Tagliatelle agli spinaci con funghi pioppini e Montasio

Tagliatelle agli spinaci con funghi
Commenti: 0 - Stampa

Perché le Farine senza glutine e biologiche La Veronese?.

Oggi prepariamo le Tagliatelle agli spinaci con funghi pioppini. Le Farine senza glutine e biologiche rappresentano uno dei più apprezzabili prodotti che lo sviluppo della consapevolezza alimentare a tavola abbia generato. Scegliere prodotti certificati, rispettosi dell’ambiente è quanto di meglio possiamo fare. Perché il consumo di cibo più sano, più naturale e biologico è la vera premessa per la nostra buona salute psico-fisica.

Queste farine di differenti varietà, in particolare quelle di mais e di riso, possono essere la base di tante preziose preparazioni che possiamo realizzare in casa. La lista delle ricette sarebbe interminabile, però vogliamo selezionarne qualcuna davvero sana e genuina, seguendo a filo doppio il valore che è alla base della produzione di queste farine: il ritorno alla genuinità di un tempo.

Farina per polenta: un ingrediente davvero magico in cucina

Tra le tante, quella per polenta è una delle Farine senza glutine e biologiche La Veronese che più adoro, in quanto consente di realizzare una preparazione senza dubbio tra le più apprezzate ed antiche della tradizione culinaria del nostro Paese. La polenta è versatile e si presta agli abbinamenti più differenti, per accontentare i gusti un po’ di tutti. La ricetta tradizionale di origine lombarda si presta a tante rivisitazioni.

Tra i piatti più nutrienti e saporiti possiamo certamente consigliare i cubotti di polenta al rosmarino con lardo un piatto che mette insieme la leggerezza della polenta, di per sé poco calorica e certamente dal sapore piuttosto neutro, con il gusto intenso e predominante del lardo. Un abbinamento perfetto, bilanciato, che noi italiani, e ancor più i romani, abbiamo imparato ad apprezzare come piatto “must” di buffet e aperitivi.

tagliatelle agli spinaci

La grande qualità delle farine senza glutine e biologiche

La farina per polenta è solo uno degli svariati prodotti senza glutine e biologici che La Veronese vanta. Dispone infatti di una larga gamma di farine: di riso, di legumi, di ceci, di lenticchie; ed Il loro impiego si presta alla realizzazione di piatti salati ma anche di dolci nutrienti e rispettosi delle intolleranze alimentari.

Le farine senza glutine biologiche sono, in un’era come la nostra, in cui vogliamo avere consapevolezza di cosa mangiamo, una vera conquista in fatto di qualità e garanzia. Il rapporto con il cibo, come si vede, è cambiato e con esso, per fortuna, anche qualche ingrediente destinato a diventare protagonista in cucina.

Tagliatelle agli spinaci con funghi pioppini: Pasta fresca fatta in casa

Ormai da diversi anni, per preparare la pasta fresca direttamente a casa ci avvaliamo del pratico mix per pasta fresca La Veronese. Non c’è trucco e non c’è inganno! Il Bel Paese Mix – Mix per pasta fresca non è altro che una miscela delle migliori farine gluten free, dosate proprio per ottimizzare il risultato e preparare delle eccellenti paste fresche. Lasagne, tagliatelle, pappardelle, ravioli, tutto ciò che desiderate potrà essere confezionato in pochi minuti, semplicemente acquistando un unico prodotto. Tutto ciò che occorre fare è unire la componente umida alla miscela di farine ed impastare il tutto nella planetaria. Il gioco è fatto e non resta che liberare la fantasia e divertirsi a creare diversi formati! Con Bel Paese possiamo preparare eccellenti paste fresche senza glutine, senza lattosio ed a basso contenuto di grassi.

Tutte le paste più ricche e golose della tradizione culinaria italiana potranno essere preparate, in modo semplice e veloce, con l’acquisto di un solo prodotto anziché tante diverse farine. Da quando abbiamo cominciato ad utilizzare questo preparato, possiamo concederci il piacere della pasta fresca molto più spesso. Nel caso di queste sfiziose tagliatelle verdi agli spinaci abbiamo unito al magico mix un ingrediente in più, decisivo per il risultato finale. Parliamo, ovviamente, degli spinaci portatori di straordinarie proprietà nutrizionali e di un caratteristico colore verde.

Mangiare gli spinaci rende forti! Vorreste, quindi, farne mangiare di più ai vostri bambini? Con le tagliatelle agli spinaci potrete dare in pasto gli spinaci ai più piccoli, senza che se ne rendano conto. L’occhio vuole la sua parte e con le tagliatelle verdi il successo è assicurato!

Tagliatelle agli spinaci con funghi pioppini e Montasio

Quest’oggi serviamo a tavola le tagliatelle agli spinaci con funghi pioppini e crema di Montasio, una pietanza dai sapori forti che sa riscaldare a dovere anche le stagioni più fredde. Alla base di tutto ci sono delle ottime tagliatelle agli spinaci. Non sapete dove trovare queste sfiziose tagliatelle verdi? Nessun problema! Potrete tranquillamente prepararle a casa, anzi, ve lo consigliamo caldamente perché il risultato sarà davvero eccezionale. Ingrediente essenziale, oltre ovviamente gli spinaci, sarà il Bel Paese Mix – Mix per pasta fresca La Veronese. Oltre alle tagliatelle potete preparare altri formati di pasta: tagliolini, fettuccine etc.

Questa miscela di farine senza glutine è diventata vitale nella nostra cucina, potremmo dire un vero e proprio asso nella manica. Con un unico prodotto abbiamo a disposizione tutte le farine necessarie per preparare un buon mix da pasta fresca, senza stress e senza sprechi. Impastando questo mix, semplicemente unendo la componente umida, si ottiene in pochi minuti un impasto dalle performance ideali. Una specialità eccezionale, che ci divertiamo di volta in volta a personalizzare.

La Veronese e le farine senza glutine e biologiche non si sbaglia mai

Perché vi consigliamo il mix per pasta fresca de La Veronese e non uno di una qualsiasi marca? L’azienda La Veronese è un brand del quale abbiamo imparato a fidarci e, fin ora, possiamo dirlo, la nostra fiducia è sempre stata ben risposta. Con i prodotti La Veronese, abbiamo preparato ricette di ogni tipo, sempre in maniera semplice ed essenziale ma con ottimi risultati. Il segreto per buoni piatti è prepararli con tanto amore e buoni ingredienti. La Veronese utilizza solo ottime materie prime, frutto di coltivazioni biologiche e senza OGM. Inoltre, parliamo di un’azienda tutta italiana che sa conciliare le moderne tecnologie alla cura artigianale.

Un’azienda che ha deciso di dedicarsi in maniera specifica ai prodotti per intolleranze alimentari, destinando ricerche e sforzi per ottenere il meglio, in sicurezza e senza contaminazioni. Soprattutto nel caso della celiachia, sappiamo bene quanto possono far male delle pietanze senza glutine preparate in modo errato, con contaminazioni involontarie o ingredienti non sufficientemente sicuri. Per ovviare a questo, rivolgersi a marche di fiducia è essenziale come scegliere con attenzione il macellaio, il fruttivendolo e la panetteria!

Un primo che lascia il segno !

Per questo primo di oggi abbiamo utilizzato un’eccellenza del territorio italiano, parliamo del formaggio Montasio un prodotto D.O.P. originario del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. Questo formaggio, esistente in diversi gradi di stagionatura, viene prodotto con del latte di vacca ed è uno dei più tipici prodotti di montagna. Già nel 1200 i monaci Benedettini dell’Abbazia di Moggio Udinese avevano messo a punto un procedimento per conservare il latte durante l’inverno. Il Montasio è l’ingrediente principale di un piatto tipico friulano chiamato frico.

Possiamo definire il Montasio un formaggio dalle origini antiche e piuttosto pregiato, tanto che a fine ‘700 veniva venduto ad un prezzo elevato per l’epoca. La crema al formaggio abbraccia ed unisce alla perfezione le nostre tagliatelle di spinaci con pioppini e crema di Montasio, ci sarà da leccarsi i baffi.

Il Montasio  con un minimo di 60 giorni di stagionatura è naturalmente privo di lattosio e quindi adatto anche alle persone intolleranti a questo zucchero.

Ed ecco la ricetta delle tagliatelle di spinaci con pioppini e crema di Montasio:

Ingredienti per 4 persone:

per  le tagliatelle

  • 300 gr. di mix per pasta fresca La Veronese
  • 3 uova intere
  • 1 tuorlo
  • 20 gr. d’acqua naturale
  • 80 gr. di spinaci
  • un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
  • q.b. di farina di riso (per il tagliere)

per il condimento

  • 600 gr. di funghi pioppini
  • 1 spicchio di aglio
  • 150 ml di panna liquida consentita
  • 150 gr. di Montasio stagionato
  • qualche foglia di salvia
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • b. di sale e pepe

Preparazione:

Come prima cosa, lavate gli spinaci direttamente sotto l’acqua corrente. Senza scolarli, mettete gli spinaci in una pentola, chiudete col coperchio e lasciate in cottura per qualche minuto. Quando gli spinaci saranno appassiti, scolateli, lasciateli intiepidire e strizzateli. Mettete gli spinaci nel frullatore e riduceteli ad una crema liscia. Dedicatevi dunque all’impasto. Mettete tutti gli ingredienti nella vasca di una planetaria ed impastate energicamente con un braccio a foglia, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Rimuovete l’impasto dalla planetaria, avvolgetelo nella pellicola alimentare e riponetelo in frigo per circa 30 minuti. Dopo mezz’ora di riposo, riprendete l’impasto e lavoratelo su un tagliere cosparso di uno strato di farina di riso. Dividete l’impasto in panetti e stendeteli fino ad uno spessore di 2-3 millimetri. Una volta steso l’impasto, riprendetelo per passarlo nell’accessorio per tagliatelle. Spolverate le tagliatelle con ulteriore farina di riso e componete dei nidi. Lasciate la pasta a risposo per almeno 1 ora prima della cottura.

In una pentola con un po’ d’olio, rosolate uno spicchio d’aglio e le foglie di salvia. Togliete la salvia e mettetela da parte, al suo posto in padella aggiungete i funghi (tagliati a tocchetti). Lasciate cuocere i funghi, unendo un po’ d’acqua calda a necessità. In un’altra pentola, scaldate la panna e scioglieteci dentro il formaggio Montasio, tagliato a tocchetti. Formaggio e panna dovranno cuocere fino a formare una crema densa. Spegnete la fiamma e tenete la crema in caldo.

Nel frattempo cuocete le tagliatelle verdi in abbondante acqua calda lievemente salata. Quando saranno al dente, scolatele e saltatele in padella con i funghi, unendo la crema di Montasio e la salvia croccante.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-03-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti