bg header
logo_print

Penne con chiodini e riccioli di zucca, un piatto rustico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Penne con chiodini
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.3/5 (3 Recensioni)

Penne con chiodini e riccioli di zucca, un primo con abbinamenti azzeccati

Le penne con chiodini, speck e riccioli di zucca sono un primo piatto dal carattere rustico, pensato soprattutto per il periodo invernale. Spicca per un condimento sui generis, quasi croccante e per nulla liquido (non si basa sulle salse). Allo stesso tempo è facile da preparare e anche abbastanza veloce. Il condimento, infatti, è pronto entro il tempo di cottura della pasta. Per quanto concerne quest’ultima, potete scegliere le penne che preferite, tuttavia vi consiglio di fare una scelta diversa dal solito e utilizzare le penne con farina di riso integrale Da Costa.

Questo brand incarna la migliore tradizione italiana della pasta ma non manca di innovare, soprattutto quando si mette a disposizione di chi soffre di celiachia. Lo ha fatto proprio con le penne di farina di riso integrale, che sono gluten-free e davvero squisite. Per quanto concerne le modalità di cottura non cambia molto, bastano una decina di minuti in acqua bollente salata per ottenere una pasta al dente, pronta per unirsi al suo condimento.

Ricetta penne con chiodini

Preparazione penne con chiodini

Pulite accuratamente i chiodini e tagliateli grossolanamente. Poi tagliate lo speck a fiammifero, pelate l’aglio e lavate il rosmarino. Infine pulite la zucca e affettatela finemente con una mandolina. Ora stendete i fiammiferi di speck su di una teglia ricoperta di carta da forno e infornate per 10 minuti circa. Infine tenete da parte.

Poi rosolate in due cucchiai di olio extravergine d’oliva lo spicchio di aglio e il rosmarino. Infine versate i funghi, salate, pepate e lasciate cuocere per circa 30 minuti aggiungendo un po’ di acqua calda se necessario.

Nel frattempo lessate la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente. Versate le penne nella pentola con i chiodini, aggiungete lo speck e saltate per qualche minuto. Infine impiattate aggiungendo in ogni piatto dei riccioli di zucca e delle lamelle di Parmigiano Reggiano.

Ingredienti penne con chiodini

  • 360 gr. di penne di riso integrale Dalla Costa
  • 400 gr. di funghi chiodini
  • 2 fette di speck spesse
  • 1 fetta di zucca (200 gr. circa)
  • 80 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale e di pepe.

Le proprietà dei funghi chiodini

Il condimento di queste gustose penne è dato soprattutto dai funghi chiodini. I fughi vengono tagliati grossolanamente e cotti in un leggero soffritto di olio, aglio e rosmarino. Il metodo di cottura esalta il sapore dolce e acidulo di questi funghi, che risultano consistenti al palato. Producono anche una certa quantità di liquidi, sicché garantiscono una amalgama migliore al momento dell’aggiunta della pasta.

I funghi chiodini si fanno apprezzare per la loro forma particolare, che agevola il taglio. Inoltre vantano un buon profilo nutrizionale, che non fa rimpiangere i più accreditati champignon e porcini. Contengono anche una certa quantità di vitamina D (essenziale per il sistema immunitario), di potassio e di fosforo, che agiscono sulla pressione del sangue e sulla salute delle ossa. I chiodini sono poveri di grassi, carboidrati e proteine, sicché apportano poche calorie: 14 kcal per 100 grammi.

Lo speck fa ingrassare?

Queste penne con chiodini e riccioli di zucca includono anche lo speck, che va tagliato a fette spesse, poi a bastoncini e cotto al forno. In questo modo si ottiene una texture croccante, ideale come guarnizione finale. Attorno allo speck gravitano alcuni pregiudizi in quanto è considerato troppo grasso e persino nocivo. Il riferimento, in questo caso, è ai nitriti e nitrati, che in genere abbondano nelle carni trattate. In effetti lo speck apporta 300 kcal per 100 grammi, ma basta non esagerare con le dosi per non avere problemi. Per quanto concerne i nitriti e i nitrati sono presenti in quantità tali da non impensierire.

Inoltre, non bisogna dimenticare che lo speck garantisce tutte le proprietà nutrizionali delle carni rosse, infatti troviamo tante proteine e molte vitamine del gruppo B. Insomma, se consumato con moderazione, lo speck può risultare persino benefico. L’unico vero difetto è l’abbondanza di sodio, quindi è bene non aggiungere sale nelle preparazioni che vedono come protagonista questo tipo di salume.

Penne con chiodini

Come utilizzare il Parmigiano nelle penne con chiodini e riccioli di zucca?

La ricetta delle penne con chiodini, speck e riccioli di zucca è molto semplice, anche perché molti ingredienti vengono aggiunti alla fine a mo’ di guarnizione. La pasta, infatti, va saltata solo con i chiodini appena soffritti con aglio e olio. Ad ogni modo la guarnizione è data dai riccioli di zucca, ovvero da fettine sottili di zucca ricavate con la mandolina. La zucca non deve essere nemmeno cotta, infatti il sapore della zucca cruda è particolare, meno dolce e più delicato. La zucca aggiunge anche colore e spessore nutrizionale. È ricca di vitamina C e vitamina A, oltre che di sali minerali, fibre e acqua.

La guarnizione prosegue anche con l’immancabile Parmigiano, che per l’occasione non viene grattugiato, bensì tagliato a lamelle e adagiato sulla pasta. In questo modo il formaggio non è più un ingrediente di supporto, ma un ingrediente nel vero senso della parola. Il suo sapore interagisce con la zucca, creando un bel contrasto dolce – salato. Infine lo speck va adagiato non appena è diventato molto croccante. Come spezia potete aggiungere il timo, che è più delicato del basilico e presenta note agrumate. Si ha così un primo che si inserisce sul solco delle paste all’italiana con peculiarità davvero notevoli.

Ricette ai funghi ne abbiamo? Certo che si!

3.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti con asparagi e totani

Spaghetti con asparagi e totani, un primo tra...

Cosa sapere sugli asparagi viola I protagonisti di questa ricetta, nonché gli ingredienti che la valorizzano maggiormente, sono gli asparagi viola. Rispetto agli asparagi classici non si...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...