bg header
logo_print

Torta di mandorle al mais bianco : la merenda ideale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta di mandorle al mais bianco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (48 Recensioni)

La ricetta della torta di mandorle al mais bianco si caratterizza per l’impiego di ben due tipologie di zucchero: quello di canna e quello di cocco. Non è un vezzo, ma una scelta giustificata dalla volontà di conferire alla torta una certa complessità dal punto di vista gustativo. Lo zucchero di canna, infatti, aggiunge un lieve sentore di caramello, dal momento che si caratterizza per la presenza dei residui di melassa.

Lo zucchero di cocco, invece, garantisce il sentore del celebre frutto. I due sapori non vanno in contrasto, bensì si valorizzano a vicenda. Insieme, poi, non generano un effetto coprente ma anzi si pongono in una prospettiva di equilibrio e di armonia con gli altri ingredienti.

Ricetta torta di mandorle al mais

Preparazione torta di mandorle al mais

Montate gli albumi con lo zucchero fino a quando non avrete ottenuto una meringa. Inserite la farina di mais bianco gradualmente, prestando attenzione a non rovinare la compattezza del composto.

Versate l’impasto dentro piccoli stampi di alluminio da 10 cm ciascuno (o meno, se ce li avete). Guarnite con poche scaglie di mandorla e riponete in forno.

Fate cuocere a 180 gradi per 10 minuti. Non di più: le tortine devono risultare croccanti fuori e umide/morbide all’interno. Estraete le tortine dal forno e, ancora calde, spolverizzate con del camu camu in polvere. Servite la torta a temperatura ambiente.

Ingredienti torta di mandorle al mais

  • 200 gr. di albume
  • 100 gr. di zucchero bruno di cocco
  • 200 gr. di polvere di mandorla tostata
  • 100 gr. di zucchero bianco di canna
  • 100 gr. di farina di mais bianco

Torta di mandorle al mais bianco: una merenda gluten-free

La torta di mandorle al mais bianco e camu camu è una merenda dal sapore speciale, ma anche adatta a tutti. Chi soffre di intolleranze, specie quella al glutine, deve porre la massima attenzione a cosa consuma, soprattutto a livello di pasticceria.

Per fortuna, non è questo il caso. La torta di mandorle è completamente gluten-free. Il merito va, ovviamente, alla scelta degli ingredienti.

Con la farina di mais è possibile preparare di tutto, ma quel che è più bello è che, trattandosi di una farina naturalmente senza glutine rappresenta un ingrediente da prediligere quando si intende preparare per tante persone, tra le quali può esserci anche qualche celiaco. Non è facile trovare un ingrediente così versatile e al tempo stesso adatto proprio a tutti, senza distinzioni.

La farina di mais bianco, pur essendo un ottimo cibo, non contiene però alcuni nutrienti. Da qui l’abitudine di abbinarla, si pensi alla polenta, ad altri ingredienti come carne e latticini. Abbinare la farina di mais è facile, basta seguire delle buone ricette come quelle che vi abbiamo segnalato, alle quali aggiungere un pizzico di fantasia e di buon gusto nella presentazione del piatto a tavola.

La farina di mais bianco è di per sé, come anticipato, senza glutine, senza lattosio e a basso contenuto di nichel. Il mais bianco ha una bassissima presenza di nichel: 0,07mg/kg, una quantità trascurabile; farina 00, integrale e mais giallo ne hanno da 6 a 30 volte di più. Allo scopo di assicurare un prodotto sicuro a tavola, il nostro consiglio è però quello di assicurarvi che sia composta al 100% da mais e che non contenga altri ingredienti che ne possano alterare questa importante caratteristica. Per averne la garanzia, basta leggere attentamente le etichette che per legge devono essere chiare e comprensibili.

Il mais bianco ha proprietà diverse rispetto a quelle codificata dall’immaginario collettivo; è un cereale sano, ricco di fibre, fonte di ferro e vitamina B6, povero di zuccheri, poverissimo di nichel.

Oltre che per le diete per intolleranti, il mais bianco risulta ottimo anche per chi desidera seguire un’alimentazione ipocalorica. Ha, infatti, un alto potere saziante e un indice glicemico inferiore rispetto alla tradizionale pasta di grano.

Contiene vitamine del gruppo B che aiutano a velocizzare il metabolismo bruciando grassi e carboidrati, mentre le proprietà nutritive lo rendono ottimo anche per chi ha difficoltà digestive, perché non gonfia e aiuta a regolarizzare l’intestino. L’assenza di colesterolo, invece, favorisce il miglioramento delle funzionalità cardiache.

Ce ne sono solamente quattro: zucchero (di cocco e di canna), albume, mandorle e farina di mais bianco. Nessuno di questi può impensierire i celiaci. Manca completamente la farina di grano tenero, sostituita dalla già citata farina di mais bianco. Una scelta azzeccata, sia in termini di gusto che dal punto di vista nutrizionale.

Torta di mandorle al mais bianco

Il camu camu

Un tocco di creatività è dato infine dal camu camu in polvere. Il camu camu è un frutto poco conosciuto in Italia, ma consumato da millenni nelle americhe. E’ infatti originario dell’amazzonia, dove veniva utilizzato sia come alimento sia come sostanza terapeutica. Esternamente il camu camu assomiglia alle ciliegie ma il suo gusto, tra il dolce e l’acidulo, è difficilmente paragonabile a qualsiasi altro frutto diffuso in Italia.

Del camu camu si apprezzano soprattutto le proprietà nutrizionali. Contiene infatti elevate quantità di vitamina C, importanti aminoacidi come la valina, la leucina e la serina. Queste contribuiscono al rafforzamento dell’apparato muscolo scheletrico, aiutano la digestione e rallentano la disgregazione piastrinica. Il camu camu contiene infine potassio, flavonoidi e acidi antiossidanti / antivirali.

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...