Melanzane rosse: è il momento di conoscerle!

Tempo di preparazione:

Cosa dovreste sapere sulle melanzane rosse?

Se non le avete mai assaggiate, probabilmente non le avete mai viste: infatti, se aveste fatto caso alle melanzane rosse, sicuramente avreste avuto la curiosità di provarle! Forse, ci siete passati davanti diverse volte e avete pensato di avere di fronte dei pomodori… Magari, non le avete proprio considerate, pensando appunto che fossero gli ortaggi che mangiamo praticamente ogni giorno. Qualunque sia il vostro caso, è arrivato il momento di provarle!

Soprattutto per chi ama cucinare, mangiare sano e sperimentare nuovi sapori, perdersi la possibilità di assaporare le melanzane rosse non è un’opzione! Pertanto, andate al più presto a cercarle dal vostro fruttivendolo di fiducia. Sono piccole, tonde e, chiaramente, hanno la buccia rossa, spesso accompagnata da alcune striature verdognole o arancioni. Proprio per il loro aspetto, possono facilmente essere scambiate per pomodori. Tuttavia, prestando attenzione, non avrete modo di sbagliarvi: queste melanzane sono differenti al tatto e, una volta tagliate, scompariranno tutti i vostri dubbi… Figuriamoci ad assaggiarle!

Non si tratta di un ortaggio qualunque

Le melanzane rosse presentano la tipica consistenza spugnosa delle melanzane comuni e hanno sempre quel sapore un po’ amarognolo. Questi ortaggi sono originari dell’Asia e dell’Africa, e la loro colorazione è dovuta all’incremento dei livelli di carotene presenti nella bacca durante il periodo maturazione. Si coltivano queste melanzane anche nella nostra penisola: la melanzana rossa italiana, conosciuta inoltre con il nome “melanzana di Rotonda” (un comune in provincia di Potenza), viene coltivata soprattutto in Basilicata.

Melanzane rosse

Secondo alcune fonti, le melanzane rosse furono importate in Italia nel XX secolo e da quel momento si diffusero ampiamente e rapidamente. Tempo fa, questo ortaggio rischiò l’estinzione, ma venne salvato dal lavoro di numerosi enti e di tanti agricoltori. In seguito, più precisamente nel 2007, arrivò a ottenere il riconoscimento del marchio DOP. A differenza delle melanzane comuni, quelle rosse vanno raccolte al termine della maturazione (da maggio all’inizio dell’autunno): solo così possono presentare il loro bellissimo colore rossastro.

In cucina con le melanzane rosse…

Da un punto di vista nutrizionale, abbiamo a che fare con un alimento carico di antiossidanti e noto per le sue proprietà antietà e per la capacità di contrastare i radicali liberi e di ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Le melanzane rosse sono molto amate dagli chef e da chi adora cucinare. A rafforzare queste preferenze, c’è sicuramente la loro versatilità: possono essere impanate e fritte, usate per la preparazione di sughi, cotte al forno, stufate, saltate in padella o grigliate.

Possono presentarsi come un semplice e leggero contorno, ma anche come uno sfizioso ingrediente per torte salate e tante altre ricette… Potrete inoltre mettere le melanzane rosse sott’olio e poi usarle per farcire panini e bruschette! Per quanto riguarda la conservazione, dovreste sapere che questo alimento non annerisce, neanche tante ore dopo il taglio. Queste melanzane possono inoltre essere legate insieme e messe a essiccare come si fa per pomodori e peperoncini. Insomma, con questo ortaggio possiamo fare di tutto e di più… e io non vedo l’ora di proporvi tante golose ricette che lo vedranno come protagonista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *