento prezioso. In primis, rappresentano un’eccezionale fonte di energia, dovuta principalmente all’abbondante presenza di carboidrati. Secondariamente, contengono molte vitamine e sali minerali. I grassi, invece, sono in realtà quasi assenti. Infine, l’apporto calorico non è affatto eccessivo: 100 grammi di patate apportano solo 80 kcal.

Tutta la bontà della scamorza

L’altra protagonista di queste patate ripiene è la scamorza, un formaggio molto famoso originario del sud Italia, ma apprezzato un po’ in tutto il mondo. Tecnicamente, la scamorza è un formaggio a pasta filata di latte vaccino. La consistenza è morbida, frutto di una stagionatura medio-breve. Esistono, come sicuramente già sapete, due tipologie di scamorza: dolce e affumicata. La prima ha un sapore delicato, la seconda ha un sapore più deciso. Il consiglio, almeno relativamente a questa ricetta, è di optare per la scamorza dolce.

A prescindere dalla tipologia, la scamorza non è solo buona, ma vanta alcune eccellenti proprietà nutrizionali. Certo, i grassi sono presenti, ma in maniera del tutto assimilabile a quella di altri formaggi a pasta filata. Si segnalano, di contro, tantissime proteine digeribili e “nobili”, ed ottime concentrazioni di calcio e fosforo. Per quanto concerne le calorie, siamo assolutamente nella media: 100 grammi di scamorza apportano circa 260 kcal.

Ecco la ricetta delle patate ripiene con scamorza:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 patate di dimensioni simili,
  • 250 gr. di scamorza dolce consentita,
  • 2 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • un cucchiaino di origano,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle patate ripiene con scamorza iniziate lavando accuratamente le patate senza sbucciarle. Poi trasferitele in una pentola, versate un bel po’ d’acqua e lessatele per circa 20 minuti (calcolati dal primo bollore). Ora scolate le patate, fatele raffreddare e tagliatele in due. Prelevate la polpa con lo scavino, prestando attenzione a mantenere integri i bordi e il fondo.

Versate la polpa così ottenuta in una ciotola, schiacciatela con una forchetta, salate e pepate. Infine, condite con l’origano e unite la scamorza tagliata a cubetti. Date una bella mescolata e riempite le patate con il composto così ricavato. Ora spennellate con un po’ di olio e cuocete al forno per circa 20 minuti a 180 gradi, o fino a quando non si sarà formata una crosticina dorata in superficie.

5/5 (487 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti