Ricetta degli Ovis: e tradizione piemontese sia!

Ricetta degli Ovis: e tradizione piemontese sia!. La storia dolciaria italiana è molto affascinante e comprende degli elementi come gli Ovis Mollis, biscotti tipici del Piemonte e della Lombardia che si contraddistinguono per una particolarità speciale.

Quale? Il fatto di essere realizzati con una rivisitazione della pastafrolla, caratterizzata dall’utilizzo di uova sode e fecola di patate.

Gli Ovis Mollis si possono realizzare anche con farina di mais, un ingrediente dalle numerose proprietà benefiche.

Farina di mais: le proprietà benefiche

La farina di mais fornisce un considerevole apporto calorico, ma soprattutto risulta particolarmente adatta ai soggetti che soffrono di celiachia. Il mais, a differenza di molti altri cereali, non forma il glutine a contatto con l’acqua.

Il mais è inoltre contraddistinto dalla presenza di due amminoacidi importanti – non parte degli otto essenziali non sintetizzati dall’organismo – ossia l’alanina e la leucina.

Le proprietà del mais, un cereale parte fondamentale dell’alimentazione quotidiana fin da tempi antichissimi, non finiscono certo qui, ma chiamano in causa anche altri aspetti della salute. Vediamo assieme quali.

Farina di mais: un toccasana per la tiroide

Dalla natura arrivano tanti regali importanti e uno di questi è proprio il mais, che con la sua farina è in grado di portare numerosi benefici all’organismo. In questo novero è possibile ricordare la regolazione dell’attività della tiroide, che rappresenta un vero e proprio cruccio per tantissime persone che soffrono di problemi di peso e che non riescono a dimagrire anche a fronte di una dieta stringente.

Nel mais è inoltre contenuto un olio speciale in grado di regolare la quantità di colesterolo nel sangue. Dalla farina di mais si ottengono diversi prodotti, tra i quali si può ovviamente citare la pasta.

Perché scegliere di consumare la pasta a base di farina di mais? Perché gonfia molto meno rispetto ad altre opzioni e consente di mangiare senza poi lamentare pesantezza.

Grazie alla presenza di calcio, fosforo e magnesio il mais è un’alternativa molto utile per chi vuole tenere sotto controllo in generale la densità minerale ossea e combattere l’osteoporosi.

Il basso contenuto di colesterolo rende questo cereale – assieme ai prodotti realizzati con le sue farine – un punto di riferimento importante per la prevenzione delle patologie epatiche.

Con la farina di mais non si prepara solo la pasta, ma anche tanti dolci gustosi e sani. Gli Ovis Mollis rientrano in questo elenco.

Ed ecco la ricetta degli Ovis

Ingredienti per 1 Kg circa di biscotti

  • 10 tuorli d’uovo sodi
  • 400 gr farina di mais finissima
  • 100 gr fecola di patate
  • 300 gr burro chiarificato
  • 250 gr zucchero
  • q.b. vaniglia
  • q.b. buccia di arancia grattugiata
  • q.b. marmellata di albicocca

Preparazione

Prendete i tuorli precedentemente rassodati e raffreddati.

Metteteli nel cutter con la fecola, lo zucchero, gli aromi e miscelate riducendo il tutto a farina.

Trasferite il miscuglio ottenuto in una bacinella con il resto degli ingredienti e Impastate come una normale frolla.

Riponete l’impasto in frigorifero per almeno una notte.

Riprendete l’impasto, lavoratelo un poco per dargli elasticità, quindi formate delle piccole palline, riponetele su di una teglia e premete con il pollice formando un buco al centro.

Cuocetele a 170° per 20 minuti, lasciate raffreddare, poi riempite al centro con la marmellata di albicocca

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *