Timballo di faraona con crema alla curcuma

Timballo di faraona
Commenti: 0 - Stampa

Timballo di faraona, un secondo elegante e chic

Questo timballo di faraona con crema alla curcuma e verdure julienne non è certo un piatto per tutti i giorni. La ricercatezza delle carni di faraona ma, al tempo stesso, la composizione e gli elementi del piatto fanno sì che questo secondo possa essere proposto solo occasionalmente ed in cene formali. Ogni tanto anche la cucina di tutti i giorni desidera raggiungere livelli superiori e stelle gourmet! Eccoci dunque ad assaporare una carne pregiata il cui sapore, per chi non lo conoscesse, può essere inteso come una via di mezzo tra pollo, tacchino e fagiano.

Per quanto siano esemplari particolarmente restii ad essere cresciuti in allevamento, è possibile trovare faraone non completamente selvatiche o cresciute in affiancamento al pollame. La differenza in termini di sapore tra esemplari allevati ed altri completamente servatici è tuttavia evidente e notevole, tanto che la carne selvatica necessità di importanti interventi di frollatura e marinatura prima del consumo. Preparando questo secondo piatto portiamo a tavola l’eleganza, il sapore della faraona, accompagnato da una saporitissima crema alla curcuma e delle sfiziose verdure julienne. Una meraviglia, vedrete!

Scopriamo le proprietà nutrizionali di questo piatto

Il timballo di faraona con crema alla curcuma è un piatto che non teme rivali a livello nutrizionale. La sola faraona si distingue per un carico proteico notevole ad alto valore biologico. Se da un lato la carne di faraona è tendenzialmente grassa e quindi utilizzabile soprattutto per insaporire il brodo, il suo apporto energetico è in realtà moderato. A ben vedere è solo la pelle della faraona a contenere molti grassi, mentre la carne è da considerarsi piuttosto leggera.

Si segnalano amminoacidi come l’acido glutammico, l’acido aspartico, leucina e lisina. Importante è l’apporto vitaminico, relativamente alle molecole idrosolubili del gruppo B ed i sali minerali tra i quali soprattutto il ferro. Agli effetti benefici della faraona, in questa pietanza si sommano anche quelli ragguardevoli della curcuma. Questa spezia, infatti, ha funzioni anti-infiammatorie, anti-ossidanti ed immunostimolanti. E che dire poi di carote, zucchine e sedano rapa? Lo capite da voi, questo piatto è una bomba di gusto e nutrimento!

Timballo di faraona

Un secondo gustoso e sicuro, senza glutine e senza lattosio

Un piatto intrigante come questo timballo di faraona con crema alla curcuma e verdure julienne è una pietanza che possiamo servire a cuor leggero. Con i giusti ingredienti ed in particolare con la scelta di una buona panna delattosata, possiamo garantire a tutti i nostri ospiti l’assaggio di un secondo ottimizzato per le intolleranze alimentari.

Questo timballo, infatti, è senza glutine e senza lattosio, una delizia per tutti che può essere apprezzata a pieno e che può impreziosire le nostre tavole anche nelle occasioni importanti. Se pensiamo ai menù delle prossime festività, per Capodanno o per Natale, questo piatto ci sembra una proposta davvero allettante, particolare e chic. Che ne pensate? Avete trovato l’idea che fa al caso vostro? Lasciatevi ispirare dalle numerose idee presenti tra le pagine di questo nostro blog!

Ed ecco la ricetta del timballo di faraona con crema alla curcuma e verdure julienne:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 sovra-cosce di faraona
  • 150 gr. di panna consentita
  • 50 gr. di carote
  • 1 radice di curcuma
  • 50 gr. di parte verde di zucchina
  • 50 gr. di sedano rapa
  • 4 rapanelli per guarnizione
  • q. b. di sale e pepe
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di farina di riso
  • 1 rametto di rosmarino

Preparazione:

Per preparare il timballo di faraona con crema di curcuma e verdure, cominciate preparando la carne. Dovete disossare la faraona e tagliarla a filetti sottili. Dopo aver completato il taglio, spolverate i filetti di faraona con un po’ di sale e farina di riso così da infarinarli leggermente e prepararli alla cottura. Mettete dell’olio a scaldare in padella e scottate gli straccetti di faraona, aggiungendo a fine cottura il rosmarino per insaporirli. Dividete i pezzetti di faraona in 4 stampi rotondi, così da ridurli in porzioni.

Premete la carne con il palmo della mano. Tagliate le ossa e tostatele in una padella velocemente, bagnando con la panna. Insaporite con sale, pepe e radice di curcuma a bastoncini sottili e lasciate che il tutto arrivi a bollore e si addensi. Filtrate dunque questa crema così insaporita e mettetela da parte per la composizione finale.

Lavate, mondate le verdure e tagliatele finemente alla julienne con un po’ d’olio ed un pizzico di sale. Preparati tutti gli ingredienti, componete direttamente nei piatti il timballo di faraona con crema alla curcuma e verdure julienne. Prendete un piatto e versate una cucchiaiata di salsa a specchio. Sopra la salsa adagiate la faraona ed infine una spolverata di verdure tagliate alla julienne. In cima a tutto, apponete un rapanello, lavato e ritagliato, come guarnizione. Servite e buon appetito!

4/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...

Filetto di rombo con pistacchi

Filetto di rombo con crema di pistacchi, gustoso

Filetto di rombo con crema di pistacchi, un secondo da leccarsi i baffi Il filetto di rombo con crema di pistacchi è un secondo piatto di pesce dal carattere gourmet. In primis perché il rombo...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti