Lasagnetta con crema di cozze: piatto per ogni occasione

Lasagnetta con crema di cozze
Commenti: 0 - Stampa

Primo piatto sfizioso? Lasagnetta con crema di cozze.

La lasagnetta con crema di cozze è un primo piatto diverso dal solito, innovativo e anche semplice da preparare. Per creare la pasta per la nostra lasagnetta andremo a fare due impasti con farine senza glutine e con un alto contenuto di proteine. Il primo impasto lo creeremo con la farina di fagioli neri, mentre il secondo lo realizzeremo con la farina di amaranto.

Realizzati i due impasti, uno con la farina di fagioli neri faremo dei tagliolini dallo spessore di circa 0,3 centimetri, mentre con la quella di amaranto delle sfoglie sottili per la lasagna. Con queste due paste otterremmo una bella sfoglia bicolore.

La seconda parte della ricetta prevede la preparazione della crema di cozze. Questa crema è molto saporita e prevede l’impiego di vari ingredienti come: le cozze, le patate, la cipolla, il peperoncino e il vino bianco. La crema andrà poi a condire la lasagnetta creando un connubio perfetto sia di consistenze sia di sapori.

Farina di Amaranto e Farina di Fagioli neri

Come abbiamo visto per realizzare la lasagnetta con crema di cozze utilizzeremo due tipi di pasta fresca realizzate con la farina di amaranto e con quella di fagioli neri. Uno dei principali vantaggi di entrambe le farine è il loro essere completamente senza glutine e anche ricche di proteine essenziali. Ma quali sono i loro principali benefici?

La farina di fagioli neri apporta un gran numero di fibre e proteine all’organismo, ed è un sostituto ideale alla pasta tradizionale per chi soffre di intolleranza al grano o di celiachia. Noi abbiamo scelto di utilizzare in questa ricetta la farina di fagioli neri La Veronese, che presenta la consistenza ideale per riuscire a stendere la pasta.

Questa presenta dei valori nutritivi molto elevati, in quanto i fagioli neri offrono delle ottime proteine vegetali e anche sostanze nutritive come antociani, antiossidanti ed enzimi. La farina realizzata da questi fagioli è anche ricca di sali minerali necessari per il benessere fisico come: il magnesio, il fosforo, il ferro, il calcio e il manganese. Anche le vitamine contenute sono molto importanti, infatti le principali sono quelle del gruppo B come l’acido folico. Questa farina si presenta ideale anche per chi soffre di diabete, perché questa aiuta a mantenere basso i livelli di zucchero all’interno del sangue.

Lasagnetta con crema di cozze

La seconda farina che utilizzeremo per le lasagnette espresse con crema di cozze è quella di amaranto, tra le varie proposte noi abbiamo scelto di usare per questa ricetta la Farina di Amaranto La Veronese. Come quella di fagioli neri, anche questa è senza glutine e ideale per chi soffre di malattie come la celiachia.

Questa farina è molto ricca di fibre e anche al quanto digeribile, per questo la si consiglia a chi soffre di problemi intestinali, ma anche agli anziani e ai bambini piccoli. La farina è anche ricca di proteine ad alto valore biologico quindi è consigliata a chi segue una dieta vegetariana o vegana. Oltre a contenere molte proteine, questa offre anche diversi Sali minerali come: calcio, fosforo, magnesio e ferro. Infine, il suo comparto vitaminico prevede vitamine del gruppo C e B, acido aspartico, arginina, alanina e acido glutammico.

Lasagnetta con crema di cozze: ideale per pranzi e cene

Spesso quando sentiamo parlare di lasagne spesso pensiamo a un primo piatto destinato solo ai giorni importanti, quelli di festa oppure le occasioni speciali. In realtà, data la semplicità di questa ricetta, la lasagnetta con crema di cozze, è perfetta per ogni occasione. Ad esempio, puoi scegliere di prepararla a pranzo per la tua famiglia e i tuoi bambini, oppure puoi optare per la preparazione durante una cena con amici. Il suo sapore sapido, il gusto cremoso delle cozze e delle patate, rende questa lasagnetta un piatto apprezzato da tutti.

Le farine impiegate non rappresentano l’unico elemento di diversità di questa lasagna. Anche la farcitura è molto distante da quanto suggerisce la tradizione. D’altronde stiamo parlando proprio della crema di cozze, che rompe gli schemi, dal momento che la lasagna è tradizionalmente una pietanza a base di carne. Eppure, ve lo assicuro, la loro presenza è più che giustificata. A maggior ragione se arricchita, e anzi corretta, da tanti altri ingredienti. Si contano, tra gli altri, la cipolla, le patate, il prezzemolo e il limone.

Le cozze non sono solo buone, ma anche valide dal punto di vista nutrizionale. Sono una fonte inestimabile di proteine, che rappresentano il 12% del contenuto complessivo. Inoltre, apportano ottime quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Questi ultimi esercitano una funzione antitumorale in quanto riducono lo stress ossidativo e contrastano i radicali liberi. Per il resto si segnalano ottime concentrazioni di vitamine del gruppo B, potassio, ferro, magnesio, calcio, selenio e fosforo. Quest’ultima sostanza, come sicuramente saprete, impatta positivamente sulle performance cognitive. Il selenio, invece, agisce a protezione (e potenziamento) del sistema immunitario. Le cozze sono poco caloriche, ma contengono comunque una rilevante quota di grassi, pari al 3%. In realtà si tratta di grassi buoni, che giovano al cuore.

Per quanto concerne la ricetta, preparare la crema di cozze è molto semplice. Dovete soffriggere le cipolle e sfumarle con il vino bianco, per poi proseguire la cottura per 15 minuti. Dopodiché si aggiungono le cozze già cotte (ovviamente la parte commestibile) e il peperoncino. Si frulla il tutto e si mescola all’acqua di cottura delle cozze stesse. Questa fase è fondamentale perché consente al composto di risultare molto morbido, senza doverlo allungare con l’acqua ed avere, quindi, una perdita di sapore. La crema così ricavata soddisfa il palato, migliora l’impatto visivo delle lasagnette e non appesantisce più di tanto.

Ed ecco la ricetta della Lasagnetta con crema di cozze

Ingredienti per 4 persone

Lasagnetta di fagioli neri

  • 200 gr farina di fagioli neri La Veronese
  • 140 gr uovo intero
  • 4 gr sale

Lasagnetta di amaranto

  • 200 gr farina di amaranto La Veronese
  • 100 gr uovo intero
  • 1 gr sale

Per la crema di cozze

  • 60 gr di olio extravergine d’oliva
  • 60 gr di cipolla
  • 150 gr di patate
  • 150 ml di vino bianco secco
  • 300 gr di molluschi di cozze
  • 210/300 gr acqua di cottura delle cozze
  • un peperoncino (facoltativo)
  • 50 gr. di pane grattugiato consentito
  • qualche foglia di prezzemolo
  • una grattatina di scorza di limone
  • 1 spicchio d’aglio

Farina di riso  per lo spolvero

Preparazione

Impastate la farina di fagioli con l’uovo e il sale e formate un composto omogeneo. Impastate la farina di amaranto con l’uovo e il sale e formate un composto omogeneo.

Stendete la pasta di fagioli e formate dei tagliolini dello spessore di 0,3 cm. Stendete la pasta di amaranto e formate una sfoglia intera dello spessore di 0,3 cm

Ripulite dall’ eccesso di farina di riso usata per stendere e adagiate in modo non regolare i tagliolini di fagioli sulla sfoglia di amaranto. Riportate lo spessore della pasta (diventata bicolore) ottenuta all’ altezza di 0,4 cm. Tagliate dei quadrati di pasta e lessate in abbondante acqua salata per 3/4 minuti.

Pelate la cipolla e le patate e affettate finemente con una mandolina. Fate soffriggere in olio e sfumate con il vino bianco. Cuocete per circa 15 minuti.

Aggiungete i molluschi di cozza, il peperoncino e frullate. Aggiungete l’acqua di cottura delle cozze per ottenere una consistenza cremosa. Tostate il pane grattugiato in padella con olio, aglio, sale e pepe. Aggiungete il prezzemolo tritato

Montate la lasagnetta nel piatto intervallando gli strati di sfoglia con gli strati di crema. Lasciate l’ultimo strato libero e decorate intorno con molluschi di cozza e limone grattugiato. Prezzemolo croccante servito in parte.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con La Veronese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti