Melanzane rosse: è il momento di conoscerle!

Melanzane rosse
Commenti: 0 - Stampa

Cosa dovreste sapere sulle melanzane rosse?

Se non le avete mai assaggiate, probabilmente non le avete mai viste: infatti, se aveste fatto caso alle melanzane rosse, sicuramente avreste avuto la curiosità di provarle! Forse, ci siete passati davanti diverse volte e avete pensato di avere di fronte dei pomodori… Magari, non le avete proprio considerate, pensando appunto che fossero gli ortaggi che mangiamo praticamente ogni giorno. Qualunque sia il vostro caso, è arrivato il momento di provarle!

Nelle melanzane troviamo un polifenolo chiamto acido clorogenico. Un polifenolo diffusissimo nei vegetali, soprattutto nel caffè verde, pomodori, patate, pesche, pere, prugne, mele.  Secondo molti studi questo polifenolo sarebbe in grado di ridurre i valori della pressione sanguigna. Modula il rilascio di glucosio nel sangue dopo aver mangiato, riducendo l’assorbimento dello zucchero a livello intestinale. L’acido clorogenico avrebbe anche capacità antiossidanti, antinfiammatorie e antibatteriche.

Soprattutto per chi ama cucinare, mangiare sano e sperimentare nuovi sapori, perdersi la possibilità di assaporare le melanzane rosse non è un’opzione! Pertanto, andate al più presto a cercarle dal vostro fruttivendolo di fiducia. Sono piccole, tonde e, chiaramente, hanno la buccia rossa, spesso accompagnata da alcune striature verdognole o arancioni. Proprio per il loro aspetto, possono facilmente essere scambiate per pomodori. Tuttavia, prestando attenzione, non avrete modo di sbagliarvi: queste melanzane sono differenti al tatto e, una volta tagliate, scompariranno tutti i vostri dubbi… Figuriamoci ad assaggiarle!

Non si tratta di un ortaggio qualunque

Le melanzane rosse presentano la tipica consistenza spugnosa delle melanzane comuni e hanno sempre quel sapore un po’ amarognolo. Questi ortaggi sono originari dell’Asia e dell’Africa, e la loro colorazione è dovuta all’incremento dei livelli di carotene presenti nella bacca durante il periodo maturazione. Si coltivano queste melanzane anche nella nostra penisola: la melanzana rossa italiana, conosciuta inoltre con il nome “melanzana di Rotonda”. La Melanzana Rossa di Rotonda DOP viene coltivata soprattutto in Basilicata. Oltre che nel comune di Rotonda anche a Viggianello, Castelluccio Superiore e Castelluccio Inferiore. Tutti comuni in provincia di Potenza.

Secondo alcune fonti, le melanzane rosse furono importate in Italia nel XX secolo e da quel momento si diffusero ampiamente e rapidamente. Tempo fa, questo ortaggio rischiò l’estinzione, ma venne salvato dal lavoro di numerosi enti e di tanti agricoltori. In seguito, più precisamente nel 2007, arrivò a ottenere il riconoscimento del marchio DOP. A differenza delle melanzane comuni, quelle rosse vanno raccolte al termine della maturazione (da maggio all’inizio dell’autunno): solo così possono presentare il loro bellissimo colore rossastro.

La Melanzana Rossa di Rotonda DOP fresca va mantenuta in frigorifero o in luogo idoneo e asciutto. Tradizionalmente si conservano legate a grappoli e appese sotto tettoie ad asciugare. Ottime anche sotto olio e sotto aceto. Moltissime sono le ricette della cucina lucana che celebrano questa particolarissima melanzana: fritta e aromatizzata con menta e aglio; abbinata al caciocavallo podolico per condire fusilli; mescolata alla salsiccia in strepitose polpette. Si possono utilizzare anche le foglie, che sono più tenere rispetto a quelle delle altre varietà di melanzana e molto diverse nella forma e nelle dimensioni.

In cucina con le melanzane rosse…

Da un punto di vista nutrizionale, abbiamo a che fare con un alimento carico di antiossidanti e noto per le sue proprietà antietà e per la capacità di contrastare i radicali liberi e di ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Le melanzane rosse sono molto amate dagli chef e da chi adora cucinare. A rafforzare queste preferenze, c’è sicuramente la loro versatilità: possono essere impanate e fritte, usate per la preparazione di sughi, cotte al forno, stufate, saltate in padella o grigliate.

Possono presentarsi come un semplice e leggero contorno, ma anche come uno sfizioso ingrediente per torte salate e tante altre ricette… Potrete inoltre mettere le melanzane rosse sott’olio e poi usarle per farcire panini e bruschette! Per quanto riguarda la conservazione, dovreste sapere che questo alimento non annerisce, neanche tante ore dopo il taglio. Queste melanzane possono inoltre essere legate insieme e messe a essiccare come si fa per pomodori e peperoncini. Insomma, con questo ortaggio possiamo fare di tutto e di più… e io non vedo l’ora di proporvi tante golose ricette che lo vedranno come protagonista!

Un nuovo piatto  i vermicelli con melanzane rosse

Avete in programma un pranzo in famiglia o una cena con gli amici? Beh, ogni momento è quello giusto per provare i vermicelli con melanzane rosse, scamorza e datterini. Si tratta di un piatto di pasta goloso, nutriente e apprezzato ad ogni età. Questa ricetta potrà essere preparata senza fatica e in breve tempo e, di certo, i complimenti non tarderanno ad arrivare. Vi basterà fare una spesa ponderata, scegliere bene gli ingredienti e mettervi all’opera!

Un buon piatto di vermicelli con melanzane rosse è ciò che serve per saziare e nutrire l’organismo, ma anche per deliziare il palato di ogni ospite, dal più piccolo al più grande! Infatti, abbiamo a che fare con una pietanza che unisce in sé tanti sapori diversi che si sposano alla perfezione, donando un notevole e variegato apporto nutrizionale all’organismo. Perciò, vi chiedo: avete ancora qualche dubbio o siete già pronti per dirigervi ai fornelli? In ogni caso, ci sono alcune cose che dovreste assolutamente considerare. Iniziamo con l’alimento più particolare presente nella ricetta di oggi…

Pochi alimenti, per un pasto ricco di potenzialità

Come potrete vedere dalla lista di ingredienti, la ricetta dei vermicelli con melanzane rosse, scamorza e datterini si prepara con pochi alimenti, ben scelti e genuini. Pertanto, non farete fatica a reperire tutto ciò che vi serve. Tuttavia, potreste avere dei dubbi riguardo la varietà di melanzane che useremo: quelle rosse di Rotonda DOP. Forse non sarà facile trovarle, ma vi consiglio di recarvi dal vostro fruttivendolo di fiducia, di richiederle e di prestare un po’ più di attenzione… anche perché spesso vengono confuse con i pomodori!

vermicelli con melanzane rosse

Infatti, queste melanzane sono rosse e tonde, e l’aspetto può confondere le idee. Ad ogni modo, fin dal primo tocco non avrete dubbi: la consistenza è proprio quella tipica delle melanzane comuni. Anche il sapore è decisamente molto simile… e non ha nulla a che fare con quello dei pomodori! Dovreste sapere inoltre che questi ortaggi protagonisti della ricetta di oggi si coltivano perlopiù in Basilicata. Grazie ad essi, i vostri vermicelli con melanzane rosse, scamorza e datterini vi garantiranno un’ulteriore dose di antiossidanti, vitamine, minerali e fibre.

Caratteristiche dei vermicelli con melanzane rosse

Secondo le ricerche, le melanzane rosse sono perfette per favorire la nostra salute, proprio per il loro elevato contenuto di sostanze nutritive. A questo proposito, è utile sottolineare che si presentano come ortaggi antietà e il loro consumo aiuta a contrastare i danni dei radicali liberi e a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Insomma, questi vermicelli con melanzane rosse, scamorza e datterini si riveleranno proprio una pietanza perfetta per tutti coloro che amano preparare sempre dei menu salutari, genuini e golosi allo stesso tempo!

Chiaramente, non dobbiamo dimenticare che persino gli altri ingredienti di base possono fare la differenza per la nostra salute, proponendoci un altro valido apporto di fibre, carboidrati, antiossidanti, proteine e molto altro. In pratica, con la ricetta dei vermicelli con melanzane rosse porteremo in tavola proprio tutto, dalla bontà… al nutrimento. Assolutamente da provare!!

Ingredienti per 4 persone

  • 280 gr. di vermicelli di riso Suzi Wan
  • 3 melanzane rosse di Rotonda DOP
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 150 gr. di datterini
  • ½ scamorza affumicata Libera
  • basilico fresco q.b.
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Mettete a bollire l’acqua della pasta e, nel frattempo, lavate e mondate le melanzane rosse, tagliatele a listarelle e fatele soffriggere in padella con poco olio. Aggiungeteci la cipolla di Tropea tritata finemente, un mestolo d’acqua di cottura e un po’ di basilico tritato. Poi cuocete per circa 5/6 minuti.

Una volta cotta la pasta, fatela saltare tutto in padella; aggiungete i datterini tagliati a metà, grattugiate la scamorza affumicata e guarnite con basilico. Servite subito!

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una pianta tra le  più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti