Zucchine ripiene, scopri tante ricette per tutti i gusti!

zucchine ripiene di tonno e uova di quaglia
Stampa

La versatilità delle zucchine ripiene

Le zucchine ripiene sono parte integrante della cucina italiana e sono molto utilizzate in numerose ricette. Ne esistono numerose varianti, alcune delle quali di derivazione puramente regionale, altre meno legate alle tradizioni locali, ma in grado di valorizzare alla perfezione l’ortaggio, apprezzato per il gusto, le capacità nutritive e per la sua versatilità. Queste caratteristiche si riscontrano nelle numerose ricette delle zucchine ripiene, piuttosto che in ricette simili a base di pomodori, melanzane e altre verdure.

Uno dei motivi per cui esistono così tante ricette di zucchine ripiene consiste nell’eterogeneità della zucchina stessa. Le zucchine vengono in genere classificate in zucchine lunghe e zucchine tonde. A seconda della tipologia, la ricetta assume un aspetto diverso. Per esempio, le zucchine tonde possono essere farcite come un peperone o un pomodoro, in questo caso si taglia via la calotta, si estrae un po’ di polpa e si prepara la farcitura (valorizzata spesso della polpa stessa). Le zucchine lunghe, invece, si tagliano per lungo in modo da ricavare un involucro che ricorda la forma di una tegola. Le ricette, ovviamente, differiscono anche per la farcitura. L’unico limite, nella fattispecie, è quello dettato dalla fantasia.

Tutti i pregi nutrizionali delle zucchine

Vale la pena soffermarsi sulle zucchine in generale, prima di suggerire delle ricette sfiziose che hanno come protagoniste le zucchine ripiene. D’altronde, è uno degli ortaggi preferiti e più consumati in Italia. Coniuga, infatti, un sapore eccellente a una capacità nutrizionale rara anche per il mondo vegetale. La zucchina è ricchissima, per esempio, di sali minerali. Nello specifico apporta potassio, ferro, calcio e fosforo. Stesso discorso per le vitamine, ovvero per la vitamina C e la A. Le zucchine contengono, inoltre, tanti amminoacidi come la lisina, l’arginina, la tirosina e il triptofano. Alcuni di questi, va detto, svolgono una funzione antiossidante, quindi riducono gli effetti dei radicali liberi e contribuiscono alla prevenzione delle patologie oncologiche.

Alla luce di tutto ciò, si può affermare che le zucchine esercitino molte proprietà benefiche. In primo luogo sono detossinanti, diuretiche e persino moderatamente lassative. Inoltre sono energizzanti e mineralizzanti (grazie soprattutto alla presenza massiccia del potassio). Infine, contribuiscono a ridurre la pressione sanguigna, abbassando il rischio di incorrere in patologie cardiache acute (infarto, ictus etc.). Tutto ciò al costo di un apporto calorico davvero basso, persino per gli standard della categoria: 100 grammi di zucchine contengono solo 11 kcal. Ciò le rende un alimento ideale anche in caso di diete dimagranti.

Le migliori ricette con le zucchine ripiene

Qui vi presento alcune ricette di zucchine ripiene, sia tonde che lunghe, sia vegetariane che non. Tuttavia vi rimando, volta per volta, alle relative ricette pubblicate su Nonnapaperina.it. Iniziamo con una ricetta tutto sommato classica, ossia le zucchine ripiene con fiocchi di latte. Per questo tipo di ricetta vanno utilizzate le zucchine lunghe. Esse accolgono un ripieno molto corposo, realizzato con il tonno (possibilmente al naturale e senza olio), fiocchi di latte, spezie varie e uova di pesce, meglio se di salmone. Insieme formano una ricetta molto gustosa e anche sufficientemente leggera, sia per la cottura al forno, che per l’assenza di grassi aggiunti.

Una ricetta per certi versi simile, ma alquanto originale, è quella delle zucchine ripiene di tonno e uova di quaglia. Come nella ricetta precedente, anche qui sono presenti il tonno e le uove. Queste, però, sono di quaglia ed hanno un sapore unico e particolare (differente da quello dell’uovo tradizionale). Dal punto di vista organolettico questa ricetta si caratterizza per un sapore abbastanza intenso, come si evince dalla presenza della cipolla e dei capperi. In questo caso, le zucchine utilizzate sono tonde.

Alcune ricette originali con le zucchine

Una ricetta davvero originale, invece, è quella delle zucchine ripiene con pane di mais viola. La particolarità consiste esattamente nella presenza di questo tipo di pane, che è estremamente gustoso e ricco, in quanto realizzato con numerose farine. Il pane, debitamente trattato, va a formare il ripieno insieme a tanti altri ingredienti come i pomodori, i capperi, le acciughe, l’amaranto etc. Anche in questo caso, infine, vanno utilizzate le zucchine tonde.

Un’altra ricetta con la variante tonda è quella delle zucchine ripiene “vegetariane”. Esse si caratterizzano per una farcitura realizzata senza carne e pesce, nonché per una leggerezza spiccata. La farcitura vede la presenza di pangrattato, parmigiano, qualche spezia, uno scalogno e il pak choi, una specie di cavolo che si coltiva (e si consuma) soprattutto in Estremo Oriente.

Concludo con una ricette che vede come protagonista la variante lunga delle zucchine, ossia le zucchine ripiene di tofu. Si tratta di una ricetta molto leggera, gustosa e semplici da preparare. Il ripieno è realizzato con una manciata di ingredienti ben selezionati: il timo, i capperi, il pangrattato e soprattutto il tofu di canapa. Quest’ultimo ingrediente è un surrogato del tofu standard, simile per consistenza ma differente per gusto. La farcitura va realizzata con la polpa delle zucchine, che deve essere cotta in un po’ d’olio e con uno spicchio d’aglio.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela!

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una delle piante più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...

Lasagne vegetariane

Lasagne vegetariane, un mondo da scoprire

Lasagne classiche e lasagne alternative Le lasagne vegetariane sono versioni alternative delle lasagne classiche. Possono sembrare una stravaganza bizzarra, ma in realtà rappresentano - a modo loro...

limone

Il limone, i suoi usi nell’alimentazione e nella...

La storia del limone. Si ritiene che il limone sia originario del sudest asiatico, forse della Malesia. Tutti i frutti di questa famiglia sono probabilmente originari del sudest asiatico,...

aceto

L’aceto, un alleato per l’igiene della casa e...

L’aceto, una risorsa preziosa L’aceto è un alimento prezioso. I suoi usi riguardano soprattutto la gastronomia, in merito alla quale interviene nella veste di condimento. L'aceto è un...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti