bg header
logo_print

Cream tart salata, un antipasto gustoso adatto a tutti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cream tart salata
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 1 or
cottura
Cottura: 40 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Cream tart salata, un’idea coraggiosa e davvero azzeccata

L’espressione cream tart salata può sembrare un ossimoro. D’altronde stiamo parlando di uno dei dolci più apprezzati della tradizione inglese, che ha spopolato anche dalle nostre parti. Infatti si presta a idee particolarmente creative, soprattutto per quanto riguarda la decorazione. Io ho fatto una scelta diversa e ben più radicale, ossia ho trasformato la cream tart in uno snack salato. Ovviamente ho dovuto rivoluzionare gli ingredienti, soprattutto per quanto concerne l’impasto e la guarnizione. Reputo però che il risultato sia perfetto, soprattutto per gli amanti delle torte salate a base di formaggi e verdure.

L’impasto è comunque dato da una frolla impreziosita da una modica quantità di sale e dal Parmigiano Reggiano grattugiato. Specifico, inoltre, che ho utilizzato esclusivamente farine senza glutine, in modo da rendere la ricetta accessibile a chi soffre di intolleranza a questa sostanza. La cream tart è però apprezzabile anche da chi non soffre di questi disturbi, insomma è una ricetta per tutti!

Ricetta cream tart salata

Preparazione cream tart salata

La cream tart salata è molto semplice da realizzare, basta seguire passo-passo la ricetta. Iniziate dalla pasta frolla. In una ciotola versate le farine, il Parmigiano Reggiano, il bicarbonato ed il sale. Alla fine aggiungete il burro freddo. Amalgamate il tutto con le mani fino ad ottenere un impasto sbricioloso. A questo punto aggiungete le uova e riprendete ad impastare fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea. Quando sarete soddisfatti del risultato, avvolgete la frolla nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero per 30 minuti circa. Nel frattempo disegnate un cerchio da 20 cm di diametro con al centro un secondo cerchio da 10 cm e ritagliate il perimetro di entrambi i cerchi. Trascorso il tempo di riposo, stendete due terzi della frolla su un foglio di carta da forno.

Vi consiglio di stendere la frolla fino ad uno spessore di 2-3 mm. Fate scivolare la carta forno con la frolla in una teglia e mettete la sagoma di carta sopra l’impasto, in questo modo avrete una guida per tagliare con precisione la base della cream tart salata. Dopo aver ricavato il primo disco, seguite lo stesso procedimento per ottenerne un secondo. Non buttate gli avanzi, impastateli nuovamente ed utilizzateli per dei biscottini con forme a piacere.

Fate riposare le teglie in frigorifero per altri 30 minuti prima di preriscaldare il forno a 180° ed infornare. Dopo 15 minuti potete sfornare! Mentre la frolla si raffredda, continuate con la preparazione della cream tart salata.Tagliate a rondelle sottili i ravanelli e le olive, ed in quattro parti i pomodorini. Infine affettate il salame e dividete le fette a metà.

Per quanto riguarda la farcia versate la panna in una ciotola e montatela con la frusta elettrica. Non appena inizierà ad addensarsi, unitevi anche lo spalmabile. Continuate a montare il tutto finché la crema non sarà soda e compatta, poi trasferitela in una sacca da pasticceria con la bocchetta liscia. Ora arriva il bello! Decorate il primo disco di pasta frolla, ricoprendolo con fiocchetti di crema al formaggio. Adagiatevi sopra il secondo cerchio e farcite nuovamente. Infine decorate a piacere con pomodorini, olive, salame, ravanelli, biscottini di frolla, basilico greco e fiori di borragine. Prima di servire, lasciate la cream tart salata in frigorifero per almeno un’ora.

Per la frolla:

  • 150 gr. di farina di riso,
  • 50 gr. di farina di quinoa,
  • 50 gr. di farina di tapioca,
  • 40 gr. di farina di sorgo,
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato,
  • 2 uova,
  • 140 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale,
  • un quarto di cucchiaino di bicarbonato.

Per la farcia:

  • 200 ml. di panna da montare Senza Lattosio,
  • 2 confezioni di Exquisa Fresco Cremoso Senza Lattosio.

Per la decorazione:

  • pomodori ciliegino,
  • olive verdi,
  • olive nere,
  • ravanelli,
  • fiori di borragine,
  • basilico greco,
  • salame.

Quali farine usare per questa cream tart salata?

Vorrei soffermarmi proprio sulle farine che ho scelto per questa cream tart salata. Ho attinto a piene mani dal mondo delle farine gluten, sicché troviamo la farina di riso, quella di quinoa, quella di tapioca e quella di sorgo, ciascuna delle quali garantisce il suo contributo sul sapore. La farina di riso conferisce all’impasto una certa delicatezza, la quinoa regala sentori leguminosi e corposi. La farina di tapioca garantisce invece sentori aromatici, mentre quella di sorgo conferisce alla tart una rusticità spiccata.

L’assenza di glutine non è l’unico pregio nutrizionale di queste farine, infatti sono addirittura più nutrienti della classica farina di frumento. D’altronde sono molte più ricche di sali minerali e di vitamine del gruppo B, coinvolte a vario titolo nel metabolismo energetico. Inoltre queste farine presentano un apporto superiore di proteine (in particolare la quinoa). Senza dimenticare l’incredibile abbondanza di fibre, che favoriscono la digestione e riequilibrano la flora intestinale.

Cream tart salata

Una farcitura semplice e di grande effetto

Uno dei punti di forza della cream tart salata risiede nella farcitura. Essa è formata da due ingredienti che danno vita a una crema in grado di stuzzicare il palato e di impattare profondamente sulla texture di questa torta salata. Nello specifico la farcitura è realizzata con panna e formaggio spalmabile. Il procedimento è molto semplice in quanto consiste nel montare la panna e nell’integrare con estrema delicatezza lo spalmabile. L’impatto in termini organolettici è decisivo, quindi vi consiglio di scegliere con attenzione il formaggio spalmabile.

Io mi affido a Exquisa, leader in questo tipo di preparazioni e mi trovo sempre bene. L’offerta è molto ampia e in grado di soddisfare anche le esigenze degli intolleranti al lattosio. Il riferimento è proprio al Fresco Cremoso Senza Lattosio, uno spalmabile identico per gusto e proprietà nutrizionali dall’originale. Come tutti i prodotti di Exquisa è realizzato con la migliore materia prima e con procedimenti che ne preservano la genuinità.

Come decorare la cream tart salata?

La ricetta della cream tart salata, come si evince dalla foto, si presenta con colori sgargianti. Ciò è reso possibile da una guarnizione che non lesina di ingredienti. Troviamo infatti un bel mix di ortaggi, verdure, elementi di carne e persino fiori eduli. Vi consiglio inoltre di utilizzare i pomodori ciliegino, le olive (sia verdi che nere), i ravanelli e i fiori di borragine. In questo modo ogni fetta sarà una sorpresa e diversa dalle altre per sapore e resa cromatica.

Tra le altre cose, tutti questi ingredienti non incidono più di tanto sull’apporto calorico della ricetta, che si mantiene tutto sommato leggero. Sui pomodori c’è veramente poco da dire, in quanto sono notoriamente ipocalorici. Lo stesso si può dire dei fiori di borragine e persino delle olive, il cui apporto in termini di grassi è meno importante di quanto si possa pensare. Qualche timore in più da questo punto di vista può generarlo il salame, tuttavia basta non esagerare con le dosi e scegliere una verità meno grassa, come può essere il salame Milano e l’Ungherese.

Ricette di cream tart ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Brandade de Morue à la Nimoise

Brandade de Morue à la Nimoise: lo snack...

Tutto il sapore del baccalà Il protagonista di questa ricetta è il baccalà, che qui viene sottoposto a un trattamento particolare. Tanto per cominciare viene dissalato, ossia viene lasciato in...

Aperitivo con arancia

Aperitivo con arancia, un’idea creativa per i buffet...

Aperol, una bevanda leggendaria L’elemento più caratteristico della ricetta dell'aperitivo con arancia è l’Aperol. Siamo parlando di una bevanda molto conosciuta, che ha attraversato oltre un...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...