Pesto di kale o cavolo riccio : un tocco di raffinatezza

Pesto di kale
Commenti: 1 - Stampa

Volete portare in tavola una pasta perfetta sia per chi soffre di celiachia, sia per gli intolleranti al lattosio? Oggi voglio darvi un consiglio speciale al proposito parlandovi di un condimento che, senza dubbio, vi aiuterà a stupire i vostri ospiti. Si tratta del pesto di kale, una variante tanto gustosa quanto sana di una delle ricette tradizionali più celebri della cucina italiana.

Pesto di kale : un tocco di raffinatezza che stupirà i vostri ospiti

Scoprirla significa approfondire i benefici di un ingrediente a dir poco unico, purtroppo spesse volte messo in secondo piano quando ci si mette ai fornelli per preparare qualcosa di buono. Sto parlando del kale, noto in Italia come cavolo riccio, e decisamente più apprezzato negli USA, dove hanno da poco istituito addirittura una giornata nazionale dedicata alle sue straordinarie proprietà benefiche.

La famiglia dei cavoli è molto allargata e ognuno di questi ortaggi detiene ottime proprietà nutrizionali. Per questo, le più svariate tipologie di cavolo sono presenti nelle ricette tradizionali in tutta Italia.

Il cavolo riccio o Kale è un vegetale piuttosto popolare in Puglia, coltivato negli orti di casa nell’area di Bari. Esso è considerato uno dei migliori super cibi per tantissime ragioni, è dotato di infinite virtù e in una porzione riusciamo a trovare pochissime calorie e un insieme incredibile di sostanze benefiche.

Esso contiene prima di tutto un’altissima quantità di vitamine, tra le quali la vitamina A, C (della quale ne è una eccellente fonte) , K e B6. Contiene poi Omega3, sali minerali come calcio, magnesio e potassio, poi contiene fibre e sostanze antiossidanti.

C’è inoltre da tener presente che la quantità di ferro contenuta nel cavolo riccio è più alta di quella presente nel peso analogo di una bistecca. Fra le proprietà di questo concentrato di benessere c’è la capacità di alleviare le artriti, aiuta a prevenire le malattie legate allo stress ossidativo e riduce i rischi relativi alle malattie cardiache ma i suoi benefici sono davvero innumerevoli.

kale

Viva il kale, ricco di antiossidanti e minerali

Le proprietà del kale lo rendono un vero e proprio superfood, apprezzato anche da molti vip del jet set hollywoodiano per via delle sue proprietà benefiche, aventi effetto sia sulla salute sia sulla bellezza. Tra le più importanti è possibile ricordare la presenza di un’alta quantità di antiossidanti, che vengono considerati validi soprattutto nell’ambito della prevenzione di tumori al colon, al retto e allo stomaco.

Da non dimenticare è anche l’ottimo apporto di minerali che può dare il kale. Perché le sue proprietà nutritive non risultino alterate è però essenziale consumarlo dopo averlo scottato per un lasso di tempo non superiore ai 5 minuti.

La preparazione del pesto di kale  è molto semplice, ma è bene fare attenzione a come si conserva il cavolo nero dopo averlo acquistato. Un aspetto da considerare ancora prima è però la freschezza. Per avere garanzie in merito basta controllare le foglie, che devono apparire di un colore brillante. Il passo successivo è appunto la conservazione. Per renderla ottimale è necessario, qualora non si abbia intenzione di cucinare subito il kale, riporlo in frigorifero avvolgendolo in un piccolo panno di carta assorbente.

Cosa fare se invece si punta a congelarlo? Semplicemente sbollentarlo per qualche minuto. Adesso non resta altro che correre in cucina per preparare questo straordinario condimento, un omaggio, adatto anche agli intolleranti al lattosio e ai celiaci, a una delle perle della nostra gastronomia, che si presta a tante e interessanti varianti ai fornelli.

Pesto di kale

Scopriamo come utilizzare il kale

Vediamo ora come si può utilizzare al meglio questa pietanza in cucina! Il cavolo riccio si può consumare saltato in padella come contorno, può essere cotto al vapore o sbollentato e usato come ripieno per torte salate o tortelli fatti in casa, si può aggiungere agli impasti (come si farebbe con gli spinaci) oppure può essere centrifugato.

Per preparare una ricetta veloce e molto appetitosa con il cavolo basta cuocere qualche foglia in forno con olio d’oliva, sale e spezie a piacere (paprika, pepe..) finché non raggiunge una consistenza croccante; otterrete delle super sane e gustosissime chips!

Questo ortaggio è ottimo anche per arricchire insalate di verdura o per dare un gusto più intenso alle  nostre  zuppe (soprattutto quelle invernali). Se vogliamo invece trasformarlo in  un condimento, basterà frullare le foglie del cavolo (precedentemente scottate e poi fatte raffreddare) insieme ad un pizzico di sale e dell’olio extra vergine di oliva.

Una volta ottenuto il composto lo si potrà impiegare per condire la pasta o come salsa da accostare a un riso basmati profumato con le spezie. Un altro modo per fare una salsa con il cavolo riccio è quello di utilizzare le sue foglie appena sbollentate per fare un’ottima e originale versione del pesto. Vediamo quindi come fare in modo super facile e veloce.

Ingredienti:

  • 8 foglie di cavolo riccio
  • 1 manciata di frutta secca mista (noci, mandorle e nocciole)
  • 20 gr di latte di riso
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi

Preparazione

In una pentola fate bollire dell’acqua e cuocete il cavolo per 10 minuti circa, scolate e raffreddate subito in acqua fredda e ghiaccio per fissare il colore. Frulliamo le foglie del cavolo riccio aggiungendo tutti gli ingredienti fino ad ottenere un pesto. Ottimo per condire la pasta, verdure o da mangiare insieme al pesce.

3.7/5 (3 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

1 commento su “Pesto di kale o cavolo riccio : un tocco di raffinatezza

  • Dom 5 Nov 2017 | flavia ha detto:

    salve, il Kale è ottimo anche crudo e mantiene tra l’altro ancor meglio le sue proprietà. Il pesto di Kale si fa a crudo, senza sbollentare le foglie

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

pesto di zucchine

Pesto di zucchine, una variante gustosa e delicata

Pesto di zucchine, una salsina multiuso Il pesto di zucchine non ha nulla da invidiare al classico pesto alla genovese. Anche perché condivide molto con quest’ultimo, persino il basilico....

burro alle ortiche

Burro alle ortiche, un condimento speciale

Burro alle ortiche, un’idea originale Il burro alle ortiche è una preparazione spalmabile dal gusto particolare in quanto si regge su una combinazione originale: quella tra il burro e l’ortica....

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti