bg header
logo_print

Farfalle ai carciofi e pistacchi, un trionfo di bontà

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Farfalle ai carciofi zucca e pistacchi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
1.5/5 (2 Recensioni)

Farfalle ai carciofi e pistacchi, una ricetta semplice che rende molto

Le farfalle ai carciofi, zucca e pistacchi si inseriscono nel solco dei primi all’italiana che giocano su abbinamenti che rendono sotto tutti i punti di vista: colore, sapore e texture. La zucca aggiunge sentori dolci e intensi, i carciofi conferiscono al piatto note acidule, i pistacchi invece garantiscono una buona texture e aggiungono sapidità. Per quanto concerne le farfalle credo che siano il formato di pasta migliore per questa ricetta, o almeno quando il condimento non è formato da una salsa.

Per quanto riguarda il procedimento, invece, non ci sono sorprese di sorta. Si tratta di cuocere la zucca e i carciofi su un leggero soffritto di aglio. Poi va saltata la pasta nel condimento così ottenuto e va guarnito il tutto con pepe rosa e pistacchi tritati. Le farfalle ai carciofi, zucca e pistacchi sono un primo per ogni occasione. Sono ottimi quando il tempo scarseggia e non si vuole rinunciare al gusto. Il piatto può essere riproposto anche nelle cene tra amici, in quanto le farfalle fanno la loro bella figura in virtù di una varietà cromatica davvero invidiabile data dal verde, dall’arancione e dal giallo.

Ricetta farfalle ai carciofi

Preparazione farfalle ai carciofi

Mondate i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e parte del gambo. Poi tagliateli a metà e togliete l’eventuale “barba” interna, quindi tagliateli a piccoli spicchi e metteteli in acqua acidulata con succo di limone per 10 minuti.

Trascorso questo lasso tempo prendete un tegame antiaderente fate rosolare lo spicchio d’aglio con l’olio caldo, quindi eliminatelo e aggiungete i carciofi ben scolati e la polpa di zucca tagliata a dadini.

Regolate di sale e cuocete, poi unite se necessario poca acqua e mescolate per circa 10 minuti. Mettete intanto a lessare la pasta, scolatela al dente e versatela nel tegame con gli ortaggi. Fate saltare in padella per 2 minuti, poi servite guarnendo con i pistacchi e il pepe rosa. Buon appetito!

Ingredienti farfalle ai carciofi

  • 260 gr. di farfalle consentite
  • 4 carciofi
  • 400 gr. di polpa di zucca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di pistacchi tritati grossolanamente
  • qualche grano di pepe rosa
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale.

Il ruolo della zucca nelle farfalle ai carciofi

Tra gli ingredienti principali di queste farfalle ai carciofi spicca la zucca, uno degli alimenti cardine della cucina italiana, protagonista di molte ricette e preparazioni. La zucca piace perché è molto versatile e può partecipare ai primi e ai secondi piatti. In virtù della sua dolcezza intrinseca può fungere da ingredienti di torte, soprattutto se viene integrata nell’impasto. La texture morbida porge il fianco alla preparazione di salse e vellutate, ma è perfetta anche per i condimenti più consistenti, come in questo caso.

La zucca è anche una miniera di nutrienti. A fronte di un apporto calorico minimo, che viaggia sulle 26 kcal per 100 grammi, garantisce molte vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina C e soprattutto alla vitamina A, che risulta essenziale per la vista. La zucca contiene anche il betacarotene e una certa presenza di fibre, che aiutano a digerire. Non va dimenticato, poi, che la zucca contiene anche semi commestibili, che apportano meno calorie rispetto agli altri tipi di semi e sono ricchi di acidi grassi benefici.

Una guarnizione semplice per le farfalle ai carciofi

Tra i punti di forza delle farfalle ai carciofi spicca la guarnizione, che è affidata quasi interamente ai pistacchi. Questi vengono tritati in modo grossolano e posti prima del servizio. I pistacchi producono un bel contrasto a livello di texture, in quanto esprimono una certa croccantezza. Inoltre aggiungono anche una spiccata sapidità, tale da rendere più saporito il piatto. I pistacchi piacciono a tutti, infatti figurano tra la frutta secca che ricorre maggiormente nelle preparazioni, siano esse salate o dolci. Il bello è che fanno anche bene alla salute se vengono consumati con moderazione. È bene non dimenticare, però, che il loro apporto calorico è elevato e si aggira sulle 560 kcal per 100 grammi.

A parte ciò, i pistacchi contengono molti grassi benefici, che giovano alla salute del cuore. Sono anche ricchi di sali minerali, come il magnesio, che incide sul metabolismo e mantiene alti i livelli energetici. Contengono poi la vitamina E, che funge da antiossidante e riduce il rischio di contrarre il cancro. I pistacchi hanno due difetti: l’apporto calorico e l’apporto di sodio, che dipende dal loro trattamento. Il consiglio, quindi, è di aggiungere poco sale nelle preparazioni che li vedono come protagonisti.

Farfalle ai carciofi, zucca e pistacchi

Come gestire i carciofi?

Nelle farfalle i carciofi formano con la zucca un abbinamento eccellente, che valorizza questo primo a base di farfalle. Il sapore acidulo dei carciofi valorizza quello lievemente dolce ma intenso della zucca. I carciofi garantiscono sentori aciduli perché vengono immersi in acqua condita con del succo di limone. Si tratta di un accorgimento necessario affinché non anneriscano e mantengano la loro brillante tonalità verde. Ovviamente i carciofi vanno tagliati a dovere, eliminando le foglie più coriacee e la barbetta interna.

I carciofi contribuiscono anche a migliorare lo spessore nutrizionale del piatto, infatti sono ricchi di vitamina C e di potassio, che regolarizza la pressione del sangue. Inoltre sono depurativi e digestivi grazie alla loro abbondanza di acqua e di fibre. L’apporto calorico, infine, è molto basso e non raggiunge le 50 kcal per 100 grammi.

Ricette ai carciofi ne abbiamo? Certo che si!

1.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...