Mai Tai: il cocktail dal sapore tropicale

Mai Tai
Commenti: 0 - Stampa

Mai Tai, il cocktail tropicale

Avete mai provato un Mai Tai? Questo cocktail di origine californiana è la compagnia perfetta per un aperitivo fra amici, magari all’aria aperta, durante la bella stagione. Sorso dopo sorso, il Mai Tai conquisterà tutti i vostri ospiti e li porterà in un’atmosfera tropicale. La ricetta di questo cocktail è piuttosto semplice, anche se è necessario seguire passo a passo tutti gli step della ricetta. Trasformatevi per un giorno in un bartender!

Gli ingredienti che ho scelto per elaborare il Mai Tai sono: rum chiaro, rum scuro, orange curacao, sciroppo di orzata e succo di lime fresco. Con un po’ di pazienza riuscirete a trovare tutti gli ingredienti e a preparare in pochi minuti un perfetto cocktail. Se preferite dare più opzioni ai vostri ospiti potete preparare, oltre al Mai Tai, anche altre bevande, con o senza alcol, come una granita al mojito con lime e menta, un whiskey sour o un cocktail analcolico zenzero e cannella.

La storia del Mai Tai

Ci sono diverse opzioni che possono spiegare la nascita del Mai Tai. La più probabile riguarda la creazione di questo cocktail da parte di Victor J. Bergeron, conosciuto come “Trader Vic”, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, a Oakland, in California. Questo bartender, in attesa di ricevere nel ristorante un gruppo di amici di Tahiti, decise di creare un nuovo cocktail per dargli il benvenuto. Sembra che la bevanda piacque molto, tanto che uno degli ospiti, dopo aver provata, esclamò “Mai Tai Roa Ae”, che, in poche parole, significa “il migliore”. Da questa esclamazione nacque il nome del cocktail.

Mai Tai

Come ogni invenzione che si rispetti, anche in questo caso, qualcun altro reclamò la paternità del Mai Tai: fu Ernest Raymond Beaumont Gantt, conosciuto come Don the Beachcomber. Questo barman e proprietario di un ristorante di Hollywood, infatti, affermava che il Mai Tai era molto simile al suo cocktail Zombie. A quanto pare, però, nonostante siano simili, questi due cocktail non avrebbero lo stesso sapore. Interessante, no? Conoscete anche la storia di un cocktail 100% italiano, il Negroni?

Gli ingredienti principali del Mai Tai

Alla base del Mai Tai troviamo un mix di rum chiaro e scuro. Ricordate di scegliere bevande di qualità per poter avere un risultato ottimale. L’altro protagonista di questo cocktail è l’orange curacao, un liquore con secoli di storia. Nel 1500, infatti, gli spagnoli decisero di provare a piantare le arance nell’isola di Curaçao. Tuttavia, il risultato non fu positivo, in quanto i frutti erano immangiabili. Nonostante ciò, qualcuno scoprì che le bucce di queste arance potevano essere utilizzate per creare un liquore, il curacao appunto.

Un altro ingrediente fondamentale del Mai Tai è lo sciroppo di orzata. Si tratta di una bevanda analcolica che viene elaborata con le mandorle anche se in passato veniva preparata con l’orzo. È un ingrediente fondamentale visto che aggiunge un tocco piuttosto dolce alla bevanda e la rende più attraente per quelle persone che non amano gli alcolici troppo forti. L’ultimo tocco indispensabile del Mai Tai è il succo di lime. Dev’essere necessariamente fresco, per poter aggiungere un sapore acidulo e inconfondibile al cocktail.

Ed ecco la ricetta del Mai Tai 

Ingredienti

Preparazione

Preparare il Mai Tai è abbastanza semplice, c’è solo una piccola accortezza da seguire: il rum scuro deve essere messo solo alla fine.

Mettere tutti gli ingredienti in uno shaker con del ghiaccio. Agitate finché la mistura non è bella ghiacciata e versate, filtrando, in un bicchiere highball o in una tazza tiki.

Versare delicatamente il rum scuro e guarnite con una fetta d’arancia

Ecco un elenco di rum senza glutine

  • Appleton Estate Jamaica Rum
  • Bacardi
  • Brugal
  • Rum di Bundaberg
  • Capitano Morgan Rum
  • Contessa
  • Rum Cruzan
  • Havana Club
  • Madira
  • Rum di Malibu
  • McDowell’s No. 1 Celebration
  • Montilla
  • Montare il rum gay
  • Rum di Myer
5/5 (326 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti