Terrina di rombo e salmone all’arancia: coloratissimo

Terrina di rombo e salmone
Commenti: 0 - Stampa

Una terrina di rombo e salmone particolare

La terrina di rombo e salmone all’arancia è un secondo dal sapore eccellente, poco calorico, dagli elevati valori nutrizionali. Soprattutto, è un secondo ricercato. Il procedimento, infatti, non è dei più veloci e potrebbe apparire complesso (il riferimento è in particolare e al trattamento sottovuoto).

Tuttavia, se seguirete alla lettera le indicazioni che vi fornirò tra poco, non avrete difficoltà a realizzare una terrina di rombo e salmone coi fiocchi.

In ogni caso, ne vale la pena. Questa pietanza è veramente una gioia per gli occhi e per il palato. L’impatto visivo è notevole, frutto di una certa abbondanza di colori.

Il gusto è eccellente, poiché gli ingredienti, che sono tanti e diversi, non si coprono l’uno l’altro, bensì si valorizzano a vicenda. E poi, le proprietà nutrizionali sono ottime. Si tratta di una pietanza completa, per essere un secondo di pesce.

I pregi del rombo e del salmone

Gli ingredienti principali di questa ricetta sono, ovviamente, il rombo e il salmone. Due pesci all’apparenza molto diversi, accomunati però da due caratteristiche: sono buoni e vantano eccellenti proprietà nutrizionali.

esempio, entrambi contengono elevate concentrazioni di acidi grassi omega 3, che sono dei toccasana per l’apparato cardiocircolatorio e anche per funzioni cognitive.

Terrina di rombo

Entrambi, poi, contengono livelli elevati di fosforo e calcio, che rafforzano l’apparato scheletrico. Stesso discorso per il potassio, che contribuisce a mantenere la pressione nella norma.

Molto ricco è anche il contenuto delle vitamine del gruppo B, che apportano una serie di benefici all’organismo. Il tutto al costo di un apporto calorico ridotto, che non raggiunge in entrambi i casi i 200 kcal ogni 100 grammi.

Parliamo del rombo

Secondo i nutrizionisti, il rombo è un alimento consigliato a tutti, proprio perché sano e salutare. Tuttavia, è importante che ricordare che va consumato sempre ed esclusivamente cotto, scegliendo un prodotto di elevata qualità.

Infatti, si tratta di un pesce molto soggetto alla contaminazione di un parassita, l’Anisakis, che può infettare l’uomo. La cottura, fortunatamente, elimina al 100% questo rischio.

Se desiderate essere ancora più sicuri, potrete congelarlo per qualche giorno prima di cucinarlo. Abbinare il congelamento alla cottura permetterà non solo di evitare un eventuale contagio di Anisakis, ma persino di distruggere tutti i germi e i batteri che esso può aver assimilato dalla sabbia, non sempre pulita, dei nostri mari.

Per chi vuole consumare il pesce crudo, la migliore contromisura per neutralizzare l’Anisakis consiste nel congelare il pesce prima di mangiarlo.

Per distruggere tutte le larve del parassita è necessario tenere il pesce per almeno 24 ore a -20°C al cuore del prodotto. Questo trattamento è obbligatorio per legge per i ristoranti che vogliono servire pesce crudo.

Visto che i congelatori domestici generalmente arrivano a -18°C, i tempi si dilatano e bisogna tenere il pesce per almeno 96 ore (quattro giorni) in freezer per neutralizzare il rischio Anisakis.

Come dico sempre, dobbiamo portare nelle nostre cucine degli alimenti di qualità, sicuri e freschi. Quando si tratta di pesce, questo è ancor più importante. Infatti, si tratta di cibi che hanno bisogno di un’adeguata conservazione e che vanno cucinati al più presto, soprattutto quando sono freschi.

Tuttavia, uno dei principali errori da non fare con il rombo viene commesso proprio durante l’acquisto: si compra un prodotto quasi a occhi chiusi, senza soffermarsi sul suo aspetto (da cui è possibile determinare il grado di freschezza) e sulla sua provenienza.

La salsa all’arancia

Un tocco di creatività ulteriore è garantito dalla salsa all’arancia, che tra le altre cose aggiunge anche il colore e permette a questa speciale terrina di sperimentare i sentori agrodolci. E’ molto semplice da realizzare. Si tratta infatti di tagliare la scorza a fette sottili, farla sbollentare un po’, e poi bollirla con del miele e della polpa. Il risultato è straordinario, specialmente se in abbinamento con il pesce.

Importante è anche il ruolo della misticanza, che molti, specie se non originari del centro Italia, potrebbero non conoscere. E’ un formato di insalata che riunisce erbe aromatiche e lattuga semplice, ottima da sola o in abbinamento, come ad esempio come condimento di piatti a base pesce come la terrina di rombo e salmone.

Ecco la ricetta della terrina di rombo e salmone con salsa all’arancia

Ingredienti per 1 terrina:

  • 310 gr. di filetto di salmone
  • 320 gr. di filetto di rombo
  • 300 gr. di carote
  • 100 gr. di fagiolini
  • 200 gr. di broccoli
  • 1 mazzetto di maggiorana
  • 210 ml. di fumetto di pesce
  • 6 gr. di colla di pesce
  • 400 gr. di arance
  • 30 gr. di miele di acacia
  • 10 gr. di senape consentita
  • 60 gr. di misticanza
  • q. b. di sale

Preparazione:

Dopo averle lavate e sbucciate, tagliate le carote per lungo e immergetele per qualche minuto in acqua bollente. Fatele raffreddare con acqua e ghiaccio, asciugatele poi con della carta assorbente e mettetele da parte. Ripetete lo stesso procedimento con i fagiolini e i broccoli, salando però l’acqua.

Nel frattempo tagliate i filetti di pesce, e insaporiteli con sale e maggiorana tritata. Prendete uno stampo da terrina, adagiate uno stato di carote, completate alternando il filetto di salmone, le verdure e il rombo.

Dopo aver inserito la terrina in un sacchetto da cottura, condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatato a 62 gradi per un’ora e mezza. Poi fate raffreddare. Estraete infine la terrina dal sottovuoto.

Aggiungete al fumetto caldo la colla di pesce, fate raffreddare, versate tutto nello stampo della terrina e lasciate riposare in frigorifero.

Nel frattempo fate sbollentare per un paio di minuti le scorze di arancia tagliata a julienne. La polpa, invece, riducetela in cubetti e unitela al miele. Cuocete tutto (comprese la scorza) a fuoco basso per 40 minuti.

Adesso componete il piatto: tagliate la terrina a fette, adagiatela sui piatti di portata, infine servite con un po’ di salsa all’arancia e con la misticanza.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti