Orzo con le fave: gusto, freschezza e proteine

  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    4 Ore 20 Minuti
Orzo con le fave

Orzo con le fave, un piatto fresco e benefico per la salute

Un primo piatto fresco e leggero: orzo con le fave

Quando arriva la bella stagione giunge anche quel momento in cui si ha più voglia di mangiare piatti freschi e leggeri, senza trascurare i benefici per la salute. Primi piatti come l’orzo con le fave rispondono perfettamente a questi criteri e oggi voglio spiegarvi perché, dandovi qualche consiglio sulle potenzialità degli ingredienti di questa ricetta.

Orzo con le fave: il sedano, un amico della pressione

Curarsi mangiando è possibile, così come lo è prevenire alcune patologie e diversi disturbi che possono essere tenuti sotto controllo assumendo verdure come il sedano, che aiuta tantissimo a tenere sotto controllo la pressione del sangue, grazie a sostanze che favoriscono il rilassamento delle pareti dei vasi ematici.

Amico anche del sistema immunitario per via della presenza della vitamina C, il sedano è contraddistinto pure da un alto contenuto di fibre, il che può fare la differenza per quanto riguarda il controllo del colesterolo LDL e la prevenzione di patologie a livello cardiovascolare.

Utilissimo contro la gastrite grazie ai flavonoidi, il sedano è anche diuretico ed efficace per quanto riguarda la perdita di peso per via dell’apporto calorico contenuto (a tal proposito è bene ricordare che fa particolarmente bene bere il succo di sedano).

Orzo con le fave: ecco perché mangiare fave fa bene

Si può sostituire la carne rossa come fonte principale di proteine? Certamente sì! Un soluzione utile al proposito riguarda l’assunzione di fave, un legume caratterizzato da un alto apporto proteico. Perché mangiare le fave fa bene? Prima di tutto per il fatto che, grazie all’apporto di proteine e fibre, contribuiscono in maniera importante al mantenimento del peso forma.

Contraddistinte anche da un importante contenuto di vitamina B, le fave sono ottime amiche del sistema nervoso. Ottima fonte di acido folico, le fave fanno la differenza anche per quanto riguarda il contrasto del colesterolo LDL.

La loro assunzione è efficacissima anche per quanto riguarda la prevenzione del diabete, in quanto grazie alle fibre è possibile tenere sotto controllo il rilascio degli zuccheri nel sangue. Con questo primo piatto è davvero facile prendersi cura della propria salute senza rinunciare al gusto!

Ottima alternativa anche per chi soffre di celiachia e intolleranza al lattosio, questa ricetta è alla portata di tutti e vi permetterà di rendere speciali quelle cene con gli amici durante le quali mangiare in maniera gustosa e semplice può fare la differenza! Provate per credere!

Ingredienti per 4 persone

  • 350 gr orzo perlato
  • 1 costola sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • mezzo bicchiere vino bianco secco
  • 1 lt brodo vegetale
  • 200 gr fave fresche o surgelate
  • 60 gr pecorino stagionato
  • 4 cucchiai olio extravergine oliva
  • q.b. pepe nero in grani
  • q.b. sale

Procedimento

  1. Ponete l’orzo in ammollo in acqua tiepida per circa 3 ore, quindi scolatelo, trasferitelo in una casseruola, versatevi sopra abbondante acqua fredda, coprite e portate a ebollizione; salate leggermente e lasciate cuocere l’orzo per 20 minuti, scolandolo molto al dente.
  2. Mondate e lavate la costola di sedano, raschiate la carota e sbucciate la cipolla: tritate grossolanamente il tutto con una mezzaluna. Nella stessa casseruola in cui avete cotto l’orzo scaldate tre cucchiai di olio e soffriggetevi il trito di verdure; aggiungete quindi l’orzo, bagnate con il vino bianco, fate sfumare e cuocete per altri 20 minuti allungando, a mano a mano, con il brodo vegetale ben caldo e continuando a mescolare.
  3. Nel frattempo scaldate in una padella l’olio restante e versatevi le fave fresche o surgelate; salate, profumate con una macinata di pepe, mescolate e fate saltare a fuoco vivo per 15 minuti. Unite le fave all’orzo 5 minuti prima del termine della sua cottura.
  4. Distribuite il tutto in fondine individuali e completate con il pecorino grattugiato.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *