Crema di sedano rapa e cozze: gusto e nutrimento

Crema di sedano rapa e cozze
Commenti: 0 - Stampa

Un piatto con metà cozze fritte e metà al naturale

Questa crema di sedano rapa, cozze e curcuma è un gioco di colori e sapori. Un po’ inganna l’occhio, dobbiamo ammetterlo, ed in realtà l’effetto è cercato e voluto! Ad un primo sguardo si notano delle cozze sgusciate ed altre ancora con il guscio naturale, ma così non è!

La composizione, a ben vedere, si avvale di cozze al naturale e di cozze fritte in una pastella particolare, colorata col nero di seppia. Tra le tante applicazioni possibili col nero di seppia, questa è una delle più simpatiche! La pastella così annerita e saporita è un quid pluris per delle cozze fritte capaci di sprigionare sapori meravigliosamente intensi e goderecci.

Il sedano rapa, protagonista di una ricetta davvero delicata

Preparatevi ad assaporare una meravigliosa crema! Protagonista di questa ricetta è il sedano rapa, un ortaggio dalle proprietà straordinarie, molto apprezzato al nord Italia e quasi sconosciuto al sud. Questo tipo di ortaggio viene chiamato talvolta “sedano di Verona” ed è caratterizzato da una radice globulosa e nodosa, bianca internamente e marrone esternamente, dal sapore particolare.

Crema di sedano rapa e cozze

Il sedano rapa contiene proteine, carboidrati, grassi, fibre, vitamine, antiossidanti e sali minerali, insomma, tutto quel che ci può servire per vivere bene ed in salute! Gustando questo primo caldo e cremoso ci sentiamo ricaricati, grazie a ferro, sodio, rame, potassio e manganese.

Crema di sedano rapa, un primo caldo per la stagione autunnale

Per apprezzare al meglio la crema di sedano rapa, cozze e curcuma, l’ideale è sfruttare la stagionalità delle materie prime. In particolare il sedano rapa viene raccolto dalla fine del mese di agosto alle prime gelate invernali, quindi generalmente fino a dicembre.

Per apprezzare al meglio una pietanza calda e vellutata come questa crema conviene dunque scegliere la stagione autunnale, per godere di tutte le proprietà del piatto e trarne calore ed energie. Una pietanza perfetta per depurare l’organismo e liberarlo dalle tossine.

Ed ecco la ricetta della crema di sedano rapa, cozze e curcuma:

Ingredienti per 6 persone:

  • 500 gr. di cozze
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 gr. di porri
  • 1 foglia di alloro
  • 200 gr. di patate
  • 500 gr. di sedano rapa
  • q. b. di brodo vegetale
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 1 uovo
  • 20 gr. di amido di mais
  • 5 gr. di nero di seppia
  • ½ dl. di latte Accadi
  • 1 mazzetto di finocchietto
  • q. b. d’olio per friggere
  • 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

La preparazione della crema di sedano rapa, cozze e curcuma richiede delle fasi separate. Cominciate dedicandovi alla pulizia delle cozze, raschiando con una spazzolina apposita o una paglietta di metallo il guscio.

Pulite tutte le impurità del guscio, facendo attenzione a non premere troppo perché potrebbe spaccarsi.

Sciacquate poi le cozze con dell’acqua corrente fredda, così da rimuovere tutte le impurità eventualmente rimaste.

Le cozze potrebbero presentare una barbetta beige, quest’ultima è nota come bisso ed è anch’essa da rimuovere.

Mettete le cozze pulite nello scolapasta per agevolarvi nelle varie operazioni e rimuovete il liquido in eccesso.

Prendete una casseruola e versatevi dell’olio extravergine d’oliva. Scaldate l’olio con uno spicchio d’aglio sbucciato, unite poi le cozze e fatele saltare per un paio di minuti.

Chiudete la casseruola con un coperchio e lasciate in cottura le cozze, attendendo che si aprano da sole.

Qualora doveste notare cozze che non si aprono, estraetele e buttatele via.

A cottura completata, spegnete il fuoco e togliete il coperchio.

Attendete che le cozze si raffreddino un po’, poi sgusciatele facendo attenzione a non scottarvi.

Mondate i porri, affettateli finemente e metteteli in una padella ad appassire con un giro d’olio e alcune foglie d’alloro.

Mondate anche il sedano rapa, sbucciatelo e riducetelo a cubetti. Infine, mettete il sedano a cuocere in padella assieme ai porri.

Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti, mettendole anch’esse nella padella col resto.

Aggiungete del brodo fino a sommergere i pezzetti d’ortaggio, coprite e lasciate cuocere il tutto per circa 40 minuti.

A termine del tempo indicato, insaporite con del sale ed aggiungete la curcuma.

Mescolate tutto, estraete le foglie d’alloro e frullate finemente per ottenere una crema. In una coppetta unite uovo, amido di mais, nero di seppia e latte, sbattendo energicamente questa pastella scura.

Separate metà delle cozze precedentemente sgusciate ed immergetele nella pastella.

Scaldate una padella con dell’olio e quando sarà ben caldo friggete le cozze pastellate.

Rimuovete le cozze non appena si saranno ben gonfiate e depositatele su della carta assorbente.

A completamento dell’operazione, salatele leggermente.

Componete dunque il piatto della crema di sedano rapa, cozze e curcuma, versandone una mescolata nel piatto da portata ed adagiando un po’ di cozze al naturale ed un po’ di cozze fritte.

Completate il tutto con del finocchietto e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti