Tagliatelle al pesto di cime di rapa: una delizia

Tagliatelle al pesto di cime di rapa
Commenti: 0 - Stampa

Tagliatelle al pesto di cime di rapa: un primo piatto diverso

Le tagliatelle al pesto di cime di rapa sono un primo piatto particolare. Sia chiaro, tanto le tagliatelle quanto il pesto di cime di rapa appartengono alla tradizione culinaria italiana, ma in genere sono protagonisti di pietanze diverse, e raramente vengono presi in considerazione per la medesima ricetta. Il pesto di cime di rapa, per esempio, viene abbinato soprattutto alle orecchiette, in quella che è una delle più famose specialità pugliesi.

Per quanto l’abbinamento cime di rapa e tagliatelle, specie quelle all’uovo, possa suonare strano, esso è in grado di dare vita a un primo piatto delizioso, nutriente, non troppo calorico e di facile preparazione. Certo, è necessario adottare alcuni accorgimenti per la preparazione del pesto, che in questo caso manifesta alcune differenze con il classico pesto di basilico.

Le tagliatelle rustiche De Angelis

Il segreto di questo piatto è rappresentato dalle tagliatelle rustiche De Angelis. Sono “classiche” tagliatelle all’uovo, realizzate seguendo le più antiche tradizioni, nel rispetto di quei valori che hanno reso grande e stimata in tutto il mondo la cucina italiana. Le tagliatelle rustiche De Angelis rappresentano solo una delle tante delizie offerte dall’azienda veronese, che da quasi quarant’anni porta nelle tavole di tutta Italia il meglio della tradizione pastaia.

L’offerta di De Angelis spazia dalla pasta ripiena, come i tortellini, alle sfoglie, fino alle più classiche lasagne. Propone una linea 100% biologica, una dedicata ai vegani e un’altra ancora dedicata a chi soffre di celiachia. In questo caso, i prodotti sono del tutto privi di glutine. La pasta gluten-free di De Angelis non è un semplice surrogato della variante normale. Per gusto e valori nutrizionali, infatti, è praticamente indistinguibile. Vi devo dire che se non sai che sono senza glutine non te ne accorgi nemmeno tanto sono buone. Ho fatto questo esperimento a una cena con amici e tanti mi hanno detto come ero stata brava a fare le tagliatelle!! Ovviamente ho fatto vedere la confezione e non mi credevano. Vale la pena di provarle.

Tagliatelle al pesto di cime di rapa

Il pesto di cime di rapa

Le cime di rapa, quando sono originali (ovvero appartenenti alla rapa sylvestris) non sono solo squisite, ma anche preziose dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è in primis allo straordinario contenuto di vitamine e sali minerali. Infatti abbondano di potassio, fosforo, calcio, magnesio e ferro. Dunque sono un toccasana per l’organismo e in particolare per la circolazione, la composizione sanguigna e le funzioni cognitive. Le cime di rapa contengono discrete dosi di vitamina C, che rafforza il sistema immunitario, e dosi ancora maggiori di vitamina A, che fa bene alla funzione visiva. Non mancano poi le vitamina J e K, e quelle del gruppo B. Le cime di rapa apportano anche alcuni antiossidanti, come la luteina e il beta carotene, sostanze che contrastano i radicali liberi e agiscono in funzione anticancro.

Le cime di rapa sono ricche sia di fibre che di acqua, ciò significa che aiutano la digestione e, allo stesso tempo, esercitano una funzione depurativa. L’apporto calorico, infine, è davvero ridotto, pari a circa 30 kcal per 100 grammi. Non trascurabile è anche l’apporto di proteine (il 3% circa),  e quasi nullo quello dei grassi.

L’altro protagonista della ricetta delle tagliatelle è il pesto alle cime di rapa. Questo condimento è diffuso soprattutto tra il Lazio e la Puglia, meno al nord, dove domina il pesto alla genovese. E’ tuttavia una squisita e valida alternativa a quest’ultimo. Il sapore, ovviamente, è diverso. Il pesto alle cime di rapa ha un gusto più rustico, leggermente meno aromatico ma decisamente più corposo.

Il pesto alle cime di rapa, poi, cela un segreto, una specie di asso nella manica che, di contro, manca nella ricetta del pesto alla genovese: le cime di rapa, infatti, prima di essere frullate, vengono sbollentate e soprattutto insaporite con l’aglio e il peperoncino.

Ecco la ricetta delle tagliatelle al pesto di cime di rapa

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di tagliatelle Rustiche De Angelis
  • 500 gr. di cime di rapa
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperoncino
  • 30 gr. di pinoli
  • 80 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Sbucciate le cime di rapa, affettatele e immergetele per tre minuti in acqua bollente leggermente salata. Successivamente, fatele rosolare per un quarto d’ora in una padella dove avete precedentemente fatto scaldare due cucchiai di olio, l’aglio e il peperoncino. A questo punto, frullate le cime di rapa nel mixer insieme ai pinoli, al parmigiano e all’olio fino a quando non avrete ottenuto una salsa dalla texture omogenea e dalla tonalità brillante.

Adesso occupatevi della pasta: semplicemente lessatela in abbondante acqua salata e scolatela. Conservate però un po’ di acqua di cottura. Versate la pasta in una terrina, aggiungete il parmigiano grattugiato e amalgamate il tutto con un po’ di acqua di cottura. Infine aggiungete 4 cucchiai (a persona) di pesto di cime di rapa e mescolate. Servite e buon appetito! Una nota sulla conservazione del pesto: esso va riposto in frigo, all’interno di un vasetto colmo di olio e a chiusura ermetica. Infine, va consumato entro tre, massimo quattro giorni.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti