bg header

Mini cheesecake al kiwi su stecco, dessert da passeggio

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Mini cheesecake al kiwi

Per un dessert da passeggio ecco le mini cheesecake al kiwi

Quant’è buona la cheesecake e quant’è buono il gelato! Meditavo su un dolce inedito, in cui abbinare questi due elementi, quando mi sono venute in mente le mini cheesecake al kiwi su stecco! Cosa sono?

Sono delle monoporzioni di cheesecake da servire come se fossero un gelato da consumare come merenda pomeridiana o come dessert dopo un pranzo o una cena tra amici e parenti.

Il successo è assicurato, infatti, ho subito testato la loro bontà servendoli dopo un pranzo domenicale in famiglia. Inutile dirvi che tutti ne sono stati entusiasti, specialmente i bambini!

È un modo sano e sfizioso di mangiare latticini e frutta fresca. La naturale asprezza del kiwi è ingentilita dal retrogusto alla vaniglia dello yogurt greco e, per un tocco di croccantezza, ci sono i biscotti sbriciolati.

Potete scegliere gli ingredienti che più vi piacciono, ma la mia versione delle mini cheesecake al kiwi su stecco è da provare!

Quante cose ci sono da scoprire sul kiwi: vediamole insieme

Nonostante il kiwi sia originario della Cina, il suo nome è legato alla Nuova Zelanda. Riuscite ad indovinare perché?

Iniziamo dal principio, il kiwi, protagonista della nostra ricetta di mini cheesecake al kiwi su stecco, venne importato agli inizio del ‘900 in Nuova Zelanda, dove ebbe moltissimo successo. Si decise, addirittura, di associare questo frutto al Paese, chiamandolo “kiwi” per ricordare l’uccello simbolo della Nuova Zelanda, anch’esso denominato “kiwi”.

Non è curioso? E ciò che è ancora più interessante, è che questo frutto, dal sapore così particolare, sia ricco di sostanze nutritive come l’acido ascorbico, in grado di trasformare il colesterolo in sali biliari.

Inoltre, contiene alti livelli di rame e ferro, che sono sali minerali importantissimi per chi soffre di anemia. Per non parlare della vitamina C: ne contiene tanta da superare di molto la quantità contenuta negli agrumi!

Oltre ad essere dissetante, diuretico e rinfrescante, potenzia anche le difese immunitarie. Siete ancora perplessi se provare o no le mini cheesecake al kiwi su stecco?

Sapete la differenza tra yogurt classico e yogurt greco? 

Per realizzare le mini cheesecake al kiwi su stecco, ho usato lo yogurt greco. La sua consistenza soda lo rende un ottimo sostituto dei formaggi spalmabili, che sono l’ingrediente principale delle cheesecake classiche.

È un prodotto caseario usato da secoli dalle popolazioni del Mediterraneo, e tutt’oggi conquista i palati più golosi. Qual è la differenza tra lo yogurt classico e quello greco? Tutto sta nella lavorazione: la consistenza densa è data dall’eliminazione, durante la preparazione, del siero del latte più acido. Infatti, se ci fate caso, lo yogurt greco è più delicato.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, questo latticinio di origine greca, è ricco di sali minerali come potassio, sodio, calcio, ferro e fosforo, a cui si aggiungono le vitamine del gruppo A e B.  Non è consigliato a chi è intollerante al nichel in quanto ne contiene un’alta quantità

Ingredienti per 4 gelati

  • 350 gr. di yogurt greco alla vaniglia
  • 50 gr. di polpa di kiwi
  • 4 biscotti ai cereali

Preparazione

Preparare le mini cheesecake al kiwi su stecco è facilissimo, ricordatevi solo che avrete bisogno di 4 bicchieri di plastica e 4 stecchini di legno.

Iniziate frullando la polpa dei kiwi aggiungendovi metà dello yogurt greco alla vaniglia. Mettete la crema ottenuta in una tasca da pasticcere e riponete in freezer per 30 minuti.

Trascorso il tempo prestabilito, disponete i bicchierini sul piano di lavoro e riempiteli con la crema al kiwi e lo yogurt rimasto.

Infine, distribuite su ogni porzione un biscotto sbriciolato, dopodiché, inserite nel centro uno stecchino per gelati.

Riponete in freezer per una notte. Al momento di servire in tavola, eliminate il bicchiere di plastica.

Vedrete che effetto!

Buon appetito!

5/5 (417 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittelle di ricotta e farina di patate

Frittelle di ricotta e farina di patate per...

Di cosa sa la farina di patate? Tra i protagonisti della ricetta delle frittelle di ricotta spicca la farina di patate. E’ una farina particolare e non troppo conosciuta nemmeno tra i celiaci, ma...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...

logo_print